Vai al contenuto
alfa2

Delega - “moglie e marito sono comproprietari al 50% di una unità immobiliare in condominio; in una assemblea

Ciao a tutti, ho necessità di avere un chiarimento ad un quesito che mi sono posto:

“moglie e marito sono comproprietari al 50% di una unità immobiliare in condominio; in una assemblea condominiale convocata dall’amministratore, sia ordinaria che straordinaria, il marito che partecipa alla convocazione, in quella sede rappresenta solo lui o anche la moglie, pur non avendo la delega a rappresentarla”

Grazie a quanti mi rispondono

alfa2

Non serve la delega visto che ogni comproprietario ha gia' il diritto di rappresentare la " comunione".

grazie peppe64, ma sono ancora dubbioso, ma dove è scritto che il marito ha la "comunione" e che quindi può rappresentare la moglie?

grazie peppe64, ma sono ancora dubbioso, ma dove è scritto che il marito ha la "comunione" e che quindi può rappresentare la moglie?

Che il marito è comproprietario al 50% lo hai detto tu ma deve risultare nell'atto di proprietà.

 

Che un comproprietario in assemblea possa rappresentare l'intera proprietà è scritto nell'art. 67 del codice civile:

 

"...Qualora un'unità immobiliare appartenga in proprietà indivisa a più persone, queste hanno diritto a un solo rappresentante nell'assemblea, che è designato dai comproprietari interessati a norma dell'articolo 1106 del codice..."

Non serve la delega visto che ogni comproprietario ha gia' il diritto di rappresentare la " comunione".

Ma non deve essere designato?

Lo leggo anche nel post. di Leonardo

Designato mica delegato . Comunque se si presenta solo uno egli rappresenta il "condomino". (Ovvero la comunione).

 

- - - Aggiornato - - -

 

grazie peppe64, ma sono ancora dubbioso, ma dove è scritto che il marito ha la "comunione" e che quindi può rappresentare la moglie?

Mica rappresenta la moglie ma la comunione (condomino ). In assemblea va per rappresentare il condomino (comunione tra due comproprietari )non l'altro comproprietari.

Ma non deve essere designato?

Lo leggo anche nel post. di Leonardo

Se si presenta uno solo dei comproprietari significa che è lui il designato, altrimenti troveranno un accordo tra loro.

La Norma non prevede una delega scritta per il comproprietario.

scusa Leonardo53, è vero che il marito è comproprietario al 50% e risulta nell'atto di proprietà, ma è pur vero che l'amministratore invia separatamente la convocazione dell'assemblea, per cui interpreto tale azione come una scissione e quindi voto separato di conseguenza il marito non rappresenta la moglie. o no!!!

Non e' prevista perche' tutti i comproprietari hanno gia' il diritto di poter esercitare il voto e la partecipazione quindi la delega non serve , ovviamente quello che non e' possibile e ' la contemporaneita ' dell'esercizio di detto diritto quindi devono scegliere un designato .

Se si presenta uno solo dei comproprietari significa che è lui il designato, altrimenti troveranno un accordo tra loro.

La Norma non prevede una delega scritta per il comproprietario.

Se l'unità immobiliare ha diversi eredi: faccio un esempio 5 persone proprietarie di quella u.i. ognuno con quota del 20%

Questi 5 dovrebbero designare una persona che li rappresenti e che nel contempo dovrebbero dire all'amministratore di inviare tutta la documentazione condominiale alla persona che è stata designata.

Marito e moglie proprietari entrambi al 50% lo capisco - delega non serve: la designazione allora che significa?

La domanda la rivolgo anche a Peppe64

scusa Leonardo53, è vero che il marito è comproprietario al 50% e risulta nell'atto di proprietà, ma è pur vero che l'amministratore invia separatamente la convocazione dell'assemblea, per cui interpreto tale azione come una scissione e quindi voto separato di conseguenza il marito non rappresenta la moglie. o no!!!

Difatti non rappresenta la moglie ( comproprietaria) ma la comunione .ovvero la comproprieta'.

Il voto e' uno e rappresenta il voto del condomino . ( comunione tra due comproprietari)

 

P.s e' come un A.D egli rappresenta la societa' non i singoli soci .

scusa Leonardo53, è vero che il marito è comproprietario al 50% e risulta nell'atto di proprietà, ma è pur vero che l'amministratore invia separatamente la convocazione dell'assemblea, per cui interpreto tale azione come una scissione e quindi voto separato di conseguenza il marito non rappresenta la moglie. o no!!!

