Vai al contenuto
technobi

Detrazione fiscale spese di progettazione antisismica

Un cliente, proprietario di un intero palazzetto a tre piani (cielo terra in muratura della fine dell'ottocento) mi conferisce l'incarico professionale per redigere un progetto di risanamento strutturale dell'immobile con miglioramento e/o adeguamento sismico in base alle vigenti norme tecniche sull'edilizia.

 

Chiedo di sapere:

 

1) Le spese solo tecniche, senza dare successivo incarico ad impresa per l'esecuzione dei lavori preventivati (in progetto) possono fruire della detrazione fiscale del 50% ?

2) Se si, trattandosi di unica proprietà (no condominio) che incombenze preventive servono per fruire della detrazione fiscale del 50% (ripeto - al momento per le sole spese di progettazione tecnica di restauro ed adeguamento antisismico) ?

Un cliente, proprietario di un intero palazzetto a tre piani (cielo terra in muratura della fine dell'ottocento) mi conferisce l'incarico professionale per redigere un progetto di risanamento strutturale dell'immobile con miglioramento e/o adeguamento sismico in base alle vigenti norme tecniche sull'edilizia.

 

Chiedo di sapere:

 

1) Le spese solo tecniche, senza dare successivo incarico ad impresa per l'esecuzione dei lavori preventivati (in progetto) possono fruire della detrazione fiscale del 50% ?

No...........................

Dalla guida AdE si legge:

 

MISURE ANTISISMICHE IN ZONE AD ALTA PERICOLOSITÀ

Fino al 31 dicembre 2015, è prevista una maggiore detrazione per le spese sostenute per interventi di adozione di misure antisismiche, le cui procedure di autorizzazione sono state attivate a partire dal 4 agosto 2013 (data di entrata in vigore della legge n. 90/2013), su edifici ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità.

In particolare, è riconosciuta una detrazione pari al 65% delle spese effettuate dal 4 agosto 2013 al 31 dicembre 2015.

 

ALTRE SPESE AMMESSE ALL’AGEVOLAZIONE

Oltre alle spese necessarie per l’esecuzione dei lavori, ai fini della detrazione è possibile considerare anche:

 le spese per la progettazione e le altre prestazioni professionali connesse

 le spese per prestazioni professionali comunque richieste dal tipo di intervento

 le spese per la messa in regola degli edifici ai sensi del DM 37/2008 - ex legge 46/90 (impianti elettrici) e delle norme Unicig per gli impianti a metano (legge 1083/71)

 le spese per l’acquisto dei materiali

 il compenso corrisposto per la relazione di conformità dei lavori alle leggi vigenti

 le spese per l’effettuazione di perizie e sopralluoghi

 l’imposta sul valore aggiunto, l’imposta di bollo e i diritti pagati per le concessioni, le autorizzazioni e le denunzie di inizio lavori

 gli oneri di urbanizzazione

 gli altri eventuali costi strettamente collegati alla realizzazione degli interventi nonché agli adempimenti stabiliti dal regolamento di attuazione degli interventi agevolati (decreto n. 41 del 18 febbraio 1998).

Poichè le spese per la progettazione e le altre prestazioni professionali connesse sono prodromiche alla realizzazione di ogni tipo di intervento sull'immobile ritengo certamente che tale spesa (Professionale) possa essere posta in detrazione. Successivamente tutto può capitare, se il proprietario non da corso ai lavori, ovvero li esegue parzialmente non ritengo pregiudicata la precedente detrazione per le sole opere progettuali. In buona sostanza il proprietario può eseguire il progetto appaltandolo ad un'impresa anche dopo 5-7 anni. La licenza edilizia ha validità tre anni salvo rinnovo ....

×