Vai al contenuto
Erre Ci

Dal 2017 versamento cumulativo delle ritenute del 4% e pagamenti tracciabili

L'Agenzia delle Entrate oggi ad un mio specifico quesito, mi ha risposto che non è facoltà ma obbligo versare solo al raggiungimento dei 500,00 euro ovvero il 30/06/2017 se non lo si raggiunge e lo stesso per la scadenza del 20 dicembre!!!

Non mi fido dei funzionari... spesso scaldano la sedia... meglio attendere un comunicato ufficiale!

L'Agenzia delle Entrate oggi ad un mio specifico quesito, mi ha risposto che non è facoltà ma obbligo versare solo al raggiungimento dei 500,00 euro ovvero il 30/06/2017 se non lo si raggiunge e lo stesso per la scadenza del 20 dicembre!!!

 

dipende chi trovi...lui ha interpretato cosi', se ti rispondeva un altro ti diceva un altra cosa..

 

io spero sia una facoltà, altrimenti saranno casini..ci saranno dimenticanze ecc.. è molto corretto e ordinato pagare la fattura e subito la relativa ritenuta.. volta per volta..

 

poi nell'estratto conto escono vicine..cosi mi trovo fattura di gennaio..e nell'estratto di giugno e di dicembre un blocco unico di 500 euro (o quello che è) cumulativo di varie ritenute?

che porcheria vien fuori..

Mi hanno risposto per iscritto ad un SMS con tanto di nr. Protocollo. Anche per me è più semplice fattura per fattura ma se è un imposizione possiamo solo adeguarci.

Mi hanno risposto per iscritto ad un SMS con tanto di nr. Protocollo. Anche per me è più semplice fattura per fattura ma se è un imposizione possiamo solo adeguarci.

scusa rosselli5 ma allora è facoltativo oppure no ?

dato che ho una ritenuta imminente ?

grazie

scusa rosselli5 ma allora è facoltativo oppure no ?

dato che ho una ritenuta imminente ?

grazie

per lo meno fino al 16 febbraio si è tranquilli.

se è una fattura di dicembre 2016 allora se la paghi "vecchia maniera" entro il 16 gennaio sei comunque in regola.

 

anch'io ho tre fatture pagate in questi giorni: prima avrei pagato la r.a. in concomitanza con la fattura, ora aspetto ...

ATTENZIONE. Ad un quesito più specifico mi hanno detto che è una facoltà e non ubbligo versarla al 30 giugno ovvero al raggiungimento dei 500 euro. Meno male continuerò a fare come in passato (ogni fattura un versamento).

Mi hanno da poco scritto:

 

Roma, 13/01/2017

In riferimento alla nostra news del 14/12/2016 e relativa al cumulo del versamento delle ritenute operate nei confronti degli appaltatori, teniamo a precisare che i condomìni non sono obbligati ad operare il cumulo e possono versare le ritenute mese per mese senza incorrere in sanzioni.

Inoltre ricordiamo che la possibilità di cumulo rimane limitata alle sole ritenute da versare con codice tributo 1019 o 1020. Tutte le altre ritenute devono essere versate entro il 16° giorno del mese successivo a quelle in cui sono state operate per non incorrere in sanzioni.

Ufficio fiscale A.N.AMM.I.

Scusate ma per il pagamento del corrispettivo ai fornitori? Sapete se si può continuare a pagare in contanti?

quindi scusate, possiamo continuare a pagare le cu entro il 15 del mese dopo?

ATTENZIONE. Ad un quesito più specifico mi hanno detto che è una facoltà e non ubbligo versarla al 30 giugno ovvero al raggiungimento dei 500 euro. Meno male continuerò a fare come in passato (ogni fattura un versamento).
Mi hanno da poco scritto:

 

Roma, 13/01/2017

In riferimento alla nostra news del 14/12/2016 e relativa al cumulo del versamento delle ritenute operate nei confronti degli appaltatori, teniamo a precisare che i condomìni non sono obbligati ad operare il cumulo e possono versare le ritenute mese per mese senza incorrere in sanzioni.

Inoltre ricordiamo che la possibilità di cumulo rimane limitata alle sole ritenute da versare con codice tributo 1019 o 1020. Tutte le altre ritenute devono essere versate entro il 16° giorno del mese successivo a quelle in cui sono state operate per non incorrere in sanzioni.

