Vai al contenuto
Maurigno

Delucidazioni su Lite attiva

Buonasera,

anche se siamo a fine agosto spero che qualcuno possa autarmi a risolvere questo mio quesito.

Ho un condominio che vorebbe intraprendere una lite attiva contro l'impresa che ha costruito l'immobile, l'impresa è ancora proprietaria di due immobili all'interno del condominio. Ora arrivo alla domanda, in assemblea nella deliberazione devo partire dalla base di 1.000 millessimali, oppure devo escludere i millessimali di proprietà dell'impresa di costruzione, perchè potrebbe esserci un conflitto di interessi? Inoltre, i condomini hanno dato mandato ad un ingegnere per far fare una perizia, il quorum per l'approvazione della stessa sono 501 mil.+la maggioranza dei condomini intervenuti, oppure basta un 1/3 di millessimali e 1/3 dei condomini?

Grazie in anticipo, a tutti coloro che mi aiuteranno.

In caso di lite interna i condomini si divideranno in due compagini, probabilmente il costruttore da una parte egli altri condomini dall'altra, comunque in ogni caso sarà sufficiente che uno solo o più condomini agiscano contro la ditta, ovvero non raggiungendo il quorum dell 2° comma dell'art. 1136 cc anche in minoranza sarà possibile proseguire la lite;

 

Dissenso alle liti condominiali art. 1132 cc (liti interne) fazioni schieramenti comppagini

la giurisprudenza (Cassazione, 25/03/1970, n. 801, Cassazione, 15/05/2006, n. 11126) ha stabilito che in caso di lite fra condominio e condomino non è applicabile l’art. 1132. Nel caso di liti “interne” al condominio, il condominio si dividerà in due compagini i/il condomini/o che promuovono o subiscono una domanda ed il resto del condominio, inoltre non è ammissibile imputare le spese di difesa del condominio anche ai condomini che risultano essere la controparte, tanto meno le spese imputate al condominio in caso di esito sfavorevole della lite.

Anche se la Lite attiva rigurda un bene comune come il lastrico solare (infiltrazioni dal terrazzo)?

In caso di lite interna i condomini si divideranno in due compagini, probabilmente il costruttore da una parte egli altri condomini dall'altra, comunque in ogni caso sarà sufficiente che uno solo o più condomini agiscano contro la ditta, ovvero non raggiungendo il quorum dell 2° comma dell'art. 1136 cc anche in minoranza sarà possibile proseguire la lite;

 

Dissenso alle liti condominiali art. 1132 cc (liti interne) fazioni schieramenti comppagini

la giurisprudenza (Cassazione, 25/03/1970, n. 801, Cassazione, 15/05/2006, n. 11126) ha stabilito che in caso di lite fra condominio e condomino non è applicabile l’art. 1132. Nel caso di liti “interne” al condominio, il condominio si dividerà in due compagini i/il condomini/o che promuovono o subiscono una domanda ed il resto del condominio, inoltre non è ammissibile imputare le spese di difesa del condominio anche ai condomini che risultano essere la controparte, tanto meno le spese imputate al condominio in caso di esito sfavorevole della lite.

Anche se la Lite attiva rigurda un bene comune come il lastrico solare (infiltrazioni dal terrazzo)?
Si certo, qualsiasi proprietario può adire al giudice per una parte comune nel caso non si raggiunga il quorum, anzi nel caso di infiltrazione nell'appartamento/i sottostante/i, probabilmente saranno proprio i condomini danneggiati che in primis potranno agire se l'assemblea non delibera, e citeranno forse anche quei condomini che non hanno permesso il raggiungimento della maggioranza utile per adire alle vie legali.

Grazie molto disponibile, quindi il quorum sarà sempre sulla base di 1.000 millesimali, anche se l'impresa riveste la doopia figura: di condomino ed impresa relizzatrice della palazzina?

Grazie molto disponibile, quindi il quorum sarà sempre sulla base di 1.000 millesimali, anche se l'impresa riveste la doopia figura: di condomino ed impresa relizzatrice della palazzina?
La ditta essendo proprietaria di due u.i. deve essere invitata all'assemblea e rappresenterà la somma dei mlm delle due unità ed avrà un solo voto a disposizione, credo comunque se voterà contro (come è logico), all'azione legale, sarà messa in minoranza, non impedendo il raggiungimento del quorum, sempre che i condomini siano coesi.
×