Vai al contenuto
erode59

Deliberati lavori manutenzione straordinaria in parti private e parti comuni richiesta pagamenti lavori non autorizzati in parti private

Buongiorno vorrei un vostro consiglio: l'assemblea ha deliberato dei lavori straordinari nel condominio, lavori che interessano parti comuni ed anche parti private. A fine lavori mi sono visto addebitare due importi: una somma per i lavori fatti dalla ditta nelle parti comuni, divisi in millesimi, ed una somma per i lavori fatti nelle parti di mia proprietà. Preciso che prima che iniziassero i lavori avevo inviato per posta certificata una dichiarazione all'amministratore del condominio ove scrivevo che non dovevano essere fatti dalla ditta appaltatrice lavori nelle mie parti private. I lavori dalla ditta nelle mie parti private sono stati fatti ugualmente e alle mie rimostranze l'amministratore mi ha detto che non posso esimermi dal pagare i lavori fatti nelle mie parti private per il decoro comune del condominio essendo stati deliberati dall'assemblea i lavori straordinari ed essendo il condominio orizzontale. Al momento io ho saldato tutte le spese per le parti comuni come devo comportarmi per le spese a me chieste per i lavori fatti contro la mia volontà nelle mie parti private? Vi ringrazio.

Non comprendo come è possibile eseguire dei lavori nella tua parte privata senza il tuo permesso, l'assemblea non ha nessun potere per deliberare nel privato, comunque è meglio che tu senta un legale e magari chiedi il ripristino dello stato precedente ed eventuali danni.

Buongiorno vorrei un vostro consiglio: l'assemblea ha deliberato dei lavori straordinari nel condominio, lavori che interessano parti comuni ed anche parti private. A fine lavori mi sono visto addebitare due importi: una somma per i lavori fatti dalla ditta nelle parti comuni, divisi in millesimi, ed una somma per i lavori fatti nelle parti di mia proprietà. Preciso che prima che iniziassero i lavori avevo inviato per posta certificata una dichiarazione all'amministratore del condominio ove scrivevo che non dovevano essere fatti dalla ditta appaltatrice lavori nelle mie parti private. I lavori dalla ditta nelle mie parti private sono stati fatti ugualmente e alle mie rimostranze l'amministratore mi ha detto che non posso esimermi dal pagare i lavori fatti nelle mie parti private per il decoro comune del condominio essendo stati deliberati dall'assemblea i lavori straordinari ed essendo il condominio orizzontale. Al momento io ho saldato tutte le spese per le parti comuni come devo comportarmi per le spese a me chieste per i lavori fatti contro la mia volontà nelle mie parti private? Vi ringrazio.

Volevo aggiungere che l'amministratore alle mie rimostranze mi ha detto che le parti verticali interne sono di mia proprietà; la mia proprietà è composta da un ingresso indipendente, due scale che salgono all'appartamento con ampio terrazzo. I lavori comuni riguardavano le pareti verticali esterne, parte esterna balconi eccetera mentre i lavori nelle parti private riguardavano il solaio dei balconi intonaci da riprendere e nel mio caso l'intonaco delle scale che salgono al mio appartamento, scale private e pareti verticali dei pianerottoli ( preciso che le pareti verticali sono esterne in quanto le mie scale sono esterne e non interne. Io ho chiesto che non fossero fatti i lavori nelle mie parti private, lavori fatti ed addebitatemi nonostante il mio formale diniego. L'amministratore come ho già scritto mi ha riposto scrivendomi che il condominio deliberando i lavori di ripristino (condominio orizzontale) vede coinvolte tute le unità e che l'unica cosa sulla quale il condomino può esimersi è l'esecuzione dei lavori ai balconi. Vi ringrazio ancora per il vostro aiuto

Salve,

non ho ben compreso lo stato dei luoghi, cioè si parla di condominio orizzontale con più palazzine, ma dove lei abita ci sono altri appartamenti?

Ad ogni modo la parte esterna della facciata non è privata ma parte comune, lei infatti dice che le scale sono esterne e le pareti esterne, quindi si parla di facciata. Il fatto che lei solo possa accedere tramite quella scala al suo appartamento non fa di quella parte esterna di facciata una proprietà privata, a meno che tutta la palazzina di 1 o 2 piani (o altro) non sia di sua completa proprietà. Solo in quest'ultimo caso i lavori non dovevano essere svolti, nell'altro caso la facciata sarà parte comune del suo appartamento e degli altri condomini che abitano in quella palazzina.

