Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Bose

Detrazioni fiscali - sapete dirmelo con certezza?

Buona sera a tutti,

Grazie a Dio, ho qualche immobile, e una buona disponibilità economica.

Con questa liquidità, volevamo comprarci una casa (cointestata tra me e mia moglie) di due piani più il piano terra adibito a locale commerciale (mi piacerebbe capire se l'iva quà è al 10%, o 22%, sapete dirmelo con certezza?).

Quindi ristrutturerei e farei: pian terreno locale commerciale, piano terra e piano primo due trilocali, da affittare o vendere, si vedrà.

Vengo al dunque.

La ristrutturazione mi costerebbe circa 150.000,00 più iva (grosso modo da quello che mi ha detto il mio tecnico), più 6/8% per la spesa del tecnico.

Inizio con le domande:

 

(1) L'iva la si recupera per 50% giusto? Quindi 150K+10%di iva (penso che è al 10% per gli appartamenti NON prima casa, vero?, o al 22%?) fa 165.000,00, quindi in 10 anni, recuperiamo 82.500,00. Ovviamente sempre se in due abbiamo irpef. Sbaglio qualcosa?

 

(2)I 96.000,00 sono solo per la ristrutturazione giusto? Il 50% di detrazione per l'energetico (tetto e infissi) confermati per il 2018, è un'altra cosa a parte da aggiungere ai 96.000,00 per la ristrutturazione, giusto?

 

(3) Il 6/8% della cifra relativa alla ristrutturazione, ovvero la parcella del tecnico che segue i lavori, rientra nella cifra detraibile al 50%?

 

Grazie a chi mi chiarirà un pò le idee.

 

Saluti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
"Con questa liquidità, volevamo comprarci una casa (cointestata tra me e mia moglie) di due piani più il piano terra adibito a locale commerciale (mi piacerebbe capire se l'iva quà è al 10%, o 22%, sapete dirmelo con certezza?)."

Il trattamento fiscale IVA e ai fini dell’imposta di registro dipende dalla tipologia dell’immobile e dalla tipologia del venditore se titolare di partita IVA che opera come imprenditore o come persona fisica.

Se, come presumo, l’acquisto è riferito alla prima casa, le imposte agevolate sono:

• se il venditore è un privato o un’impresa che vende in esenzione Iva − imposta di registro proporzionale nella misura del 2% − imposta ipotecaria fissa di 50 euro − imposta catastale fissa di 50 euro

• se si acquista da un’impresa, con vendita soggetta a Iva − Iva ridotta al 4% − imposta di registro fissa di 200 euro − imposta ipotecaria fissa di 200 euro − imposta catastale fissa di 200 euro.

Altre informazioni utili le puoi ottenere consultando la guida per l’acquisto della prima casa fornita dall’ADE.

 

1) Il beneficio fiscale per ristrutturazione si calcola sul totale del valore della ristrutturazione comprensivo dell’IVA in ragione del 10% considerando il tetto massimo di spesa di € 96.000 : nel tuo caso, poiché la spesa supera il tetto massimo di € 96.000, potrai detrarre il 50% di € 96.000 = € 45.000.

Nel 2018 la detrazione per ristrutturazione sarà pari la 36%, salvo conferma del 50% con la nuova legge di stabilità.

2) Il beneficio fiscale per il risparmio energetico pari al 65% della spesa sostenuta inferiore al tetto massimo di € 92.307,69, è cumulabile col beneficio per ristrutturazione se il tipo di intervento è diverso da quello per il quale si chiede il beneficio per ristrutturazione.

La detrazione massima è pari al 65% di € 92.307,69 = € 60.000.

3) le competenze professionali del tecnico e dei tecnici che seguiranno i lavori beneficiano della detrazione per ristrutturazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie, gentilissimo!

Sono un privato, e non è prima casa, sono proprietario di altri immobile oltre a quello che abito dove sono appunto residente.

96.000,00:2 (50%), fa 48.000,00 e non 45.000,00 comunque, non lasciamo soldini nel “calderone”...

Nel 2018 la detrazione della ristrutturazione sarà come l’attuale, e cioè 50%, cambierà per il risparmio energetico, passerà dall’attuale 65% al 50% e sarà sempre di 96.000,00.

Nel mio caso che faccio ristrutturazione e interventi al tetto e infissi, posso accumularli entrambi.

Il dubbio mi viene sull’iva, ma leggendo un po’, sul sito ADE, ho notato che è il 10% per le imprese (muratore, posatore intonaci, tetto etc etc che riguardano i due appartamenti), 22% per tutto quello che riguarda il locale commerciale del piano terra, e sempre 22% per il geometra che mi farà da tecnico, che ovviamente come giustamente dici tu, sarà da portare in detrazione del 50% anche lui è l’iva che gli verserò (si detrae anche l’IVA, almeno cosi ho capito).

Questo e’ quello che ho interpretato io.

Spero di non sbagliarmi.

Tu che ne pensi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

errata corrige

48.000,00 e non 45.000,00

I lavori di ristrutturazioni in locali commerciali che siano ubicati in edifici a prevalente destinazione abitativa privata sono soggetti all'IVA del 10%.

L' aliquota IVA sulle prestazioni professionali è pari al 22%, detraibile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie, non l’ho trovato da nessuna parte questo “dettaglio”, e cioè che se il locale commerciale si trova nella struttura della ristrutturazione dove ci sono appartamenti, l’iva e’ al 10, e non al 22.

