Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
DFMcondomini

Danni appartamento per rottura colonna montante

In un condominio a causa della rottura della colonna montante sono stati causati dei danni di infiltrazione di acqua nera in due appartamenti. Abbiamo effettuato una riunione condominiale dove si è scelto la ditta che dovrà tinteggiare gli appartamenti danneggiati. I proprietari di tali appartamenti partecipano, in base ai millesimi, alle spese?

 

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Si se loro sono allacciati a quella colonna devono come tutti anche per i danni ed in proporzione millesimale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

L'assicurazione non l'avete?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

No. Non abbiamo l'assicurazione.

Un proprietario ha presentato un preventivo per il proprio appartamento che non è stato accettato in quanto l'assemblea ha ritenuto la cifra richiesta esorbitante. L'assemblea può decidere chi dovrà effettuare i lavori? o è il proprietario dell'appartamento che decide chi dovrà effettuare i lavori nella propria casa?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
No. Non abbiamo l'assicurazione.

Un proprietario ha presentato un preventivo per il proprio appartamento che non è stato accettato in quanto l'assemblea ha ritenuto la cifra richiesta esorbitante. L'assemblea può decidere chi dovrà effettuare i lavori? o è il proprietario dell'appartamento che decide chi dovrà effettuare i lavori nella propria casa?

Proprio oggi leggevo un argomento simile, e si diceva che nella parte privata l'assemblea non può decidere, in compenso però l'assemblea può assumere un perito per valutare l'entità del danno, ovvero se oggi p.es. ci sono piastrelle comuni, anche dopo saranno piastrelle comuni, non è che con questa scusa si metterà dei marmi di Carrara a spese condominiali, a cui anche il danneggiato contribuirà.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Scusate se ritorno sulla questione.

Ma proprio ieri abbiamo avuto una riunione condomimniale e tra l'altro si è discusso dei danni derivati dalla rottura della colonna montante in condominio parziale (solo una parte del condominio sfrutta tale colonna montante). Uno dei danneggiati ha delegato un avvocato che ha asserito che alla sistemazione della rottura della colonna montante è giusto che tutti quelli che sfruttano tale colonna devono partecipare alle spese. Mentre al pagamento dei danni avutosi nei due appartamenti deve partecipare tutto il condominio tranne i due danneggiati perchè così previsto dall vigente legge. Alla mia richiesta di fornirmi l'articolo di legge si è rifiutata di rispondere.

Volevo sapere, da voi esperti, se l'avvocato ha torto (e io credo di si) e gli articoli di legge di riferimento in modo che si possa controbattere.

Grazie per l'aiuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Volevo sapere, da voi esperti, se l'avvocato ha torto (e io credo di si) e gli articoli di legge di riferimento in modo che si possa controbattere.

Grazie per l'aiuto.

Di chi è il tubo che si è rotto? Del condominio, se per ripararlo è necessario rompere delle piastrelle nel bagno di un condominio chi paga il ripristino del danno? Chi ha causato il danno ovvero il condominio, e chi è il condominio? Tutti i condomini compreso chi ha subito il danno.

 

cc Art. 2043.

Risarcimento per fatto illecito.

Qualunque fatto doloso o colposo che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Mi potreste dare ulteriori riferimenti giuridici ed eventuali sentenze

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Mi potreste dare ulteriori riferimenti giuridici ed eventuali sentenze
Non trovo una sentenza specifica per il tubo condominiale e danni al bagno, ma ho trovato una simile, ovvero infiltrazioni dal lastrico all'appartamento sottostante;

 

“Secondo la giurisprudenza di questa Corte, infatti, poichè il lastrico solare dell’edificio svolge la funzione di copertura del fabbricato anche se appartiene in proprietà superficiaria o se è attribuito in uso esclusivo ad uno dei condomini, all’obbligo di provvedere alla sua riparazione o alla sua ricostruzione sono tenuti tutti i condomini, in concorso con il proprietario superficiario o con il titolare del diritto di uso esclusivo.

Ne consegue che dei danni cagionati all’appartamento sottostante per le infiltrazioni d’acqua provenienti dal lastrico, deteriorato per difetto di manutenzione, rispondono tutti gli obbligati, inadempienti alla funzione di conservazione, secondo le proporzioni stabilite dal citato articolo 1126 c.c. (Cass., 29 aprile 1997, n. 3672).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Salve,

 

nel mio condominio si è verificata una controversia simile, rifacimento della colonna montante e braga. Ma uno dei condomini si è rifatto il bagno nuovo, giustificando di non possedere più le stesse piastrelle e vorrebbe pagate le spese della demolizione e posa in opera del nuovo rivestimento di tutto il bagno, con smantellamento della vasca da bagno e sostituzione con piatto doccia e tinteggiatura delle parti escluse dal rivestimento. Hai ragione a chiedere un risarcimento? Grazie

 

Domenico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

In linea di massima, non può uscirsene con il conto a cose fatte come sembrerebbe di capire dal post. C'è almeno una perizia della compagnia assicuratrice, con proposta di risarcimento?

