Vai al contenuto
Manuelrux

Danno cagionato da presunta infiltrazione dell'acqua di un balcone all'ultimo piano :Chi Paga?

Salve,buongiorno!Cercherò di descrivere chiaramente la situazione.

Condominio di 5 Piani ,l'ultimo è un attico con due balconi.I balconi per metà parte sono incassati nel perimetro del fabbricato e per l'altra metà si estendono di poco fuori(magari posto una foto per capirne la tipologia).

Al condomino del 4º piano è caduta una porzione di intonaco ,all'interno della sua abitazione(in cucina),perpendicolarmente dove è collocato uno dei balconi del 5º piano che non è coperto e pertanto esposto agli agenti atmosferici (pioggia..etc).

Premetto:nell'anno 2010 è stato stipulato il contratto d'appalto tra il condominio e la ditta di cui recito testè l'oggetto :"intervento manutentivo delle facciate e revisione del manto di copertura meglio descritti nel computo metrico ",in sostanza hanno ri-pitturato tutte le facciate esterne , hanno tolto le tegole del tetto e revisionato il tutto con una guaina e nuove tegole ,hanno tolto la pavimentazione di tutti i balconi ,(compresi anche i due balconi del 5º piano sopracitati )e rivestito con nuove mattonelle.

Poniamo (verosimilmente) che il danno al condomino del 4º piano sia stato cagionato da una inflitrazione dell'acqua del balcone del 5º piano.

A carico di chi è il danno derivante da presunta infiltrazione?

 

A: Del proprietario del 5º piano....

B: Del condominio ,ciascuno in misura proporzionale...

C: Della Ditta Appaltatrice ....(però nel contratto di appalto non c'è nessun riferimento a garanzie decennali o quant'altro)....in questo caso qual'è la normativa di rigerimento..mi pare di intuire che la garanzia decennale viene prevista se si fanno ristrutturazioni del fabbricato..oppure forse è di due anni dalla consegna dei lavori...

Attendo esaustive delucidazioni e ringrazio anticipatamente per eventuali risposte...

Da quanto mi sembra di capire il terrazzo è un lastrico solare quindi il risarcimento è imputabile a tutto il condominio in base ai propri millesimi di proprietà, compreso il danneggiato. Se i lavori sono stati eseguiti nel 2010 e fino ad oggi nulla è stato contestato alla ditta che li ha eseguiti mi sa difficile possiate rivalervi nei confronti della stessa. Occorrerà naturalmente, che oltre a risarcire il danno ne risolviate anche la causa attuando nuovi lavori di impermeabilizzazione del lastrico

Salve,il danno si è verificato soltanto oggi,nel 2017.Ritengo non si tratti di lastrici solari ma bensì di normali balconi facenti parte dell'immobile .Posto una foto per capirne la tipologia.

a) E' pacifico pensare che la ditta che ha provveduto al rivestimento dei balconi (anno 2010) e nel cui contratto di appalto non sia espressa la garanzia ,sia esente da ogni responsabilità per il danno cagionato da presunta infiltrazione d'acqua???Normativamente per quanto tempo garantisce una ditta? 2 anni....3 ...4...5...6...????

b)E' verosimile ritenere che tali balconi ,per struttura,non siano altro che una estensione della proprietà individuale dell'immobile e che pertanto ogni danno che ne scaturisce da esso sia riconducibile al condomino proprietario dell'immobile(5 piano) che è tenuto a risarcire???

c) oppure risponde il Condominio in misura proporzionale ai millesimi di proprietà?

grazie..

allegato:foto

scusate forse non posso postare foto in base alle regole del forum...magari faccio un grafico io...

Il punto è che non si capisce bene di cosa sis stia parlando: il fatto che i terrazzo funga da copertura anche parziale come lo descrivi nel post 1, lo fa risultare un lastrico solare

×