Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
antoniomolino

Decreto ingiuntivo per morosità

Buonasera.

Vorrei chiedere a chi è più esperto di me se, in presenza di un condomino moroso, l'amministratore una volta che lo abbia invitato al pagamento, anche con lettera di diffida, debba necessariamente far spiccare decreto ingiuntivo nei suoi confronti oppure possa, in via alternativa, scegliere di indicare ai fornitori i nominativi dei morosi, lasciando a loro la possibilità di intraprendere l'azione legale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Se i fornitori chiedono il nominativo dei morosi l'amministratore è tenuto a fornirli, comunque l'amministratore è tenuto al recupero delle somme fatto salvo non sia dispensato dall'assemblea.

 

Dacc Art. 63

Per la riscossione dei contributi in base allo stato di ripartizione approvato dall'assemblea, l'amministratore, senza bisogno di autorizzazione di questa, puo' ottenere un decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo, nonostante opposizione, ed e' tenuto a comunicare ai creditori non ancora soddisfatti che lo interpellino i dati dei condomini morosi.

cc art 1129

- Salvo che sia stato espressamente dispensato dall'assemblea, l'amministratore è tenuto ad agire per la riscossione forzosa delle somme dovute dagli obbligati entro sei mesi dalla chiusura dell'esercizio nel quale il credito esigibile è compreso, anche ai sensi dell'articolo 63, primo comma, delle disposizioni per l'attuazione del presente codice.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Dal post capisco che si tratta di un condomino che non paga la quota su un lavoro. La ditta si può rivalere sul singolo condomino e sarà compito dell'amministratore provvedere in tal senso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

...e se agisce il fornitore dopo aver saputo i nomi dei morosi dall'amministratore, quest'ultimo può anche non procedere giudizialmente?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Perchè deve procedere l'amministratore se agisce il fornitore?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Quindi se bene interpreto l'art.63 della riforma del condominio. Se un condomino è moroso nei confronti di terzi fornitori di servizi al condominio, gli stessi fornitori possono chiedere il nominativo del moroso all'amministratore, il quale è tenuto a darlo. Il fornitore può agire nei confronti del singolo condomino moroso e se dopo escussione non riesce ad ottenere le somme dovute, può agire nei confronti degli altri condomini.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Quindi se bene interpreto l'art.63 della riforma del condominio. Se un condomino è moroso nei confronti di terzi fornitori di servizi al condominio, gli stessi fornitori possono chiedere il nominativo del moroso all'amministratore, il quale è tenuto a darlo. Il fornitore può agire nei confronti del singolo condomino moroso e se dopo escussione non riesce ad ottenere le somme dovute, può agire nei confronti degli altri condomini.
Si, è così.

Se il fornitore dopo richiesta all'amministratore dei nomi dei morosi. non riesce a farsi saldare del debito, potrà richiedere il D.I. a carico dell'intero condominio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Tullio grazie per la risposta, mi trovo in questa situazione, sono amministratore solo del mio condominio, abbiamo ristrutturato l'intero condominio e un condomino risulta moroso. L'avvocato dell'impresa sostiene che deve fare il decreto ingiuntivo al condominio e il condominio fare il decreto ingiuntivo al condomino moroso. Grazie all'art.63, abbreviendo notevolmente i tempi e i costi per il condominio, l'impresa si può rivolgere direttamente al condomino moroso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

 

a mio giudizio, comunque, l'art. 63 DDAA, nella nuova versione, esclude solamente al creditore la possibilità di agire contro uno qualsiasi dei condomini in regola col pagamento, mentre prima poteva pescare a caso tra tutti i condomini, fermo il resto.

 

Resta da valutare se se uno dei morosi è in ritardo di pagamento anche di 5 centesimi ( essendo comunque moroso) il creditore, anziché agire contro il condominio in generale, possa invece aggredire lui per l'intero suo avere, anche superiore alla morosità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Tullio grazie per la risposta, mi trovo in questa situazione, sono amministratore solo del mio condominio, abbiamo ristrutturato l'intero condominio e un condomino risulta moroso. L'avvocato dell'impresa sostiene che deve fare il decreto ingiuntivo al condominio e il condominio fare il decreto ingiuntivo al condomino moroso. Grazie all'art.63, abbreviendo notevolmente i tempi e i costi per il condominio, l'impresa si può rivolgere direttamente al condomino moroso.
Se invece il fornitore non chiede il nome del moroso può rivolgersi direttamente con D.I. verso il condominio, è una scelta che può fare il fornitore, in quanto non ha alcun scopo richiedere due D.I. per la stessa cifra e per la stessa persona.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao Mario

 

è vero. Ma quasi mai conviene, vista la situazione di cassa dei condomini, ... ma anche l'attenzione dell'amministratore in questi casi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×