In tal caso, vuol dire che la compagnia ha ammesso il risarcimento. Se il vicino ha ritenuto di aver ben agito, magari perchè ha rinunciato alla vasca ad idromassaggio, a mio avviso l'amministratore non deve far altro che girare la sua pretesa alla compagnia assicuratrice, con tutti gli auguri del caso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Salve,

 

nel mio condominio si è verificata una controversia simile, rifacimento della colonna montante e braga. Ma uno dei condomini si è rifatto il bagno nuovo, giustificando di non possedere più le stesse piastrelle e vorrebbe pagate le spese della demolizione e posa in opera del nuovo rivestimento di tutto il bagno, con smantellamento della vasca da bagno e sostituzione con piatto doccia e tinteggiatura delle parti escluse dal rivestimento. Hai ragione a chiedere un risarcimento? Grazie

 

Domenico

Nel caso in cui un'abitazione abbia subìto infiltrazioni d'acqua provenienti dall'appartamento soprastante, il proprietario di quest'ultimo non può limitarsi a risarcire solo il danno subito nella zona immediatamente danneggiata, ma il risarcimento danni deve essere integrale (Corte di Cass, n. 12920/2015 terza sezione civile).

 

Quindi il condomino ha diritto a ripristino del bagno come era prima del danno e se alcune piastrelle sono state rotte e non se ne trovano di uguali ha diritto a sostituirle tutte ( per averle tutte uguali come erano in origine)con altre di pari valore. La sostituzione della vasca da bagno con il piatto doccia invece è altra cosa e non rientra nel risarcimento del danno per cui questa spesa non andrebbe rimborsata. Se non si raggiunge un accordo tra danneggiato e danneggiante sulla somma da risarcire, il primo potrà adire a vie legali e citare in giudizio il secondo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie per i tempestivi commenti. Efisio hai dedotto bene, il condomino ha presentato il conto a cose fatte e la controversia è avvenuta quando ancora nessuna assicurazione era stata stipulata. Per chiarire meglio, la sostituzione delle piastrelle è sopraggiunta in seguito alla sostituzione della braga del condomino in questione perché vetusta e in amianto, poi, verificate anche le condizioni della colonna montate il condominio ha deciso di sostituire anche la medesima. Da quanto letto in quanto non familiare all’argomento, mi sembra di capire, che il danno provocato dalla sostituzione della colonna montante sia carico del condominio perché la colonna montante è un elemento a servizio dello stesso, ma il danno provocato dalla sostituzione della braga (quindi la sola posa in opera delle piastrelle e non il rivestimento delle pareti) si dovrebbe conteggiare al solo condomine stesso.

Alla fine di tutto il condomino ha presentato il conto delle piastrelle (pavimento e rivestimento), della tinteggiatura, della rimozione dei sanitari e della sostituzione della vasca con il piatto doccia.

(A questo andrebbe aggiunto che non ha presentato una fattura). Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Grazie per i tempestivi commenti. Efisio hai dedotto bene, il condomino ha presentato il conto a cose fatte e la controversia è avvenuta quando ancora nessuna assicurazione era stata stipulata. Per chiarire meglio, la sostituzione delle piastrelle è sopraggiunta in seguito alla sostituzione della braga del condomino in questione perché vetusta e in amianto, poi, verificate anche le condizioni della colonna montate il condominio ha deciso di sostituire anche la medesima. Da quanto letto in quanto non familiare all’argomento, mi sembra di capire, che il danno provocato dalla sostituzione della colonna montante sia carico del condominio perché la colonna montante è un elemento a servizio dello stesso, ma il danno provocato dalla sostituzione della braga (quindi la sola posa in opera delle piastrelle e non il rivestimento delle pareti) si dovrebbe conteggiare al solo condomine stesso.

Alla fine di tutto il condomino ha presentato il conto delle piastrelle (pavimento e rivestimento), della tinteggiatura, della rimozione dei sanitari e della sostituzione della vasca con il piatto doccia.

(A questo andrebbe aggiunto che non ha presentato una fattura). Grazie

anche a me risulta così.

tutta la tubazione "orizzontale" compresa la Y della braga è di competenza privata.

quindi in primis va chiarita la causa del danno: se è stata la braga allora è un problema del singolo, altrimenti è della verticale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ma ci sono fotografie dello stato dei luoghi ante lavori? Oppure una perizia?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

No, nessuna perizia, ma ci sono delle foto dello stato dei luoghi ante lavori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Riassumendo, se si raggiunge una risoluzione bonaria e consensuale sarebbe meglio per tutti, dato che non avete copertura assicurativa.

