Vai al contenuto
maurop

Debito ex proprietario - non mi siano mai stati inviati nonostante io fossi presente nel bilancio con un saldo a debito?

Buongiorno.

Nel giugno 2017 ho venduto un appartamento e contestualmente ho contattato l’amministratore via mail per avvisarlo della compravendita e per chiedergli di farmi avere il saldo del conguaglio a debito a credito quanto prima.

Da allora a oggi non ho più sentito nessuno, non ho mai ricevuto nessuna comunicazione da parte loro e in questi giorni vengo contattato dall’acquirente che mi informa che nell’ultima assemblea di condominio è emerso un mio debito di circa 980 euro, presente dal bilancio consuntivo del 2016 (da me mai visionato perchè mai inviatomi dall'amministratore. Immagino sia stato approvato dopo la vendita o comunque in quei giorni)

 

Inizialmente pensavo a un errore, poi indagando ho scoperto che si tratta di un debito lasciato da un mio inquilino che è uscito nel gennaio del 2016. So benissimo che ne devo rispondere io, quindi non è di questo che voglio parlare.

 

Quello che mi interesserebbe sapere è:

-          È normale che i bilanci consuntivi del 2016 e del 2017, approvati nel momento in cui io non ero più un condomino (anche se per il 2016 mi resta un dubbio su questo), non mi siano mai stati inviati nonostante io fossi presente nel bilancio con un saldo a debito?

-          Il debito è da ritenersi ancora valido nonostante non mi sia stato ancora notificato nulla dall’amministratore (ma solo dall’acquirente via whatsapp)?

-          Se, come immagino, la risposta di cui sopra sia sì, posso in qualche modo rivalermi sull’amministratore che non  mi ha mai comunicato nulla?

 

In breve, nel momento in cui l’amministratore mi contatterà per richiedermi il saldo, voi cosa fareste? Paghereste e basta o vi rivolgereste a un legale per far valere le eventuali vostre ragioni?

maurop dice:

Buongiorno.

Nel giugno 2017 ho venduto un appartamento e contestualmente ho contattato l’amministratore via mail per avvisarlo della compravendita e per chiedergli di farmi avere il saldo del conguaglio a debito a credito quanto prima.

Da allora a oggi non ho più sentito nessuno, non ho mai ricevuto nessuna comunicazione da parte loro e in questi giorni vengo contattato dall’acquirente che mi informa che nell’ultima assemblea di condominio è emerso un mio debito di circa 980 euro, presente dal bilancio consuntivo del 2016 (da me mai visionato perchè mai inviatomi dall'amministratore. Immagino sia stato approvato dopo la vendita o comunque in quei giorni)

 

Inizialmente pensavo a un errore, poi indagando ho scoperto che si tratta di un debito lasciato da un mio inquilino che è uscito nel gennaio del 2016. So benissimo che ne devo rispondere io, quindi non è di questo che voglio parlare.

 

Quello che mi interesserebbe sapere è:

-          È normale che i bilanci consuntivi del 2016 e del 2017, approvati nel momento in cui io non ero più un condomino (anche se per il 2016 mi resta un dubbio su questo), non mi siano mai stati inviati nonostante io fossi presente nel bilancio con un saldo a debito?

-          Il debito è da ritenersi ancora valido nonostante non mi sia stato ancora notificato nulla dall’amministratore (ma solo dall’acquirente via whatsapp)?

-          Se, come immagino, la risposta di cui sopra sia sì, posso in qualche modo rivalermi sull’amministratore che non  mi ha mai comunicato nulla?

 

In breve, nel momento in cui l’amministratore mi contatterà per richiedermi il saldo, voi cosa fareste? Paghereste e basta o vi rivolgereste a un legale per far valere le eventuali vostre ragioni?

