Vai al contenuto
PATRI58

Decisione dell'assemblea messa a norma tubazioni gas

Salve , abito in un condominio di 10 appartamenti dove si rende necessario mettere a norma l'impianto delle tubazioni del gas

Ora nel condominio abita ed e' propietario un idraulico che ha presentato un preventivo di spesa di circa il 25% superiore ad altre ditte

L'assemblea ha deciso per opportunita' di deliberare il lavoro all'idraulico propietario, decisione che io ho contestato perche' antieconomica

e non capisco perche' dovrei affrontare spese superiori rispetto ai preventivi ricevuti

E' valida o puo' essere contestata la decisone della maggioranza ?

Dai contatori ai vari appartamenti partono poi le tubazioni che servono ogni propieta' , l'amministratore vuole dividere anche i lavori

di messa a norma di queste tubazioni per i millesimi generali mentre a mio parere dal contatore al servizio il tratto e' propieta' di ogni singolo

Ringrazio in anticipo per le risposte

Se la spesa è stata deliberata con la maggioranza, è valida. Da nessuna parte è scritto che si deve decidere sempre per il preventivo più economica, altrimenti l'assemblea non servirebbe a nulla.

Invece da ogni contatore parte il tubo privato, per cui questi interventi sono dei singoli e nulla può decidere l'assemblea sugli impianti privati.

Concordo con lollolalla. L'unico dubbio che mi sovviene è altro: dal contatore ad andare INDIETRO, la linea non è condominiale ma è sempre di proprietà dell'ente erogatore. Chi vi ha intimato di mettere a norma l'impianto, che non è vostro? Avete interpellato la ditta erogatrice?

Anch'io la penso così. Credo che come impianto condominiale si riferisca alla tubazione del gas che serve la caldaia. I contatori serviranno solo per i piani cottura ed eventuali boiler per ACS. Altrimenti non si capisce come è fatto l'impianto...

Ok d'accordo l'assemblea puo' decidere anche per una preventivo piu' alto ma se a parita' di lavoro/servizio decide per quello piu' costoso

non capisco il beneficio

Il beneficio può essere la solidità dell'impresa, il fatto che abbia un curriculum migliore, che dia più garanzie, tipologia di pagamenti migliore.... nel tuo caso niente può andare storto, altrimenti l'idraulico/condomino verrà assalito dagli altri condomini e rischia di non poter più vivere tranquillamente... ecco perché è bene rifiutare i lavori all'interno del proprio condominio... si vede che questo condomino non la pensa così, oppure la crisi c'è per tutti e accetta il rischio.

 

Magari il suo preventivo era volutamente più alto per non prendere il lavoro...

A dir la verita' l'amministratore ha inviato una lettera dicendo che vi era la necessita' di mettere a norma l'impianto .

Un mio idraulico di fiducia ha visionato l'impianto e siccome le tubazioni corrono nell'interrato dei garages mi diceva anche lui

che bisognava intervenire , di piu' non so

Le tubazioni possono essere sterne, fatte in un certo modo. Secondo me gatta ci cova. Poi onestamente io prima di aprire o approvare un preventivo vorrei ampie e chiare delucidazioni sui lavori da fare, sul perchè e tutto il resto. Non capisco perchè uno si lamenti poi a cose fatte.....senza sapere nemmeno perchè dovrà pagare. Ormai si rasenta l'assurdo.

Scusate , ma sono stato impreciso colpa mia.

Non c'e' stata una vera e propria assemblea ma l'amministratore tramite mail e contatti telefonici ci ha comunicato che l'impianto tubazioni gas

non rispettava le norme.

Un condomino idraulico si e' offerto di fare il lavoro e ha presentato un preventivo fra l'altro sottolineando che era un preventivo di massima specie nelle ore

di manodopera previste.

Io ho fatto fare una verifica a un tecnico di mia fiducia il quale mi ha riferito che era vero che l'impianto non era a norma perche' nell'interrato erano presenti

giunti filettati che mi diceva non piu' permessi e mi ha fatto pervenire un preventivo a corpo , cioe' a pacchetto chiuso , fra l'altro inferiore di circa il 25%

dell'idraulico condomino.

Dal punto di vista formale non c'e' stata nessuna assemblea e mi scuso per quanto detto prima ma volevo semplificare ed ho causato solo confusione

Beh allora ora dovrete fare un'assemblea e lì deciderete. Al momento è tutto in divenire, non fasciarti la testa prima.....

buongiorno

mi inserisco in questa discussione in quanto trovo alcune attinenze circa i lavori che stiamo affrontando nel ns condominio.

 

Iollolalla scrive " Invece da ogni contatore parte il tubo privato, per cui questi interventi sono dei singoli e nulla può decidere l'assemblea sugli impianti privati."

 

Ora domando, supposto che tale affermazione corrisponda a verità, i costi per lo scasso di parti comuni (es. attraversamenti vani cantine, vialetti pedonali, etc.) derivanti dalla sostituzione della singola linea gas sarebbero da ripartire in millesimi condominiali all'intero condominio ovvero devono essere attribuite al singolo condomino ( o più di uno) proprietari della/e linea/e.

×