Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
carletti.ste

Detrazione fiscale impianti videosorveglianza

Salve,

ho un dubbio in merito alla possibilità di detrarre fiscalmente al 50% le spese relative ad un impianto di videosorveglianza.

In particolare, un condominio che decide di montare questo impianto che tipo vantaggi avrebbe considerato che non è soggetto al pagamento di imposte ai fini IRPEF?

Oppure il diritto alla detrazione spetta ai singoli condòmini sulla base di quanto il costo è stato ripartito dall'amministratore?

 

Grazie a tutti per le delucidazioni che vorrete darmi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La seconda che hai detto, il diritto alla detrazione spetta ai singoli condòmini nei limiti della ripartizione millesimale delle spese, nei limiti delle quote effettivamente pagate, e contestualmente al versamento del relativo bonifico effettuato dall'amministratore.

 

Saluti

dolly

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Volevo gentilmente sapere se anche per l' installazione di una videocamera per controllare la zona della raccolta differenziata in un condominio(per scoprire eventuali trasgressore ai principi della raccolta differenziata) si può effettuare la detrazione fiscale del 50%.

Ringrazio per le gentili risposte.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

per la detrazione fiscale , rispondera DOLORES, per la visione della registrazione su chi NON effettua la raccolta differenziata, NON è possibile , la registrazione è visibile solo dalle forze dell'ordine , su mandato del giudice in caso di reato penale...... Attenzione !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

grazie della risposta però penso che sia un diritto del Condominio addebitare la multa che effettua il Comune al diretto responsabile e non fra tutti i Condomini pertanto penso che rispettando tutti i principi e criteri( videosorvegliare solo la zona da monitorare, esporre il cartello segnaletico, rispettare il tempo di conservazione delle registrazioni, proteggere i dati raccolti con idonee misure di sicurezza che ne consentono l' accesso alle sole persone autorizzare)la registrazione è lecita e possa essere visionata dal responsabile del servizio di videosorveglianza che potrebbe essere la figura dell' amministratore e servire da prova per eventuali contestazioni o cause

Poi esistono sistemi di videosorveglianza alle entrate dei Condomini che non sono collegate con le forze dell' ordine(per il quale ci vuole un cartello segnaletico particolare) e la prima visione dell' accaduto per vedere se è stato ripreso il responsabile del fatto con il congelamento della registrazione viene effettuato dal responsabile del servizio che poi naturalmente si rivolge alle forze dell' ordine con la registrazione per denunciare il reato. Nel caso della raccolta differenziata sarebbe l identico iter. Attendo riscontri. Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/1712680

 

 

2. TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E VIDEOSORVEGLIANZA: PRINCIPI GENERALILa raccolta, la registrazione, la conservazione e, in generale, l'utilizzo di immagini configura un trattamento di dati personali (art. 4, comma 1, lett. b), del Codice). È considerato dato personale, infatti, qualunque informazione relativa a persona fisica identificata o identificabile, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione.

Un'analisi non esaustiva delle principali applicazioni dimostra che la videosorveglianza è utilizzata a fini molteplici, alcuni dei quali possono essere raggruppati nei seguenti ambiti generali:

1) protezione e incolumità degli individui, ivi ricompresi i profili attinenti alla sicurezza urbana, all'ordine e sicurezza pubblica, alla prevenzione, accertamento o repressione dei reati svolti dai soggetti pubblici, alla razionalizzazione e miglioramento dei servizi al pubblico volti anche ad accrescere la sicurezza degli utenti, nel quadro delle competenze ad essi attribuite dalla legge;

2) protezione della proprietà;

3) rilevazione, prevenzione e controllo delle infrazioni svolti dai soggetti pubblici, nel quadro delle competenze ad essi attribuite dalla legge;

4) acquisizione di prove.

 

 

- nel caso di utilizzazione di un sistema di ripresa di aree condominiali da parte di più condomini o del condominio, l'installazione dei relativi impianti
è ammissibile esclusivamente in relazione all'esigenza di preservare la sicurezza di persone e la tutela di beni da concrete situazioni di pericolo, di regola costituite da illeciti già verificatisi,
oppure nel caso di attività che comportano, per esempio, la custodia di denaro, valori o altri beni (recupero crediti, commercio di preziosi o di monete aventi valore numismatico). In quest'ultimo caso va effettuata la necessaria valutazione di proporzionalità (cfr. art. 11, Codice privacy) in rapporto ad altre misure già adottate o da adottare (per esempio, sistemi comuni di allarme, blindatura o protezione rinforzata di porte e portoni, cancelli automatici, abilitazione degli accessi).

Oltre a tali ultimi canoni, nel caso dell'installazione di videosorveglianza in condominio restano validi anche i precetti generali del Codice della privacy, compreso, innanzitutto, il noto diritto alla cosiddetta " informativa", che nel nostro caso va effettuata " almeno" mediante l'esposizione - nei luoghi oggetto della ripresa video - di un cartello di avvertimento che, in facsimile, trovasi allegato ai predetti provvedimenti.

 

 

 

Ovviamente sono d'accordo che molti condomini non effettuano a dovere la raccolta differenziata, nel mio condominio a Milano, come ebbi modo di dire gia in altri post, l'anno 2014 abbiamo "recuperato" 8 multe ..... dura lex sed lex !

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

OK Grazie della risposta però in considerazione che nella zona della raccolta differenziata ci sono stati già due incendi (c' è chi brucia tutto cio' che viene lasciato in maniera disordinata) con chiamata dei vigili forse si ravvisa il caso della tutela dei beni (il muro condominiale è stato danneggiato) da concrete situazioni di pericolo(se non intervenivano alcuni condomini con gli estintori dell' autorimessa il fuoco avrebbe causato danni molto consistenti). Penso che in questo caso ci siano i presupposti per l' installazione.

Giusto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

la risposta era sulle multe e non come poi affermi cambiando la domanda, che "un " condomino da fuoco all'immondizia... !!! Le cose vanno distinte e se è per individuare e multare il condomino , ribadisco , a mio avviso il NON è possibile , per l'incendio "doloso e punibile penalmente" potrebbe essere SI.... solo considerazione personale... ma in che condominio vivi ??

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Buongiorno.

Leggo a proposito sul Vademecum del Garante http://194.242.234.211/documents/10160/2416443/Vademecum+-+Il+condominio+e+la+privacy+-+versione+pagina+singola.pdf alle pagg. 15 - 16 quanto segue:

Le telecamere devono riprendere solo le aree

comuni da controllare (accessi, garage...),

possibilmente evitando la ripresa di luoghi

circostanti e di particolari che non risultino

rilevanti (strade, edifici, esercizi commerciali

ecc.). I dati raccolti (riprese, immagini) devono

essere protetti con idonee e preventive misure

di sicurezza che ne consentano l’accesso alle

sole persone autorizzate (titolare, responsabile

o incaricato del trattamento).

 

Direi che l'amministratore è quindi titolato all'accesso alle immagini.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ospite
Questa discussione è chiusa.
×