Vai al contenuto
Kronostoria

Decre to Ingiuntio

salve

il mio quesito è attinente all'esecuzione del decreto ingiuntivo in caso di impugnazione della delibera da parte di un condomino.

Se ci sono morosità, posso come amministratore di condominio, avviare la pratica di recupero crediti verso i condomini che non hanno impugnato la delibera, escludendo di procedere solo verso chi ha impugnato?

Allo stesso tempo costituire formalmente il condominio che ha impugnato in mora ?

Finché la delibera non viene sospesa o invalidata dal giudice essa è sempre valida ed obbligatoria per tutti i condàmini, senza nessuna distinzione (art. 1137 c.c.). Non solo tu, quindi, potrai agire contro chi non l'ha contestata, ma anche contro quelli che l'hanno impugnata a condizione, mi ripeto, che il giudice non l'abbia sospesa.

Finché la delibera non viene sospesa o invalidata dal giudice essa è sempre valida ed obbligatoria per tutti i condomini, senza nessuna distinzione (art. 1137 c.c.). Non solo tu, quindi, potrai agire contro chi non l'ha contestata, ma anche contro quelli che l'hanno impugnata a condizione, mi ripeto, che il giudice non l'abbia sospesa.

è vero quello che tu dici, però con la riforma del 2012, il condomino non si rivolge al giudice per impugnare la delibera, ma avvia procedura di mediazione.

In questo caso, se procedo con il decreto ingiuntivo o eseguo azioni contro i condomini, potrei ricadere in richieste di danni nel caso l'impugnazione sia favorevole al condomino che ha impugnato. Inoltre gli altri condomini verso cui eseguo il decreto di pagamento potrebbero richiedermi un risarcimento danni.

è vero quello che tu dici, però con la riforma del 2012, il condomino non si rivolge al giudice per impugnare la delibera, ma avvia procedura di mediazione.

In questo caso, se procedo con il decreto ingiuntivo o eseguo azioni contro i condomini, potrei ricadere in richieste di danni nel caso l'impugnazione sia favorevole al condomino che ha impugnato. Inoltre gli altri condomini verso cui eseguo il decreto di pagamento potrebbero richiedermi un risarcimento danni.

la legge ti permette di portare avanti la delibera fino a quando il giudice non decide diversamente, in ogni caso a titolo prudenziale potresti non agire nei confronti di chi ha impugnato, in attesa della sentenza del giudice. E' una questione che andrebbe valutata in base alle circostanze.

guarda che non credo proprio che la mediazione si applichi ai crediti pecuniari.

Casomai una volta che ci sarà il precetto esecutivo il debitore potrebbe chiedere all'assemblea una ""transazione""che è tutta un'altra cosa rispetto alla mediazione.

Poi:il risarcimento te lo chiedono se crei un danno. Tu che danno crei?

ma il tuo avvocato, quello a cui ti sarai rivolto per le morosità, queste cose non te le ha consigliate?

guarda che non credo proprio che la mediazione si applichi ai crediti pecuniari.

Casomai una volta che ci sarà il precetto esecutivo il debitore potrebbe chiedere all'assemblea una ""transazione""che è tutta un'altra cosa rispetto alla mediazione.

Poi:il risarcimento te lo chiedono se crei un danno. Tu che danno crei?

ma il tuo avvocato, quello a cui ti sarai rivolto per le morosità, queste cose non te le ha consigliate?

Esattamente!

Hai perfettamente ragione.

Ci manca pure l'applicazione della mediazione ai d.i. e buona notte.....

Il d.i. se immediatamente esecutivo il debitore dovrà soltanto pagare e basta.

 

Eh....!!!!!

Ciao

Questi avvocati.......!!!!!!!!!!

Se la delibera impugnata è relativa ad un bilancio approvato, la medizione sospende i termini.

Il titolo di credito per essere valido per il decreto ingiuntivo deve essere certo, ma poichè attende di essere risolto tramite la mediazione che sentenzierà sui valori di credito e debito. Per questo ritengo che fino a quando non ci sia l'esito finale della mediazione, il titolo di credito non è certo. Il decreto ingiuntivo può essere fermato dal debito se risulta che il credito non è certo.

Ciao, il giudice l'ha sospesa questa delibera?

Mi pare di aver capito di no.