Infatti è solo in assemblea che la proprietà deve essere rappresentata da un comproprietario DESIGNATO.

Poichè fuori dall'assemblea ciascun comproprietario è condòmino la convocazione deve essere inviata a tutti i comproprietari così come deve essere inviato il verbale a tutti i comproprietari in caso di assenza di un designato dall'assamblea, al fine di poter far decorrere i termini di eventuale impugnazione.

 

Inviare una sola convocazione per più conviventi (marito e moglie non separati) è stato definito ammissibile da alcune sentenze ma non è specificato nella Norma.

quindi mi state indicando, se non ho capito male, che il marito rappresenta la proprietà intera, ma non la volontà della moglie, che piò essere non concorde

Che la moglie sia o non sia concorde è ininfluente ai fini dell'assemblea e del condominio, vale quanto il designato vota.

quindi mi state indicando, se non ho capito male, che il marito rappresenta la proprietà intera, ma non la volontà della moglie, che piò essere non concorde

Giusto . Se la moglie non concorda sono fatti loro e non del condominio .

quindi mi state indicando, se non ho capito male, che il marito rappresenta la proprietà intera, ma non la volontà della moglie, che piò essere non concorde

Se la moglie non è concorde con il marito, una volta ricevuta la convocazione ne deve discutere con il marito.

Se non trovano un accordo su chi deve presenziare (e votare) in assemblea devono risolverlo tra loro anche ricorrendo al Giudice.

Prima della Riforma era più semplice perchè in caso di disaccordo sulla designazione provvedeva il Presidente dell'assemblea con sorteggio. Ora le cose si sono complicate.

Se l'unità immobiliare ha diversi eredi: faccio un esempio 5 persone proprietarie di quella u.i. ognuno con quota del 20%

Questi 5 dovrebbero designare una persona che li rappresenti e che nel contempo dovrebbero dire all'amministratore di inviare tutta la documentazione condominiale alla persona che è stata designata.

Marito e moglie proprietari entrambi al 50% lo capisco - delega non serve: la designazione allora che significa?

La domanda la rivolgo anche a Peppe64

La designazione e' scegliere chi deve rappresentare la comunione all'assemblea ma e' una cosa interna alla comunione stessa . In assemblea se si presenta uno dei comproprietà egli sara' colui che potrà partecipare e votare ( se poi e' designato o meno non interessa all' assemblea)

Il regolamento di condominio recita: "non possono essere date più di tre deleghe a PERSONA".

Con moglie e marito comproprietari al 50%,se partecipano entrambi all'assemblea può ognuno di loro portare 3 deleghe?

Grazie.

milanesi.gianmario dice:

Il regolamento di condominio recita: "non possono essere date più di tre deleghe a PERSONA".

Con moglie e marito comproprietari al 50%,se partecipano entrambi all'assemblea può ognuno di loro portare 3 deleghe?

Grazie.

sì.

 

milanesi.gianmario dice:

Il regolamento di condominio recita: "non possono essere date più di tre deleghe a PERSONA".

Con moglie e marito comproprietari al 50%,se partecipano entrambi all'assemblea può ognuno di loro portare 3 deleghe?

Grazie.

Si, uno dei due rappresenterà la loro U.I. e tre deleghe (4 voti) e l'altro tre deleghe (tre voti)

milanesi.gianmario dice:

Il regolamento di condominio recita: "non possono essere date più di tre deleghe a PERSONA".

Con moglie e marito comproprietari al 50%,se partecipano entrambi all'assemblea può ognuno di loro portare 3 deleghe?

Grazie.

Cioè ... aspetta .... se sono comproprietari in assemblea se ne deve presentare uno solo. Casomai l'altro potrebbe essere delegato da altro/i condòmino/i.

Modificato da bilbetto
bilbetto dice:

Cioè ... aspetta .... se sono comproprietari in assemblea se ne deve presentare uno solo. Casomai l'altro potrebbe essere delegato da altro/i condòmino/i.

Infatti uno rappresenterà la loro u.i. + le deleghe, e l'altro rappresenterà solo le deleghe, l'ho appena scritto 😉 

×