Ufficio fiscale A.N.AMM.I.

quindi scusate, possiamo continuare a pagare le cu entro il 15 del mese dopo?

keep calm and wait for 15th february .

mi spiace, non ho contributi da dare; intervengo solo per iscrivermi in quanto il problema mi interessa molto

grazie 🙂

Ho letto in rete che è stato ufficialmente chiariti da adesso che è possibile continuare a versare le ritenute ANCHE come si faceva fino all'anno scorso cioè mese per mese: confermate?

Ho letto in rete che è stato ufficialmente chiariti da adesso che è possibile continuare a versare le ritenute ANCHE come si faceva fino all'anno scorso cioè mese per mese: confermate?

hai riferimenti dell'ade ?

Logica direbbe che non esistono sanzioni per chi versa i tributi in anticipo.

 

E' da sempre possibile versare in anticipo i tributi.

 

Quindi è un opzione non un obbligo versare i tributi con la nuova modalità.

La conseguenza è che la tempistica delle sanzioni per ritardati pagamenti cambiano, questo agevola i controlli probabilmente.

 

Io avrei una domanda, volendo utilizzare questa opzione: va fatto un versamento per ogni fornitore anche con medesimo codice tributo? o è possibile fare un unico versamento per codice 1019 e 1020 relativi anche a fornitori diversi?

credo necessario essere cauti e quindi attenderei un chiarimento ufficiale da parte dell'ADE

, anche nei piccoli condominii dove non c'è amministratore e non c'è obbligo di tenuta conto corrente, ... non lo si potrà fare per pagare una spesa di €. 20,00 all'elettricista che viene a sostituire una lampadina o un interruttore.

I 20 euro con ritenuta di 80 centesimi dovranno essere tracciati...

Salve,

sul discorso della "tracciabilità" quando soggetti a r.a. 4%

per i piccoli Condomini minimi privi di conto corrente condominiale,

abbiamo qualche informazione aggiornata?

 

Esempio, pensate che fare un bonifico dal conto corrente personale di uno dei proprietari, potrebbe creare problemi?

Siamo in attesa del decreto attuativo, anche io mi trovo nella stessa tua situazione.

 

Sicuramente fare un bonifico da cc di un condòmino NON va bene: è il condomìnio che deve fare il bonifico. Se sarà modalità prevista dal decreto attuativo, potrai presentarti allo sportello con delega dei condòmini ad eseguire tale bonifico in nome e per conto del condominio.

L'errore è a monte nel prevedere la NON obbligatorietà dell'amministratore anche per un condominio minimo... per come la vedo io, anche due proprietari necessitano di amministratore... per come la vedo io, il cc DEVE essere un obbligo!

Sicuramente fare un bonifico da cc di un condòmino NON va bene:

...

allo sportello con delega dei condòmini ad eseguire tale bonifico

Quindi suggerisci di fare un bonifico per cassa con le banconote e monetine in contanti ?

Scrivendoci nel rigo della Causale, quante più informazioni riescono a starci, in quella semplice e corta riga ?

(ricordiamoci che stiamo parlando di spese /normali/ cioè non quelle soggette a Detrazioni sull'Irpef)

 

In altra discussione, (l'ì stavano parlando invece del bonifico speciale per ottenere le Detrazioni Fiscali),

qualcuno diceva di poter usare il c.c. privato di un singolo proprietario...

(era intervenuta anche la Dolores)

https://www.condominioweb.com/forum/quesito/circolare-3e-del-2-marzo-2016-93274/

"Circolare 3/E del 2 marzo 2016" del 04-11-2016, 11:27 iniziata da giusepperc

per cui, ora qui riferendoci noi ad una spesa /normale/ senza formalità per Detrazioni,

pensavo semplicemente di poter far usare un c.c. di uno dei proprietari...

boh...

 

Aspettare un Decreto o una Circolare di spiegazione, certamente sarebbe auspicabile,

ma però (!) ho come il timore che non chiariranno mai dettagliatamente questa situazione particolare

anche perché ci sono poche o nessuna associazioni di categoria dei Non_Amministratori !

salve, non mi sembra che ci sia nessuna possibilità ad oggi di aggirare la nuova norma:

tratto da un comunicato dell'associazione ANAP in data 30/12/2016:

 

"2017, Novità per le ritenute al 4%

Premessa – Il condominio, in qualità di sostituto d’imposta (nella persona dell’amministratore condominiale che ne ha la rappresentanza fiscale) opera e versa le ritenute delle prestazioni ricevute. Questo avviene per la ritenuta del 20% operata sulle presentazioni rese ad esempio dai lavoratori autonomi verso il condominio (ingegnere, architetto, commercialista, ecc.) e di quella del 4% operata sui corrispettivi pagati per prestazioni relative a contratti di appalto, di opera o di servizi eseguiti nell’esercizio di impresa o di attività commerciali non abituali (manutenzione ascensore, ecc.).