Quindi è valida a tutti gli effetti e chi non paga deve subire il sacrosanto d.i.

Ciao,

il Giudice non ha sospeso la delibera.

Il Giudice non sa niente, perchè con la riforma del 2012 non puoi rivolgerti subito al giudice, ma devi passare per la mediazione. La mediazione sospende i termini per l'impugnazione.

La delibera non si sa se è valida, poichè è impugnata.

Se il bilancio è sbagliato perchè non sono stati applicati correttamente i principi di riparto (fatti dal vecchio amministratore) anche se si potrebbe andare con il decreto ingiuntivo, lo stesso verrebbe bloccato dai condomini che non pagano perchè la delibera e impugnata ed il credito non è certo.

Ciao,

il Giudice non ha sospeso la delibera.

Il Giudice non sa niente, perchè con la riforma del 2012 non puoi rivolgerti subito al giudice, ma devi passare per la mediazione. La mediazione sospende i termini per l'impugnazione.

La delibera non si sa se è valida, poichè è impugnata.

Se il bilancio è sbagliato perchè non sono stati applicati correttamente i principi di riparto (fatti dal vecchio amministratore) anche se si potrebbe andare con il decreto ingiuntivo, lo stesso verrebbe bloccato dai condomini che non pagano perchè la delibera e impugnata ed il credito non è certo.

Kronostoria la legge dice questo:

 

Il primo comma dell’art. 63 disp. att. c.c.:"Per la riscossione dei contributi in base allo stato di ripartizione approvato dall'assemblea, l'amministratore, senza bisogno di autorizzazione di questa, può ottenere un decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo, nonostante opposizione, ed è tenuto a comunicare ai creditori non ancora soddisfatti che lo interpellino i dati dei condomini morosi".

 

Se non fosse così, come potrebbe andare avanti il Condominio?

Chi ce li mette i soldini?

 

Ciao

c'è un debito di 6.000 euro ...

il vecchio amministratore ha fatto un casino, non tutte le spese eseguite sono regolari, inoltre si è anche imputato un cospicuo compenso ... ed adesso alcuni condomini in minoranza hanno impugnato la delibera di approvazione del bilancio. Non si può dire ad un condomino di essere moroso se ci sono spese non regolari ... e proprio una situazione pessima

c'è un debito di 6.000 euro ...

il vecchio amministratore ha fatto un casino, non tutte le spese eseguite sono regolari, inoltre si è anche imputato un cospicuo compenso ... ed adesso alcuni condomini in minoranza hanno impugnato la delibera di approvazione del bilancio. Non si può dire ad un condomino di essere moroso se ci sono spese non regolari ... e proprio una situazione pessima

Pensala come vuoi.

Ciao

c'è un debito di 6.000 euro ...

il vecchio amministratore ha fatto un casino, non tutte le spese eseguite sono regolari, inoltre si è anche imputato un cospicuo compenso ... ed adesso alcuni condomini in minoranza hanno impugnato la delibera di approvazione del bilancio. Non si può dire ad un condomino di essere moroso se ci sono spese non regolari ... e proprio una situazione pessima

Da quello che dici sai che i condomini che hanno impugnato possono quasi sicuramente avere ragione e vincere la causa: è questo che fa la differenza. Ma perché approvare un bilancio se si sapeva non essere corretto? Non sempre la maggioranza ha ragione ! Bel pasticcio. Io fossi in te convocherei un' assemblea dove farei presente il problema e chiederei una delibera che approvi il tuo operato visto la situazione anomala

Ma perché approvare un bilancio se si sapeva non essere corretto?

Giusta osservazione.

 

Sta di fatto però che è approvato ed un amministratore può chiedere, anzi deve chiedere, il d.i. sul mancato pagamento delle quote relative a questo bilancio approvato, anzi è suo dovere farlo indipendentemente dalla impugnazione di esso.

 

Naturalmente se il giudice avesse sospeso la delibera inerente questo bilancio allora non avrebbe più valore ma, dal momento che è lo stesso Kronostoria che ci dice che il giudice chiamato a valutare una eventuale sospensione di essa non lo ha fatto, è evidente che questa delibera è pienamente efficace, a tutti gli effetti, pertanto il d.i. è giusto ed opportuno.

