Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
giallone

Danno in garaga privato

Questa estate in un garage privato si è distaccata parte dell'intonaco presumibilmente per vecchiaia (il palazzo ha 50 anni).L'amministratore, senza avvertire nessun,o fa la denuncia alla assicurazione, Sino adesso la compagnia non liquida e non dà risposta scritta. Verbalmente dice che non paga in quanto locale privato. Sopra il garage c'è un camminamento condominiale. Ora il proprietario minaccia di chiedere i soldi al condominio e l'amministratore sembra d'accordo. Sono 6.000 euro da perito privato del proprietario dell'auto, diviso 8 appartamenti. Come difendermi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Se non ha mai lamentato infiltrazioni o comunque non dipende dal passaggio pedonale. Ristrutturazione e danno sono problemi suoi.

 

Se poi le cause dipendono dal cortile...

https://www.condominioweb.com/cortile-comune-che-funge-da-copertura-ai-box-interrati-come-ripartire-le.746

 

Quello che più preoccupa,non è l'ignoranza del proprietario,ma l'atteggiamento dell'amministratore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La guaina del camminamento e stata messa nuova 3 anni fa. La compagnia afferma che l'intonaco da codice civile e bene privato. Però non lo scrive. Se è bene privato per l'assicurazione lo è anche per noi. Inoltre l"auto vale 2000 euro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Per prima cosa va letta la polizza e le condizioni di polizza. Ma va anche capito bene il perchè del distacco. La denuncia è stata fatta e la compagnia ha così risposto. Va comunicato per iscritto al condomino tale risultanza specificando che entro il termine utile per il condominio per presentare formale reclamo, dovrà far avere all'amministratore una sua perizia e ciò che chiede a risarcimento.

 

Dopodichè, l'amministratore dovrebbe convocare l'assemblea, e far nominare un perito di parte. L'intonaco potrebbe essere caduto per tanti motivi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Se si rompe il discendente dei gabinetti e fradicia l'intonaco del bagno di uno o più condomini, non è privato anche quello?

Fai come meglio credi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Quindi la pavimentazione è stata rifatta per infiltrazioni,probabilmente l'umidità ha compromesso all'epoca l'intonaco ed ora con il tempo è venuto giù.

Se lo scenario è questo,le responsabilità ricadono sul condominio,proprietario del camminamento.

Ora,come dice EFISIO bisogna leggere l'assicurazione del condominio (l'assicurazione dell'auto non centra niente) e se necessario bisogna interpellare un perito.

Se proprio le cose si dovessero mettere male a sfavore del condominio,visto e considerato,che il cortile è condominiale,partecipa alle spese anche l'interessato che ha subito il danno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Però qualcuno dovrà dimostrare che e stata una presunta infiltrazione. E se fosse venuto giu per una scossetta di terremoto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Un perito, serio e super partes, è in grado di stabilire le cause del distacco.

Inoltre, chiedere 6000 euro di danni, al di là del valore intrinseco dell'autovettura è esagerato e deve obbligatoriamente circostanziarne il calcolo. Infine, sempre che sia dimostrata la responsabilità diretta o indiretta del Condominio è pacifico che debba partecipare alla spesa in ragione dei propri millesimi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ora il proprietario minaccia di chiedere i soldi al condominio e l'amministratore sembra d'accordo.

--------------------------------------------

Però qualcuno dovrà dimostrare che e stata una presunta infiltrazione. E se fosse venuto giù per una scossetta di terremoto?

--------------------------------------------------------------

L'amministratore di testa sua non decide niente.

Dopo la richiesta formale da parte del danneggiato,l'amministratore può convocare un'assemblea straordinaria e in quella sede decidete cosa fare.

Se la richiesta di risarcimento viene respinta e chiaro che sarete citati.Lui a suo dire ha già una perizia e voi dovete o cedere oppure presentare una contro perizia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

 

esprimo un mio parere, anche se condivido quanto affermato da altri in precedente.

 

L'intonaco della rimessa è certamente privato, senza se e senza ma. (art. 1125 cod. civ.)

 

Il distacco dell'intonaco puo' essersi verificato per 1000 motivi e solo se il distacco è conseguenza di una infiltrazione dovuta alla inefficacia della guaina soprastante, si puà rivolgersi al condominio, altrimenti la spesa è solo sua..

 

Infine la richiesta avrebbe senso solo se c'era infiltrazione, e questa è stata segnalata tempestivamente e c'è stata l'inerzia del condominio.

Diciamo che dopo 50 anni, l'intonaco è stato ben applicato, non come i distacchi frequenti attuali dovuti alla assenza di rinzaffo.

 

L'estrema ipotesi potrebbe essere per assestamento e conseguente scoppio di qualche "pignatta" , allora si la spesa sarebbe da dividere al 50 % tra lui ed i soprastanti, anche se qui poi va anche valutato se c'è stata carenza di segnalazione da parte del proprietario.

 

Infine chiede il risarcimento del danno di 6.000 € per un veicolo che ne vale 2.000 €, e ciò è oltre ogni buon senso, ---- fate valutare voi il danno da un carrozziere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×