Quindi la ripartizione riguarderà spese su parti comuni e dovranno essere corrisposte e non spese su parti privata. Sui balconi, se sono aggettanti la spesa dell'eventuale rifacimento è a carico suo, se sono ad incasso saranno a carico di tutto il condominio.

 

Cordiali saluti.

Devi leggere attentamente l'atto di acquisto cosa dice riguardo alle parti comuni e private, in quanto l'amministratore ha ragione quando dice che i balconi sono privati, ma ha anche ragione quando dice che le pareti sono comuni, per cui come detto salvo titolo (rogito) contrario sono comuni tutte le parti elencate nell'art 1117 cc;

 

cc Art. 1117. Parti comuni dell'edificio. Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio, anche se aventi diritto a godimento periodico e se non risulta il contrario dal titolo:

1) tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune, come il suolo su cui sorge l'edificio, le fondazioni, i muri maestri, i pilastri e le travi portanti, i tetti e i lastrici solari, le scale, i portoni di ingresso, i vestiboli, gli anditi, i portici, i cortili e le facciate;

2) le aree destinate a parcheggio nonché i locali per i servizi in comune, come la portineria, incluso l'alloggio del portiere, la lavanderia, gli stenditoi e i sottotetti destinati, per le caratteristiche strutturali e funzionali, all'uso comune;

3) le opere, le installazioni, i manufatti di qualunque genere destinati all'uso comune, come gli ascensori, i pozzi, le cisterne, gli impianti idrici e fognari, i sistemi centralizzati di distribuzione e di trasmissione per il gas, per l'energia elettrica, per il riscaldamento ed il condizionamento dell'aria, per la ricezione radiotelevisiva e per l'accesso a qualunque altro genere di flusso informativo, anche da satellite o via cavo, e i relativi collegamenti fino al punto di diramazione ai locali di proprietà individuale dei singoli condomini, ovvero, in caso di impianti unitari, fino al punto di utenza, salvo quanto disposto dalle normative di settore in materia di reti pubbliche.

il condominio come ho già detto è orizzontale, io essendo ad angolo ho una entrata indipendente e scale indipendenti di mia proprietà che conducono al mio appartamento posto al primo piano. Il condominio è formato da due palazzine per un totale di 48 appartamenti al piano terra e piano primo. L'amministratore vuole farmi pagare le spese deliberate in assemblea relative a rifacimenti fatti negli intonaci delle facciate delle rampe delle scale e dei pianerottoli di mia proprietà e la parte esterna per intenderci obliqua della rampa della scala e relativa tinteggiatura. Mi ha addebitato l'imbiancatura della parte interna del balcone oltre alla parte esterna e la verniciatura delle ringhiere dei balconi. Come ho già scritto dicendo che per il decori comune non potevo dire di no.....

Salve,

non ho ben compreso lo stato dei luoghi, cioè si parla di condominio orizzontale con più palazzine, ma dove lei abita ci sono altri appartamenti?

Ad ogni modo la parte esterna della facciata non è privata ma parte comune, lei infatti dice che le scale sono esterne e le pareti esterne, quindi si parla di facciata. Il fatto che lei solo possa accedere tramite quella scala al suo appartamento non fa di quella parte esterna di facciata una proprietà privata, a meno che tutta la palazzina di 1 o 2 piani (o altro) non sia di sua completa proprietà. Solo in quest'ultimo caso i lavori non dovevano essere svolti, nell'altro caso la facciata sarà parte comune del suo appartamento e degli altri condomini che abitano in quella palazzina.

Quindi la ripartizione riguarderà spese su parti comuni e dovranno essere corrisposte e non spese su parti privata. Sui balconi, se sono aggettanti la spesa dell'eventuale rifacimento è a carico suo, se sono ad incasso saranno a carico di tutto il condominio.

 

Cordiali saluti.

Preliminarmente mi viene da chiederti .... dove stavi tu mentre l'impresa stava facendo lavori sulla tua proprietà privata?

 

http://www.condomini.altervista.org/Villette.htm

 

Dal tuo ultimo intervento però si può arguire che gli interventi sulle tue parti private sono stati fatti, su deliberazione di tutti i partecipanti al condominio, proprio per "unificare" le tipologie dei lavori (colori, qualità, ecc) tra tutte le facciate delle villette.

 

Ritengo sia stata una decisione rivolta alla economicità ed a fare in modo che lavori fatti da ditte diverse non creassero un "arlecchino" di colori e foggie sulle varie facciate, magari visibili dalla pubblica via.

×