Vai al contenuto
paolo3

Decreto ingiuntivo - considerando che l'amministratore dimissionario è latitante?

Buona sera a tutti.

tramite amicizie, abbiamo saputo che il tribunale di Roma, ha fatto un decreto ingiuntivo di circa 30 mila euro al nostro condominio, in quanto dal 31/12/2012, siamo morosi (a nostra insaputa perchè l'amministratore non ha mai riferito niente di ciò e adesso ha dato anche le dimissioni).

avvertendo (il tribunale) che "la parte ingiunta ha diritto di proporre opposizione contro il decreto avanti questo tribunale nel termine perentorio di quaranta giorni dalla notifica e che in mancanza si procederà esecutivamente."

Questo termine lo vedremo in scadenza tra circa una settimana e dovremmo eleggere il nuovo amministratore tra qualche giorno.

Potete spiegare cosa potrebbe succedere e cosa dovremmo fare, considerando che l'amministratore dimissionario è latitante????

Grazie moltissimo anticipatamente per le risposte che volete dare.

 

- - - Aggiornato - - -

 

......scusate la morosità è dovuta al mancato pagamento della ditta di manutenzione ascensori.

Buona sera a tutti.

tramite amicizie, abbiamo saputo che il tribunale di Roma, ha fatto un decreto ingiuntivo di circa 30 mila euro al nostro condominio, in quanto dal 31/12/2012, siamo morosi (a nostra insaputa perchè l'amministratore non ha mai riferito niente di ciò e adesso ha dato anche le dimissioni).

avvertendo (il tribunale) che "la parte ingiunta ha diritto di proporre opposizione contro il decreto avanti questo tribunale nel termine perentorio di quaranta giorni dalla notifica e che in mancanza si procederà esecutivamente."

Questo termine lo vedremo in scadenza tra circa una settimana e dovremmo eleggere il nuovo amministratore tra qualche giorno.

Potete spiegare cosa potrebbe succedere e cosa dovremmo fare, considerando che l'amministratore dimissionario è latitante????

Grazie moltissimo anticipatamente per le risposte che volete dare.

Se non riuscite ad opporvi dimostrando che quei 30.000 euro non li dovete, vi conviene pagare, altrimenti il procedimento andrà aventi anche con pignoramenti, sentite un bravo avvocato perchè probabilmente il vostro ex amministratore e forse tuttora in carica, avrà prelevato dei soldi dalla cassa (appropriazione indebita) per cui e forse ci starebbe una denuncia penale, ma è presto per dirlo bisogna verificare.

Grazie Tullio per la risposta super veloce. Purtroppo questi 30 mila euro sicuramente non saranno stati pagati dall'amministratore alla ditta della manutenzione ascensori, poi vedremo il perchè e che fine hanno fatto i nostri soldi.

Vorrei sapere nel dettaglio, se possibile, quali conseguenze potremmo subire fra una settimana, alla scadenza del termine, e non avendo niente in cassa (!!!!!!!) cosa si potrebbe fare.

Grazie e cercate di capire il problema.

Grazie Tullio per la risposta super veloce. Purtroppo questi 30 mila euro sicuramente non saranno stati pagati dall'amministratore alla ditta della manutenzione ascensori, poi vedremo il perchè e che fine hanno fatto i nostri soldi.

Vorrei sapere nel dettaglio, se possibile, quali conseguenze potremmo subire fra una settimana, alla scadenza del termine, e non avendo niente in cassa (!!!!!!!) cosa si potrebbe fare.

Grazie e cercate di capire il problema.

Consigliatevi con un avvocato, ma secondo me a voi condomini converrà rimetterci voi di tasca vostra per tamponare questa falla e poi con calma, ma non tanta, nominare un nuovo amministratore ed indagare cosa realmente è successo e di conseguenza adottare i provvedimenti adeguati

... Vorrei sapere nel dettaglio, se possibile, quali conseguenze potremmo subire fra una settimana, alla scadenza del termine, e non avendo niente in cassa (!!!!!!!) cosa si potrebbe fare.

Grazie e cercate di capire il problema.

Se il debito è esigibile, il debitore è il condominio che potrà solo fare azione di rivalsa verso l'ex amministratore (ammesso che abbia qualcosa da perdere) ma in prima battuta, verso l'impresa ascensori ne risponde il condominio.

 

Se non ci sono soldi sul c/c condominiale il fornitore potrà escutere ogni singolo condòmino pro/quota, cominciando da eventuali morosi.

Se tutti i condòmini sono in regola ed il denaro manca perchè prelevato indebitamente dall'amministratore, ciascun condòmino potrebbe ritrovarsi con un altro decreto ingiuntivo personale e vedersi pignorato il proprio c/c, 1/5 dello stipendio, automobile... fino a giungere, in caso estremo, al pignoramento immobiliare.

 

Se la somma è dovuta, il mio consiglio e di riunirvi urgentemente e trovare un accordo con il fornitore, anche dilazionando il pagamento.

Poi, con calma, ricostruirete i bilanci e capirete che fine hanno fatto i vostri soldi.

×