L’hai letto sul sito ade?

Comunque grazie ancora.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

L’art. 7, comma 1, lett. b) della L. n. 488/99 prevede l’applicazione dell’aliquota Iva ridotta del 10% alle “prestazioni aventi per oggetto interventi di recupero del patrimonio edilizio di cui all’art. 31, primo comma, lettere a), b), c) e d), della legge 5 agosto 1978, n.457, realizzati su fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata”.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie, sei molto tecnico, complimenti!

Posso chiederti se a te risulta che per il locale commerciale appunto sotto i due appartamenti che voglio ristrutturare, goda di detrazioni ridotta per la ristrutturazione, e cioè non al 50% ma al 36%?

Grazie ancora.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Contrariamente a quanto ho ipotizzato a seguito di una lettura distratta del tuo scritto, l’acquisto dell’immobile non è riferito alla prima casa, pertanto la ristrutturazione prevede oltre agli interventi nelle due abitazioni , anche lavori nel locale commerciale che non godrebbe del beneficio fiscale del 50% se non fossero previsti interventi che trasformino il locale definito commerciale, accatastato con categoria C1, in di una unità di civile abitazione, con conseguente cambio d’uso da negozio ad abitazione,

In generale, se il locale commerciale non può beneficiare della detrazione per ristrutturazione, invece, può beneficiare dell’agevolazione per riqualificazione energetica:

L’agevolazione per la riqualificazione energetica, a differenza di quella per le ristrutturazioni, riservata ai soli edifici residenziali, interessa i fabbricati esistenti di tutte le categorie catastali (anche rurali) compresi quelli strumentali.

Inoltre, poiché tu e tua moglie sarete gli unici proprietari delle unità immobiliari facenti parte della palazzina, sulle parti comuni alle suddette unità distintamente accatastate avete diritto alla detrazione per le spese relative agli interventi realizzati sulle suddette parti comuni.

(Risoluzione 12.07.2007 n. 167, risposta 3)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie G.ago, quindi il locale commerciale sotto i due appartamenti non gode del 50% sulla ristrutturazione?

E la sua iva?

Vale sempre il tuo articolo sopra o diventa 22%?

Praticamente se mi confermi quanto sopra, di quel locale detraggo solo gli infissi (che dal 65% di quest’anno andrà al 50% per il 2018) e basta (ovviamente il tetto lo detraggo al 50%, anche se non lo coibento, ma appunto ristrutturo appena) giusto?

Comunque grazie, e’ un piacere confrontarmi con persone tecniche e precise.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Bene, grazie! Iva 10% quindi....

Buone notizie ogni tanto...

Per gli impianti idraulici ed elettrici non si detrae il 50% vero G.ago?

Mi è stato detto proprio oggi, io pensavo di sì invece...

La verità quello che mi ha detto questa degli impianti mi ha anche detto che il tetto in legno non entra nella detrazione 50%, in realtà il tetto rientra e come, non rientra nell’energetico qualora non lo coimbenti (come nel mio caso che ho una soletta e non serve coimbentarlo), ma rientra comunque nel 50% della detrazione fiscale.

Purtroppo a volte si interpreta male un po’ tutto.

Io per esempio, credevo come scritto sopra che gli impianti idrici ed elettrici, rientrassero nel 50% della ristrutturazione, invece a quanto pare no...

Pace!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

L'impianto elettrico e quello idraulico che rientrano nella ristrutturazione delle abitazioni, beneficiano della detrazione.

Ti consiglio di leggere le istruzioni che trovi sul dito dell'ADE e di consultare i tecnici cui dovrai necessariamente affidare il progetto, la coordinazione e la direzione ed eventualmente la responsabilità dei lavori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ciao G.Ago, intanto ti ringrazio per tutte le info.

Secondo te, facendo questa ristrutturazione e appunto poter usufruire del 50% della stessa (tra l'altro in comune ci siamo informati e dicono che forse non c'è da pagare neanche gli oneri comunali per la ristrutturazione, perchè tutto quello che vogliamo fare, rientra nella manutenzione straordinaria nonostante c'è c'è anche da rifare il tetto), dici che ho per forza bisogno di un tecnico'

Un geometra, per fare un progettino che tra l'altro già ho per mano del vecchio proprietario, direzione lavori e magari altro che non mi viene in mente adesso, mi ha chiesto l'8% della spesa che farò, quindi se spendo 200K, vuole più di 15.000,00.

Avendo tempo a disposizione, potrei fare a meno o per lo meno limitargli gli incarichi (sempre se non posso farli io, altrimenti faccio tutto io dalla A alla Z) per risparmiare qualcosa?

O ci sono cose che deve per forza fare un tecnico?

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La collaborazione del tecnico o dei tecnici è necessaria anche per essere in regola con la documentazione richiesta per l'ottenimento del beneficio fiscale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Cavoli, ma 15.000,00 sono una cifra esagerata!

Dato che l’impresa che farà i lavori ha geometri e ingegneri al suo interno, più tosto che lo sconto, chiedo che mi venga eseguito questo incarico (risparmiando 15k), e poi io vigilo i lavori per evitare il conflitto d’interesse.

Ovviamente metto nero su bianco che delego questo lavoro per tali incarichi, assolvendomi da ogni responsabili civile e penale.

Cosa dici?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×