Dalla vostra c'è il fatto che ha richiesto un risarcimento a cose fatte. Avrebbe dovuto permettere un contradditorio, oppure richiedere la riparazione e il ripristino dello stato dei luoghi, non certo una miglioria. Tra l'altro, ma per la verticale, ha anticipato lui? In caso affermativo, l'amm.re ha autorizzato?

 

Se dalle immagini del bagno a danno subìto si vede la vasca, tanto meglio, ciò è a vostro favore. Se avete un'impresa amica, dovreste farvi fare un preventivo per analogo lavoro, sulla base di un capitolato desumibile dalle immagini. Per le misure, se c'è lo stesso bagno sulla verticale, le prendete da lì.

 

Poi, gli fate un'offerta scritta sulla base di quanto vi avrebbe chiesto la ditta di vostra fiducia. Ma una cosa verosimile.

Ovviamente, controllate sia vero che la ceramica è introvabile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Le spese della verticale sono state suddivise ai condomini afferenti al quel lato della colonna. Per quello nessuno problema, è già stata pagata quella somma. Per il preventivo analogo me ne sto occupando io previo incarico dell’assemblea. Se dovesse accettare l'offerta, la spesa verrebbe sempre divisa per i condomini afferenti a quel lato o dovrebbe essere distribuita a tutti i condomini?

grazie ancora

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Tornando indietro al post n.13, non capisco bene quale danno si sia verificato. Intendo se il vicino che si è rifatto il bagno, è lo stesso presso il quale si è rotta la braga, oppure hanno aperto da lui perchè si è rotta la braga di quello sopra e lui se ne è presa l'acqua?

Oppure, se infiltrazione c'è stata, da dove è arrivata esattamente?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Scusa, mi sono espresso male. Mi riferivo sia ai costi per la sostituzione della colonna montante, sia ai costi della sostituzione della braga. Tutto ha avuto inizio da un’infiltrazione d’acqua del suo bagno al condomino sottostante. Dopodiché, quasi tutto il lato ha deciso di intervenire sostituendo braga e colonna montante. Dove sia arrivata l’infiltrazione non lo so con precisione. Grazie ancora per l'interessamento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Allora capiamo bene:

chi batte cassa è il condomino dal quale è partito il sinistro ("...del suo bagno"), o quello che è stato "bagnato"?

Confermi che allo stato attuale non è noto da dove sia partita la perdita?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Quello che va risarcito è quanto è stato danneggiato dal tubo condominiale

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie Maila. Quello che è stato bagnato è stato risarcito, adesso il problema si è spostato su questo condomino, perché dopo aver cambiato la colonna montante passante dal bagno di quest'ultimo, lui richiede al condominio il risarcimento della posa in opera delle piastrelle dell'intero bagno (perché non più disponibili sul mercato), sostituzione vasca con doccia e tinteggiature di tutto il bagno.

 

In base a quanto detto, se le mattonelle non sono sul mercato, il condominio si farà carico delle spese di risarcimento, stessa cosa per la tinteggiatura ma solo nelle parti dove è stato eseguito l'intervento di ripristino della colonna assicurandosi il bagno ritorni allo stato antecedente l'intervento. Per la sostituzione della vasca con il piatto doccia, non deve essere elargito nessun risarcimento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ok, adesso è chiaro. Forse è stato aperto un tracantone nel suo bagno e lavorato da lì per un segmento di colonna. Mi sa di lavoro che pur essendo non di urgenza (così sembra), è stato programmato superficialmente e senza accordi preliminari tra le parti. Non so se l'amministratore se ne sia preoccupato adeguatamente, ma con qualche firma ora le cose sarebbero forse diverse.

 

A fronte di ciò, quanto hai scritto mi pare la via giusta. Preventivo di ditta interpellata dal condominio, accertamento se sia vero che le ceramiche non ci sono, deduzioni, proposta, trattativa e speriamo bene.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Grazie Maila. Quello che è stato bagnato è stato risarcito, adesso il problema si è spostato su questo condomino, perché dopo aver cambiato la colonna montante passante dal bagno di quest'ultimo, lui richiede al condominio il risarcimento della posa in opera delle piastrelle dell'intero bagno (perché non più disponibili sul mercato), sostituzione vasca con doccia e tinteggiature di tutto il bagno.

 

In base a quanto detto, se le mattonelle non sono sul mercato, il condominio si farà carico delle spese di risarcimento, stessa cosa per la tinteggiatura ma solo nelle parti dove è stato eseguito l'intervento di ripristino della colonna assicurandosi il bagno ritorni allo stato antecedente l'intervento. Per la sostituzione della vasca con il piatto doccia, non deve essere elargito nessun risarcimento.

No: le piastrelle vanno risarcite per l'intero bagno in base alla sentenza che ti ho postato nel mio post precedente. Mentre per la tinteggiatura visto che probabilmente si è potuta eseguire uguale a quella del resto del bagno vale il ragionamento da te fatto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×