L'amministratore potrebbe rivolgerti a te come ex, ma forse le converrà rivolgersi al nuovo condomino che è solidale per i debiti non pagati da te (magari inditettamente dal tuo inquilino) per l'anno del rogito e quello precedente --> art 63 Dacc, da cui il nuovo potrà rivalersi su di te, per cui fossi in te attenderei comunicazioni ufficiali in merito

maurop dice:

Quello che mi interesserebbe sapere è:

-          È normale che i bilanci consuntivi del 2016 e del 2017, approvati nel momento in cui io non ero più un condomino (anche se per il 2016 mi resta un dubbio su questo), non mi siano mai stati inviati nonostante io fossi presente nel bilancio con un saldo a debito?   

è cosa assai normale e corretta in quanto tu non sei più condomino e vista la responsabilità di chi ha acquistato per la gestione in corso e l'anno precedente, è con lui che ti devi rapportare.

maurop dice:

-          Il debito è da ritenersi ancora valido nonostante non mi sia stato ancora notificato nulla dall’amministratore (ma solo dall’acquirente via whatsapp)?

certo che è valido e l'acquirente ha diritto di rivalersi nei tuoi confronti

 

maurop dice:

-          Se, come immagino, la risposta di cui sopra sia sì, posso in qualche modo rivalermi sull’amministratore che non  mi ha mai comunicato nulla?

no in quanto non ha violato nessuna norma.   

 

maurop dice:

 

In breve, nel momento in cui l’amministratore mi contatterà per richiedermi il saldo, voi cosa fareste? Paghereste e basta o vi rivolgereste a un legale per far valere le eventuali vostre ragioni?

presumo che l'amministratore non ti contatterà ma chiederà il pagamento (cosa che ha fatto) all'acquirente e quindi questo si rifarà su di te, ma se anche lo facesse una azione legale non produrrà alcun frutto per te, anzi......

camillo50 dice:

è cosa assai normale e corretta in quanto tu non sei più condomino e vista la responsabilità di chi ha acquistato per la gestione in corso e l'anno precedente, è con lui che ti devi rapportare.

 

 

no in quanto non ha violato nessuna norma.   

 

Questo anche se il bilancio fosse stato approvato nel momento in cui io ero ancora condomino?

Il rogito è stato il 29 giugno, se il bilancio fosse stato approvato il 20 giugno, è comunque normale che a me non venga inviato?

maurop dice:

Questo anche se il bilancio fosse stato approvato nel momento in cui io ero ancora condomino?

Il rogito è stato il 29 giugno, se il bilancio fosse stato approvato il 20 giugno, è comunque normale che a me non venga inviato?

Se tu eri presente in assembea non c'è l'obbligo dell'invio del deliberato, invece se eri assente l'amministratore ha l'onere dell'invio.

Modificato da Tullio Ts
correzione errori di digitazione
Tullio Ts dice:

Se tu eri presente in assembea non c'è l'obbligo dell'invio del deliberato, invece se eri assente l'amministratore ha l'onere dell'invio.

Ero assente. Nel caso lui cosa rischierebbe? 

maurop dice:

Ero assente. Nel caso lui cosa rischierebbe? 

No so cosa intenderà fare l'amministratore per recupero delle spese, per cui potrebbe agire per vie giudiziali normali contro di te dimistrando che non sono state pagate (molto costoso il procedimento), ma a mio parere all'ammistratore potrebbe adire al giudice contro l'attuale condomino (molto meno costoso) che è in solido debtore con te, e quest'ultimo rivalersi su di te.  

Tullio Ts dice:

No so cosa intenderà fare l'amministratore per recupero delle spese, per cui potrebbe agire per vie giudiziali normali contro di te dimistrando che non sono state pagate (molto costoso il procedimento), ma a mio parere all'ammistratore potrebbe adire al giudice contro l'attuale condomino (molto meno costoso) che è in solido debtore con te, e quest'ultimo rivalersi su di te.  

Continuo però a non capire questo:

 

- il bilancio consuntivo è approvato dall'assemblea (io assente) in data in cui io sono ancora proprietario

- l'amministratore non mi manda una copia del bilancio consuntivo

 

Non è un'inadempienza? E nel caso cosa rischia?