Ciao

Si ma prima del giudice c'è la mediazione la quale potrebbe risolversi con un accordo sulla revisione del bilancio. Inoltre i decreti ingiuntivi hanno un costo e visto che da quanto detto da Kronostoria i condomini che hanno impugnato hanno buone possibilità di vincere la causa, la domanda è: vale la pena spendere i soldi per dei d.i. che potrebbero rivelarsi inutili?

Comprendo e condivido le reticenze di Kronostoria.

In un caso praticamente identico (un bilancio approvato ed impugnato da un sol condòmino) l'amministratore dell'epoca ha congelato la posizione del solo impugnate, in attesa della pronuncia del giudice.

Sono passati due anni, durante i quali di fatto l'operato di più esercizi dell'amministratore è finito sotto la lente del CTU: alla fine i conti erano 100% ok, e chi ha impugnato ha subito una indimenticabile batosta.

Quindi, solo passati quei due anni ed acquisita la sentenza in giudicato, l'amministratore ha fatto valere il decreto ingiuntivo verso quel condòmino.

Comprendo e condivido le reticenze di Kronostoria.

In un caso praticamente identico (un bilancio approvato ed impugnato da un sol condòmino) l'amministratore dell'epoca ha congelato la posizione del solo impugnate, in attesa della pronuncia del giudice.

Sono passati due anni, durante i quali di fatto l'operato di più esercizi dell'amministratore è finito sotto la lente del CTU: alla fine i conti erano 100% ok, e chi ha impugnato ha subito una indimenticabile batosta.

Quindi, solo passati quei due anni ed acquisita la sentenza in giudicato, l'amministratore ha fatto valere il decreto ingiuntivo verso quel condòmino.

Ciao, sì, d'accordo ma, intanto, c'è un dovere dell'amministratore di fare entro un certo termine i d.i. perché se non li fa, altri condòmini potrebbero fargli delle contestazioni proprio perché manca ad uno dei suoi principali doveri.

Ciao.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Si ma prima del giudice c'è la mediazione la quale potrebbe risolversi con un accordo sulla revisione del bilancio. Inoltre i decreti ingiuntivi hanno un costo e visto che da quanto detto da Kronostoria i condomini che hanno impugnato hanno buone possibilità di vincere la causa, la domanda è: vale la pena spendere i soldi per dei d.i. che potrebbero rivelarsi inutili?

Ciao, Maila la mediazione si può fare in merito all'impugnazione del verbale, i d.i. viaggiano per conto loro, senza mediazione alcuna, senza l'autorizzazione dell'assemblea ma con il solo dovere dell'amministratore, in quanto, rientra tra le sue principali incombenze.

Ciao

maila,

ma che dici?

revisione dei bilanci mediante mediazione?

poi sfatiamo anche il discorso del costo dei decreti ingiuntivi. Proprio ieri ho parlato con un avvocato per il problema che avevo anche sollevato nel forum sul rientro delle somme spese dai condomini per i decreti. E mi ha assicurato che 1) si può chiedere al giudice il rimborso spese legali alla parte soccombente. 2) si può ricorrere in appello anche solo per riprendere le spese fatte per le morosità soprattutto dove vi sia un evidente contesto di colpa (Es. prolungato ritardo, indifferenza,anticipazioni fatte da altre condomini per solleciti fornitori,problemi di cassa insomma causati dal ritardo). Certo molto dipende dalla motivazione addotta in sede di giudizio dall'avvocato.

maila,

ma che dici?

revisione dei bilanci mediante mediazione?

poi sfatiamo anche il discorso del costo dei decreti ingiuntivi. Proprio ieri ho parlato con un avvocato per il problema che avevo anche sollevato nel forum sul rientro delle somme spese dai condomini per i decreti. E mi ha assicurato che 1) si può chiedere al giudice il rimborso spese legali alla parte soccombente. 2) si può ricorrere in appello anche solo per riprendere le spese fatte per le morosità soprattutto dove vi sia un evidente contesto di colpa (Es. prolungato ritardo, indifferenza,anticipazioni fatte da altre condomini per solleciti fornitori,problemi di cassa insomma causati dal ritardo). Certo molto dipende dalla motivazione addotta in sede di giudizio dall'avvocato.

Ciao, ecco questa è esattamente la realtà di come deve essere affrontata la situazione di Kronostoria che poi è quella comune a centinaia di Condomini.

