Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni

Ciao a tutti.

Dopo aver traslocato a causa di vicini del piano di sopra decisamente molto, molto rumorosi, ho cercato una casa all'ultimo piano.

Fino a qualche mese fa, tutto abbastanza bene: giusto le feste del week end di quello a fianco e le urla di quello di sotto, con mobili strusciati a svariati orari.

Ma vabbe, pazienza.

 

Da qualche mese, quello sotto è andato via. Al suo posto è arrivata una signora con la figlia di 13-14 anni. Quest'ultima è un incubo. Musica a palla tre-quattro ore al giorno, tallonamenti sul pavimento, porte sbattute che mi fanno tremare i vetri, amici in casa con musica, urla, salti e affini.

 

So che non risolveró nulla.

È solo uno sfogo per la classica sfortuna

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Addirittura senti i salti e i tallonamenti dal piano di sopra? Queste case le fanno di paglia ormai.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Purtroppo sì. Dei pestoni fortissimi. Ma solo della ragazzina

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Veronique87 non sai quanto ti capisco! Stesso percorso....casa ultimo piano e non si vive fra quelli di sotto e quelli di lato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Purtroppo, a mie spese ho capito che non c'è nessuna buona maniera che tenga.

Al momento non posso cambiare nuovamente casa.

Quindi ripago con la stessa moneta. Musica a palla loro, musica palla mia.

Dovessero venirmi a dire qualcosa, spiegherò che se devo ascoltare musica, almeno ascolto qualcosa che mi piace

 

- - - Aggiornato - - -

 

Anche perché a me è ricominciato lo stato di ansia e tachicardia. Non ho nessuna intenzione di esaurirmi com'è capitato nell'altra casa. Sarò civile ed educata con chi lo è con me.

Anche perché quando le ho incontrate la prima volta mi hanno detto: ci chiedevamo se sopra abitasse qualcuno perché non sentivamo nulla.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La musica continua. A volume ridotto ma continua

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Quindi ripago con la stessa moneta. Musica a palla loro, musica palla mia.

Secondo la legge dell'occhio per occhio .....

Ormai abrogata perchè non porta a nulla, se non all'inasprirsi dei rapporti tra individui.

 

Anche perché a me è ricominciato lo stato di ansia e tachicardia. Non ho nessuna intenzione di esaurirmi com'è capitato nell'altra casa. Sarò civile ed educata con chi lo è con me.

Anche perché quando le ho incontrate la prima volta mi hanno detto: ci chiedevamo se sopra abitasse qualcuno perché non sentivamo nulla.

Queste malattie psicosomatiche purtroppo vengono anche a me ed anzi mi si sono anche imbiancati e caduti i capelli, ma i medici dicono che sia per altra causa. Ipotizzano la vecchiaia.😉

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Meno male che ci sei tu! Chissà come avrei fatto altrimenti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Veronique87 ti capisco! L'ultimo piano non ti ripara da niente se non che sopra la testa non ti salta nessuno ma i rumori della gente sottostante e dei laterali sono gli stessi!! Cambia pochissimo

La gente e' fuori di testa, arrogante e maleducata, pensa di poter fare cio' che vuole! OUT anche la villetta a schiera centrale: che Dio ce ne scampi, peggio del condominio!

Se proprio proprio la villetta laterale con 1 solo vicino nella speranza che questo unico vicino sia educato!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Idem con patate. Dopo incubi vissuti in diversi piani di sotto, ora ho di lato una bambina che picchia per ore con il letto contro la parete del mio soggiorno, sotto, un nugolo di extracomunitari che produce rumori infernali e accanto alla stanza da letto, due vecchi maledetti che dopo un anno di silenzio, hanno installato un dolby surround e mi danno il tormento fino all'una, una e mezza di notte. Dopo liti furibonde, avevano smesso, ora è tutto ricominciato.

L'ultimo piano, non serve a niente, il condominio è un inferno per chi è stato già abusato da rumore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Concordo con Aiuto! VIA dal condominio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Nella mia zona le villette sono inavvicinabili come prezzi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Nella mia zona le villette sono inavvicinabili come prezzi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Giusto! Le buone maniere innanzitutto. E poi un po' di senso della realtà.

A che ora sente musica sta ragazzina? E per quanto tempo?

La mia vicina ama la musica alta, la sente ogni tanto e non di sera tardi. Le piace e si, ogni tanto mi capita un'oretta di musica. E ci canta pure dietro. Immagino che le piaccia tanto e la faccia sentire meglio. Che dovrei fare: farmi venire l'ulcera? Lamentarmi? Ritorsioni con musica metalla pesante? UUUhhh, che fatica!!

Mah... insomma, ogni tanto metto in conto che sento un po' di musica e bon, finisce lì.

Sappiamo tutte e due che ho un credito se mi capita di fare una cena con amici un po' più frizzante o altro un po' fuori ordinanza siamo pari e patta e viviamo serene.

Non ci fisso sopra l'attenzione. Ho preso una casa che affaccia anche su un parco e più spesso sento le cornacchie che fanno un gran casino anche prima dell'alba. Che devo fare? Sparare?

Scrivere una mail di fuoco all'ospedale perchè alle volte la notte capita di sentire ambulanze come se fossero in salotto?

Insomma, non mi va nè di pressare gli altri, nè di essere pressata.

