Vai al contenuto
bali

Danni causati da incuria inquilino

Gentile forum, vorrei sapere come comportarmi con il mio inquilino che, a causa della sua incuria, ha causato un grave danno all'appartamento da lui occupato. L'affitto ha avuto inizio nel 2008, adesso sta lasciando l'appartamento (con regolare invio della a/r) però, all'atto della consegna dell'immobile, abbiamo constatato alcuni danni: lavandino spaccato, piatto doccia e cabina doccia spaccati e riparati alla meglio con colla, ma quel che è peggio la sua incuria e il suo menefreghismo hanno fatto sì che le infiltrazioni dal balcone provocassero il rigonfiamento del muro interno ed esterno della stanza e del parquet prospiciente la soglia del balcone, l'infisso fino ad una altezza di circa 60cm si è arrugginito e si è staccato dal muro interno! Quando gli abbiamo fatto notare quanto successo e gli abbiamo chiesto perchè non ci avesse chiamato ai primi segni del danno affinchè noi potessimo intervenire in tempo utile per le riparazioni del caso (così come del resto abbiamo sempre fatto quando lui ha richiesto il nostro intervento, e dico giustamente, per situazioni che gli causavano disagio), ha risposto che non si è accorto di niente!!! e che il danno è dovuto al fatto che gli infissi sono vecchi, ma gli infissi delle altre stanze sono in perfette condizioni. Ho chiamato un fabbro per capire come intervenire e questi mi ha detto che si deve cambiare l'infisso. Ho diritto di addebitare all'inquilino le spese per la sostituzione dell'infisso, cioè infisso nuovo e intervento del muratore per il montaggio, oltre i sanitari rotti, visto che l'enorme danno è stato causato dalla sua incuria? Le spese per il parquet rigonfio gli ho detto che le avrei sostenute io, giusto per andargli in contro, così come, ovviamente, tutti i costi per i danni causati da vetustà o dal normale uso della cosa, come parquet graffiato, tenda parasole strappata ecc.

Quello che mi fa rabbia è che sarebbe bastata una semplice telefonata per avvisarmi di quello che stava succedendo! Purtroppo non posso nemmeno rifarmi con la cauzione perchè l'inquilino l'ha compensata con le ultime mensilità fregandosene delle mie proteste. Spero in un vostro consigli e

ringrazio in anticipo per le vostre risposte.

Bali

credo che nei contratti di affitto sia prevista la clausola della restituzione del bene in stato di "normale utilizzo".

d'altronde, la caparra iniziale, da restituire a fine locazione, serve anche in questi casi.

... o non ti sta pagando gli ultimi due o tre mesi recuperando così il suo anticipo e lasciandoti con una casa diroccata ?

in questo caso pretendi le riparazioni di sua spettanza anche attraverso un legale (se la spesa vale l'impresa).

grazie per la risposta paul cayard. si proprio così, non ha pagato gli ultimi due mesi per recuperare l'anticipo! la vedo dura....

 

- - - Aggiornato - - -

 

grazie per la risposta paul cayard. si proprio così, non ha pagato gli ultimi due mesi per recuperare l'anticipo! questa persona non ha chiaro il concetto che l'inquilino è costituito custode della cosa locata e deve adoperarsi nel manutenerla in buone condizioni con la diligenza del "buon padre di famiglia"! mah, la vedo dura....

Ovviamente potrà richiedere il risarcimento dei danni, visto che il conduttore è tenuto a riconsegnare l'immobile locato nello stesso stato in cui gli venne consegnato, deve curare l'ordinaria manutenzione e comportarsi diligentemente nel caso insorgano problemi.

Il problema, appunto, è che spesso le azioni giudiziarie si rivelano infruttuose (e dispendiose) a causa dell'incapienza del patrimonio del soccombente.

Quindi è sempre utile, prima, indagare sulla situazione economica di quest'ultimo.

 

P.S. a rigore il deposito cauzionale non può essere imputato alle morosità ma solo al risarcimento degli eventuali danni provocati all'immobile.

×