Naturalmente sono d'accordo con il tuo avvocato, non fa una grinza.

Ciao

 

- - - Aggiornato - - -

 

Tra l'altro a supporto del mio precedente intervento si può leggere anche questo:

 

https://www.condominioweb.com/spese-condominiali-ed-opposizione-al-decreto-ingiuntivo.12470

 

Ciao

Ciao, ecco questa è esattamente la realtà di come deve essere affrontata la situazione di Kronostoria che poi è quella comune a centinaia di Condomini.

Naturalmente sono d'accordo con il tuo avvocato, non fa una grinza.

Ciao

 

- - - Aggiornato - - -

 

Tra l'altro a supporto del mio precedente intervento si può leggere anche questo:

 

https://www.condominioweb.com/spese-condominiali-ed-opposizione-al-decreto-ingiuntivo.12470

 

Ciao

 

Apprezzo il vostro punto di vista, sul fatto che occorre procedere per riportare la situazione alla normalità. Tuttavia non condivido di procedere con il decreto ingiuntivo... sposando maggiormente la tesi di Maila67 e Albano59. Il vecchio amministratore, lasciando il debito di 6000 euro, non ha riscosso le quote per quasi 2 anni e non ha mai fatto decreto ingiuntivo. La verosimile motivazione è che ha commesso illeciti di tipo penale. La motivazione per la quale alcuni condomini hanno approvato il bilancio consuntivo è verosimilmente dovuto all'incapacità di alcuni di comprendere i valori di bilancio e dalla propensione di altri condomini di aver commesso "zozzerie" con il vecchio amministratore (facendosi rimborsare spese non dovute od omettendo di pagare le quote condominiale). Il vecchio amministratore non ha rilasciato i registri ed inoltre dal conto corrente non risultano movimenti, in quanto per fare le "zozzerie" ha praticamente gestito tutto a mano. In questa situazione, in cui sono evidenti le mancanze del precedente amministratore non ritengo opportuno procedere con un decreto ingiuntivo, in quanto le mancanze sono altamente dimostrabili. La soluzione verso cui vorrei portare i condomini è quella di rivedere il Bilancio consuntivo, cancellando tutte le spese non dovuto ... in pratica pagando solo le bollette di fornitori certi (luca, acqua, ascensore, pulizie) e cancellando tutte le altre e quindi ripartire dall'anno 0. Non liquidare somme al vecchio amministratore e riportare il condominio in equilibrio finanziario facendo pagare ai condomini solo le spese certe, scaricando i debiti sul vecchio amministratore. Se poi qualcuno a qualcosa da ridire, il decreto ingiuntivo se lo vedrà recapitare il vecchio amministratore che si è comportato in modo pessimo e non i condomini che hanno solo pagato ignori delle malefatte del vecchio amministratore.

Apprezzo il vostro punto di vista, sul fatto che occorre procedere per riportare la situazione alla normalità. Tuttavia non condivido di procedere con il decreto ingiuntivo... sposando maggiormente la tesi di Maila67 e Albano59. Il vecchio amministratore, lasciando il debito di 6000 euro, non ha riscosso le quote per quasi 2 anni e non ha mai fatto decreto ingiuntivo. La verosimile motivazione è che ha commesso illeciti di tipo penale. La motivazione per la quale alcuni condomini hanno approvato il bilancio consuntivo è verosimilmente dovuto all'incapacità di alcuni di comprendere i valori di bilancio e dalla propensione di altri condomini di aver commesso "zozzerie" con il vecchio amministratore (facendosi rimborsare spese non dovute od omettendo di pagare le quote condominiale). Il vecchio amministratore non ha rilasciato i registri ed inoltre dal conto corrente non risultano movimenti, in quanto per fare le "zozzerie" ha praticamente gestito tutto a mano. In questa situazione, in cui sono evidenti le mancanze del precedente amministratore non ritengo opportuno procedere con un decreto ingiuntivo, in quanto le mancanze sono altamente dimostrabili. La soluzione verso cui vorrei portare i condomini è quella di rivedere il Bilancio consuntivo, cancellando tutte le spese non dovuto ... in pratica pagando solo le bollette di fornitori certi (luca, acqua, ascensore, pulizie) e cancellando tutte le altre e quindi ripartire dall'anno 0. Non liquidare somme al vecchio amministratore e riportare il condominio in equilibrio finanziario facendo pagare ai condomini solo le spese certe, scaricando i debiti sul vecchio amministratore. Se poi qualcuno a qualcosa da ridire, il decreto ingiuntivo se lo vedrà recapitare il vecchio amministratore che si è comportato in modo pessimo e non i condomini che hanno solo pagato ignori delle malefatte del vecchio amministratore.