 

Nel mio caso questo è un problema, perchè io due anni fa potevo contattare l'inquilino molto più facilmente di oggi. Ma nessuno mi ha mai avvisato di questo debito (l'amministratore mandava contabili separate a me e all'inquilino e solo dal bilancio io vedevo il saldo totale, ma l'ultimo che ho è del 2015)

Ciao

Vedo che stai cercando di trovare qualche cavillo per scaricare la tua responsabilità.

Precisiamo innanzitutto che l'amministratore non ha nessun obbligo di inviare copia del verbale ai condomini. Di norma lo invia agli assenti per far decorrere i 30 giorni per l'eventuale impugnazione. Facendo riferimento alla data del 29 giugno che tu citi se il 10 luglio lui ha spedito il verbale e sapendo che tu non eri più condomino, non lo ha spedito anche a te, non ha fatto né più e né meno che il suo dovere. Visto poi che li debito si riferisce al tuo inquilino del 2015 e tu vai i bilanci approvati in precedenza era tua diligenza verificare del tuo inquilino avesse pagato in quanto l'amministratore non ha nessun potere nei confronti del tuo inquilino. Concordo però, ti avrebbe fatto bene a segnalarti la situazione anche se a questo punto mi rendo conto che tu eri informato. La leggerezza di chi è acquistato poi ti ha aiutato.

camillo50 dice:

Ciao

Vedo che stai cercando di trovare qualche cavillo per scaricare la tua responsabilità.

Precisiamo innanzitutto che l'amministratore non ha nessun obbligo di inviare copia del verbale ai condomini. Di norma lo invia agli assenti per far decorrere i 30 giorni per l'eventuale impugnazione. Facendo riferimento alla data del 29 giugno che tu citi se il 10 luglio lui ha spedito il verbale e sapendo che tu non eri più condomino, non lo ha spedito anche a te, non ha fatto né più e né meno che il suo dovere. Visto poi che li debito si riferisce al tuo inquilino del 2015 e tu vai i bilanci approvati in precedenza era tua diligenza verificare del tuo inquilino avesse pagato in quanto l'amministratore non ha nessun potere nei confronti del tuo inquilino. Concordo però, ti avrebbe fatto bene a segnalarti la situazione anche se a questo punto mi rendo conto che tu eri informato. La leggerezza di chi è acquistato poi ti ha aiutato.

Ciao, quindi mi stai dicendo che non c'è nessun obbligo da parte dell'amministratore di comunicare il verbale ai condomini assenti? Questa è la prima volta che la sento. 

maurop dice:

Ciao, quindi mi stai dicendo che non c'è nessun obbligo da parte dell'amministratore di comunicare il verbale ai condomini assenti? Questa è la prima volta che la sento. 

infatti  è così, nessuna legge lo impone.

Tullio Ts dice:

No so cosa intenderà fare l'amministratore per recupero delle spese, per cui potrebbe agire per vie giudiziali normali contro di te dimistrando che non sono state pagate (molto costoso il procedimento), ma a mio parere all'ammistratore potrebbe adire al giudice contro l'attuale condomino (molto meno costoso) che è in solido debtore con te, e quest'ultimo rivalersi su di te.  

L'attuale proprietario è responsabile in solido assieme a me anche se nel contratto di compravendita è esplicitamente scritto che la parte acquirente non risponde di eventuali debiti verso il condominio della parte venditrice precedenti la data del rogito? 

ciao

quello che avete scritto nell'atto di compravendita è un qualcosa che riguarda voi due e non il condominio.

Per l'anno in corso e l'anno precedente il condomino attuale è responsabile in solido, il che vuol dire che se erano pendenze lasciate dal venditore, potrà rivalersi nei suoi confronti per recuperare l'importo che l'amministratore chiederà a lui.

maurop dice:

L'attuale proprietario è responsabile in solido assieme a me anche se nel contratto di compravendita è esplicitamente scritto che la parte acquirente non risponde di eventuali debiti verso il condominio della parte venditrice precedenti la data del rogito? 

Quello che è scritto sul contratto di compravendita (rogito) è un accordo tra le parti, il condominio non è interessato a questo, per il condominio valgono le norme del Codice Civile e Dacc.

×