Vai al contenuto
redwolf4

Deleghe in assemblea - , se l'amministratore e' anche condomino puo' essere delegato?

Salve , se l'amministratore e' anche condomino puo' essere delegato?

nell'ultima riforma l'amministratore non puo' avere deleghe, ma nel caso specifico?

 

grazie

Infatti confermo, l'amministratore è amministratore (punto) senza nessuna distinzione di ruolo, codominio o professionista esterno o abitante nello stesso stabile ed effettua lo stesso lavoro e le stesse responsabilità, per cui anche gli stessi diritti e doveri e obblighi.

grazie per le risposte, non metto in discussione la legge ,comunque in assemblea ricopre una doppia figura,

come condomino dovrebbe poter votare come gli altri, credo

Si certo l'amministratore se è anche condomino ha tutto il diritto di voto su tutti i punti all'Ordine del Giorno, ma attenzione ad eventuali conflitti d'interesse.

Comunque non può portare deleghe, e se p.es. è impossibilitato a presenziare, può cedere la delega come condomino a persona di fiducia che voterà al suo posto, quella era la domanda iniziale.

ancora un'altra domanda

in un condominio formato di 17 condomini quante deleghe puo' portare un condomino?

Quante ne vuole, il limite è a partire da 20 condomini.

Anche nella nuova legge c'è la possibilità che il limite sia nel regolamento contrattuale? Nel mio condominio il limite sancito dal regolamento contrattuale è di tre.

All'unanimità si può derogare a tutte le disposizioni del codice purchè non siano inderogabili, e questa non lo è, per cui nel tuo caso vale ancora il limite delle tre deleghe

Nel caso di amministratore condomino neanche la delega della sorella (condomina di un altro immobile) può essere rilasciato a lui?

L'amministratore, qualsiasi esso sia, condomino, professionista esterno, professionista e condomino abitante nello stabile, non può portare nessuna delega.

buongiorno, se due condomini delegano il marito dell'amministratore dove all'ordine del giorno non c'è nè la conferma dell'amministratore nè altro che coinvolga direttamente l'amministratore, é valida la delega?

grazie

Se in un condomìnio le unità immobiliari sono 40 e,nonostante la nuova riforma,uno dei condòmini rappresenti più dei 200 millesimi con tutte le deleghe che gli hanno consegnato,le delibere sono nulle o annullabili?

Se in un condomìnio le unità immobiliari sono 40 e,nonostante la nuova riforma,uno dei condòmini rappresenti più dei 200 millesimi con tutte le deleghe che gli hanno consegnato,le delibere sono nulle o annullabili?
Secondo il mio parere sono annullabili, per mancanza di preparazione da parte del Presidente che dovrebbe conoscere le disposizioni regolamentari dell'art 67 Dacc, e doveva accorgersi subito dell'anormalità.

...ah,il presidente doveva sapere?...l'errore non è comnque attribuibile all'amministratore?....ti ringrazio...quindi non è impugnabile in ogni tempo...

buona giornata : )

...ah,il presidente doveva sapere?...l'errore non è comnque attribuibile all'amministratore?....ti ringrazio...quindi non è impugnabile in ogni tempo...

buona giornata : )

No l'amministratore non è responsabile delle scelte dell'assemblea, lui è un esecutore delle delibere ed in riunione potrebbe eventualmente suggerire la via migliore ad evitare conflitti, ma non può imporre nulla, e potrebbe essere addirittura assente, per cui il deliberato sarà valido lo stesso.

La corte di cassazione a sezioni unite con sentenza 4806/2005 ha sancito le linee guida per l’identificazione delle delibere nulle e annullabili, in teoria si potrebbe ipotizzare che le delibere nulle siano tutte quelle prese contrarie alla legge(ordine pubblico, al buon costume, ecc.), con oggetto illecito, che ledono i diritti dei singoli individui, o che incidono sulla proprietà esclusiva di ognuno dei condomini, o prese contro il regolamento contrattuale, o al di fuori dei poteri dell’assemblea, mentre rientrano nella sfera delle delibere annullabili tutte quelle delibere che presentano dei vizi di forma, o che prese con maggioranze inferiori a quelle prescritte di legge, quelle affette da vizi formali in violazione di prescrizioni legali, convenzionali, regolamentari attinenti al procedimento di convocazione o informazione in assemblea, quelle genericamente affette da irregolarità nel procedimento di convocazione, quelle che richiedono maggioranze qualificate in relazione all'oggetto.

salve, gradirei capire il discorso delle deleghe per il quinto dei condomini sopra i 20. ieri all'assemblea del mio condominio che consta di 43 unità, io avevo 5 deleghe + io e mia moglie, non condomina, aveva 7 deleghe. Il ripettivo totale dei millesimi non superava i 200 a testa. Il vecchio amministratore, anche condomino, ha sollevato la questione che per il nuovo regolamente del quinto di 20 non si possono avere più di 4 deleghe esterne e ci ha fatto annulare a me una delega ed a mia moglie ben 3 deleghe. Meno male che i millesimi totali rimasti sono stati 590 altrimenti si rischiava di annullare l'assemblea.

Anche l'attuale amministratore ha avallato questa tesi.

Secondo me dovrebbe essere 1/5 di 43 e cioè 8 deleghe + la propria.

Posso sapere quale interpretazione è giusta ?

grazie della preziosa assistenza e buon lavoro a tutti

"se i condomini sono + di venti il delegato non può rappresentare più di un quinto dei condomini e del valore proporzionale", questo dice l'art.67 disp. att.

non è un quinto di venti, ma un quinto dei condomini, quindi nel tuo caso 43!! complimenti ad entrambi gli amministratori che vi siete scelti!

×