Ciao, è vero che si tratta di punti di vista ma oltre a questo c'è la legge.......altro che punto di vista.......

L'amministratore DEVE fare il d.i., naturalmente se TUTTI gli altri condòmini che hanno regolarmente pagato ti consentono di agire come tu pensi nulla osta ma, basta uno che non sia d'accordo e ti crea problemi.

Ciao

Si ma prima del giudice c'è la mediazione la quale potrebbe risolversi con un accordo sulla revisione del bilancio. Inoltre i decreti ingiuntivi hanno un costo e visto che da quanto detto da Kronostoria i condomini che hanno impugnato hanno buone possibilità di vincere la causa, la domanda è: vale la pena spendere i soldi per dei d.i. che potrebbero rivelarsi inutili?

Saluti

E' vero che c'è la mediazione ma, la mediazione in condominio, lascia un po' il tempo che trova, è quasi inutile.

 

Nel condominio dove abito, circa un anno fa un condomino non si trovava d'accordo con l'approvazione del bilancio ed io con lui.

Secondo noi c'erano diversi errori ma, nonostante ciò, la maggioranza approvò.

L'amministratore disse che dovevamo comunque pagare altrimenti ci avrebbe fatto i d.i. poi se volevamo potevamo impugnare il verbale di assemblea entro 30 gg.

 

Ci rivolgemmo ad un avvocato il quale ci consigliò di effettuare il procedimento di mediazione, prima di impugnare il verbale ma, avremmo dovuto comunicarlo all'amministratore il quale avrebbe dovuto convocare assemblea e farla decidere se accettare la mediazione oppure no.

 

L'avvocato ci disse che per andare in mediazione il condominio avrebbe dovuto avere la maggioranza degli intervenuti in assemblea che rappresentasse 500 millesimi.

 

Capirai?!!!????

Non l'avrebbero mai accettata, erano gli stessi che hanno approvato il bilancio......

L'avvocato disse che se non si raggiungeva tale maggioranza la proposta non è accettata ed allora non ci rimaneva altro che impugnare il verbale entro 30 gg.

 

Considerando che ne erano già passati 15.......considerando che comunque ci veniva a costare molto, non ci rimase che pagare quanto stabilito dalla assemblea onde evitare i d.i. in quanto, sul d.i. non esiste mediazione e, ci disse l 'avvocato, che l'amministratore ce lo avrebbe fatto di sicuro in quanto era uno dei suoi principali doveri, nel caso avesse temporeggiato sicuramente gli altri condomini lo avrebbero pressato a farli entro breve tempo, altrimenti non avrebbero rinnovato il mandato all'amministratore stesso.

 

Quindi chiedere la mediazione su una delibera già approvata con larga maggioranza.......è tempo perso......

Volevo informarvi di questa mia esperienza, visto l'argomento trattato che mi ha incuriosito essendo simile al mio.

Saluti

c'è un dovere dell'amministratore di fare entro un certo termine i d.i. perché se non li fa, altri condòmini potrebbero fargli delle contestazioni proprio perché manca ad uno dei suoi principali doveri.

Ciao Brico, a te una risposta comunque la devo.

Quanto affermi è giusto e vero, ma per questo caso specifico non mi sembra particolarmente salutare avviare decreti ingiuntivi facilmente opponibili e con ottime probabilità di successo per i potenziali ricorrenti, viste le pecche contabili certe.

 

Kronostoria ha già risposto compitamente e mi sembra giustamente cauto: scarica "il buco" sul suo predecessore facendo riapprovare uno o più rendiconti sulla base delle sole spese documentate. Se i condòmini accettano questo percorso, vengono meno le condizioni per richiedere i decreti ingiuntivi.