Se proprio non si giunge al delirio considero che la mia vita scorre a pochi centimetri da altre vite e non posso pensare di vivere o far vivere nel silenzio.

Oltretutto manco mi piacerebbe. E quando mi capita di essere in luoghi silenziosissimi mi viene anche un po' di malinconia. Per qualche anno ho vissuto in un edificio di soli uffici. Al di fuori degli orari di ufficio era una tomba. C'erano parecchi altri punti negativi e comunque di tutto quel silenzio non sapevo che farmene. Non sono così stressata

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Tutti i giorni, dal lunedi al sabato, dalle 14 alle 20.

La musica c'è sempre. Per carità è una ragazzina di 14 anni e ci sta. Ma almeno adesso se tengo la tv accesa non la sento.

Prima anche con la tv a volumi molto alti, si sentiva ugualmente. Era davvero snervante...

Io lavoro spesso da casa e anche con i tappi c'era poco da fare. Va bene la tolleranza, ma tu hai diritto di ascoltare la musica e io di non sentirla. Se vuoi stonarti, ti metti le cuffie. Altrimenti la tieni ad un volume accettabile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Pagherei oro per vivere in un condominio silenzioso altro che malinconia!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Forse il problema è che quando si ha a che fare con maleducati (tipo quelli che avevo sopra di me nell'altra casa: una famiglia di 4 persone che tra urla, musica a palla, rumori fino alle 4 del mattino etc) si diventa insofferenti a tutto. E me ne rendo conto perché, per esempio, quando vado dai miei genitori noto rumori che prima non calcolavo.

Certo è che adesso abito in un condominio degli anni 70 e le pareti sono di carta velina, quindi si sente ogni cosa. Probabilmente la musica a palla mi avrebbe dato fastidio lo stesso, ma non avrei notato altri rumori, come i passi, le voci, qualche colpo.

Quindi se ora la musica è a livelli accettabili e io la sento ugualmente, è un problema mio se mi da fastidio. Ma se metto i tappi o accendo la tv non la sento, se non mi focalizzo su di essa.

È proprio questo che devo cercare di cambiare: non devo percepire il rumore come un pericolo. Certo, è difficilissimo se si è traumatizzati, ma che ci si deve fare?

 

Vorrei provare i rumori bianchi. Lo conoscete?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Forse il problema è che quando si ha a che fare con maleducati (tipo quelli che avevo sopra di me nell'altra casa: una famiglia di 4 persone che tra urla, musica a palla, rumori fino alle 4 del mattino etc) si diventa insofferenti a tutto. E me ne rendo conto perché, per esempio, quando vado dai miei genitori noto rumori che prima non calcolavo.

Certo è che adesso abito in un condominio degli anni 70 e le pareti sono di carta velina, quindi si sente ogni cosa. Probabilmente la musica a palla mi avrebbe dato fastidio lo stesso, ma non avrei notato altri rumori, come i passi, le voci, qualche colpo.

Quindi se ora la musica è a livelli accettabili e io la sento ugualmente, è un problema mio se mi da fastidio. Ma se metto i tappi o accendo la tv non la sento, se non mi focalizzo su di essa.

È proprio questo che devo cercare di cambiare: non devo percepire il rumore come un pericolo. Certo, è difficilissimo se si è traumatizzati, ma che ci si deve fare?

 

Vorrei provare i rumori bianchi. Lo conoscete?

 

Secondo me sei sulla strada giusta! Una strada di consapevolezza. Ti faccio notare che anche nelle case isolate si sentono un sacco di rumori. Rumori della natura, magari, ma come decibel siamo lì con i passi del vicino, se ci pensi. A casa di mia nonna praticamente in mezzo ad un bosco si sentono i tonfi dei ghiri che hanno preso possesso del sottotetto, le foglie mosse dal vento, le rane che fanno un bel casino, uccelli piccoli e grandi, la pioggia sul tetto e che scorre nella grondaia, e pure la ronda della vigilanza notturna. In città ancora di più, ci sono un sacco di rumori della "natura" cittadina.

Salvo casi veramente ma veramente gravi, i rumori della vita altrui... passi, qualcosa che cade, voci, l'uso del bagno devono entrare nella nostra testa come se fossero il rumore della pioggia che batte sul tetto di una capanna isolata.

Ti posso assicurare che impegnarsi in questo senso è un modo eccellente per vivere meglio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Io credo che il mio problema sia questo:

Quando abitavo nell'altra casa, la famigliola di cafoni faceva rumore appositamente per farci dispetto. Quindi camminate con i tacchi per ore a notte fonda, musica a palla. Stavano a casa tutto il giorno. Ho saputo che non pagavano l'affitto da mesi e poi se ne sono andati.

 

Quindi, adesso, ogni rumore dei vicini viene visto come un qualcosa di fatto per dispetto, appositamente contro di me. Ma non è così.

La ragazzina ascolta la musica perché le piace. prima a volume alto perché era abituata a vivere in una villetta e faceva quello che le pareva. Adesso si regola e la tiene a volumi accettabili.

 

I rumori esterni, come auto, lavori e simili non mi danno alcun problema perché non li percepisco come pericolosi e come rivolti a me.

Devo arrivare ad associare questo concetto anche ai rumori prodotti dai vicini. Non è facile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×