Questa è la soluzione meno rischiosa per Kornostoria: mette i bilanci in ordine, soprattutto raccontano la verità delle pezze d'appoggio regolari ed esistenti.

maila,

ma che dici?

revisione dei bilanci mediante mediazione?

poi sfatiamo anche il discorso del costo dei decreti ingiuntivi. Proprio ieri ho parlato con un avvocato per il problema che avevo anche sollevato nel forum sul rientro delle somme spese dai condomini per i decreti. E mi ha assicurato che 1) si può chiedere al giudice il rimborso spese legali alla parte soccombente. 2) si può ricorrere in appello anche solo per riprendere le spese fatte per le morosità soprattutto dove vi sia un evidente contesto di colpa (Es. prolungato ritardo, indifferenza,anticipazioni fatte da altre condomini per solleciti fornitori,problemi di cassa insomma causati dal ritardo). Certo molto dipende dalla motivazione addotta in sede di giudizio dall'avvocato.

I condomini hanno impugnato l'approvazione del bilancio che come detto da Kronostoria sicuramente non è regolare, quindi sarà opportuno cercare una soluzione in mediazione anziché arrivare innanzi al giudice. Inoltre vero quello che ti ha detto l'avvocato ma vale solo se i condomini morosi che hanno impugnato perderanno la causa ( quindi decreti ingiuntivi saranno validi )cosa che sembra alquanto improbabile visto le circostanze.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Ciao, è vero che si tratta di punti di vista ma oltre a questo c'è la legge.......altro che punto di vista.......

L'amministratore DEVE fare il d.i., naturalmente se TUTTI gli altri condòmini che hanno regolarmente pagato ti consentono di agire come tu pensi nulla osta ma, basta uno che non sia d'accordo e ti crea problemi.

Ciao

L'assemblea con delibera può autorizzare l'amministratore a non procedere con i decreti ingiuntivi: se si spiega la situazione forse capiranno; hanno già una causa in atto e abbastanza confusione contabile, non credo si esporranno tra l'altro senza effettivo motivo, ad altre cause contro questo amministratore che sta cercando di sistemare le cose

 

- - - Aggiornato - - -

 

Saluti

E' vero che c'è la mediazione ma, la mediazione in condominio, lascia un po' il tempo che trova, è quasi inutile.

 

Nel condominio dove abito, circa un anno fa un condomino non si trovava d'accordo con l'approvazione del bilancio ed io con lui.

Secondo noi c'erano diversi errori ma, nonostante ciò, la maggioranza approvò.

L'amministratore disse che dovevamo comunque pagare altrimenti ci avrebbe fatto i d.i. poi se volevamo potevamo impugnare il verbale di assemblea entro 30 gg.

 

Ci rivolgemmo ad un avvocato il quale ci consigliò di effettuare il procedimento di mediazione, prima di impugnare il verbale ma, avremmo dovuto comunicarlo all'amministratore il quale avrebbe dovuto convocare assemblea e farla decidere se accettare la mediazione oppure no.

 

L'avvocato ci disse che per andare in mediazione il condominio avrebbe dovuto avere la maggioranza degli intervenuti in assemblea che rappresentasse 500 millesimi.

 

Capirai?!!!????

Non l'avrebbero mai accettata, erano gli stessi che hanno approvato il bilancio......

L'avvocato disse che se non si raggiungeva tale maggioranza la proposta non è accettata ed allora non ci rimaneva altro che impugnare il verbale entro 30 gg.

 

Considerando che ne erano già passati 15.......considerando che comunque ci veniva a costare molto, non ci rimase che pagare quanto stabilito dalla assemblea onde evitare i d.i. in quanto, sul d.i. non esiste mediazione e, ci disse l 'avvocato, che l'amministratore ce lo avrebbe fatto di sicuro in quanto era uno dei suoi principali doveri, nel caso avesse temporeggiato sicuramente gli altri condomini lo avrebbero pressato a farli entro breve tempo, altrimenti non avrebbero rinnovato il mandato all'amministratore stesso.

 

Quindi chiedere la mediazione su una delibera già approvata con larga maggioranza.......è tempo perso......

Volevo informarvi di questa mia esperienza, visto l'argomento trattato che mi ha incuriosito essendo simile al mio.

Saluti

In questo caso i condomini hanno già impugnato quindi in base alla nuova normativa andranno in mediazione prima di andare innanzi al giudice. La mediazione di cui parli tu mi sembra di capire è altra cosa

×