La regola generale è che la ritenuta va operata e successivamente versata (dal condominio) entro il 16 del mese successivo quello del pagamento della fattura al prestatore. Tuttavia, dal 1° gennaio 2017, in virtù delle novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2017 (comma 36) cambiano le regole in merito al versamento della ritenuta del 4%. Nulla cambia, invece, per quanto riguarda quella del 20%.

La soglia dei 500 euro – In particolare, con riferimento alla ritenuta del 4%, è stabilito che (dal prossimo anno), questa va versata secondo le regole ordinarie solo se la ritenuta supera la soglia di 500 euro. Quindi ad esempio, con riferimento ad un corrispettivo pagato di 2.000 euro su cui la ritenuta è di 80 euro (4% di 2.000), per il condominio non sussisterà più obbligo di versarla entro il 16 del mese successivo quello di pagamento della relativa fattura. Qualora, invece, la ritenuta da versare sia, ad esempio, pari a 520 euro, questa andrà versata secondo le ordinarie regole.

Attenzione, le ritenute non versate perché di importo NON superiore alla predetta soglia di 500 euro, andranno, comunque, versate dal condominio entro il 30 giugno ed entro il 30 dicembre di ogni anno.

Con questa nuova disposizione normativa, la volontà del legislatore è quella di semplificare e snellire il carico degli adempimenti in capo al condominio, o meglio in capo al suo amministratore ma così facendo ne duplica gli adempimenti, altro che semplificazione!.

Obbligo di tracciabilità - È altresì stabilito che il pagamento dei corrispettivi dovrà essere eseguito dai condomìni tramite conti correnti bancari o postali a loro intestati ovvero secondo altre modalità idonee (da stabilire con Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze) a consentire all’Amministrazione Finanziaria lo svolgimento di efficaci controlli. L’inosservanza di tale obbligo, comporterà l’applicazione del relativo sistema sanzionatorio (comma 1 dell’articolo 11 D.Lgs. n.417/1997) che prevede una sanzione amministrativa da 250 euro a 2.000 euro.

Dott. Stefano Foglia

Responsabile area Fiscale CSN ANAP"

e come al solito si lascia sempre alla libera interpretazione: tipo se la RA è da ritenersi globale per tutti i fornitori al raggiungimento dei 500 € o per ciascuno di loro...

Saluti Valeria

salve, non mi sembra che ci sia nessuna possibilità ad oggi di aggirare la nuova norma:

tratto da un comunicato dell'associazione ANAP in data 30/12/2016:

 

"2017, Novità per le ritenute al 4%

Premessa – Il condominio, in qualità di sostituto d’imposta (nella persona dell’amministratore condominiale che ne ha la rappresentanza fiscale) opera e versa le ritenute delle prestazioni ricevute. Questo avviene per la ritenuta del 20% operata sulle presentazioni rese ad esempio dai lavoratori autonomi verso il condominio (ingegnere, architetto, commercialista, ecc.) e di quella del 4% operata sui corrispettivi pagati per prestazioni relative a contratti di appalto, di opera o di servizi eseguiti nell’esercizio di impresa o di attività commerciali non abituali (manutenzione ascensore, ecc.).

La regola generale è che la ritenuta va operata e successivamente versata (dal condominio) entro il 16 del mese successivo quello del pagamento della fattura al prestatore. Tuttavia, dal 1° gennaio 2017, in virtù delle novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2017 (comma 36) cambiano le regole in merito al versamento della ritenuta del 4%. Nulla cambia, invece, per quanto riguarda quella del 20%.

La soglia dei 500 euro – In particolare, con riferimento alla ritenuta del 4%, è stabilito che (dal prossimo anno), questa va versata secondo le regole ordinarie solo se la ritenuta supera la soglia di 500 euro. Quindi ad esempio, con riferimento ad un corrispettivo pagato di 2.000 euro su cui la ritenuta è di 80 euro (4% di 2.000), per il condominio non sussisterà più obbligo di versarla entro il 16 del mese successivo quello di pagamento della relativa fattura. Qualora, invece, la ritenuta da versare sia, ad esempio, pari a 520 euro, questa andrà versata secondo le ordinarie regole.

Attenzione, le ritenute non versate perché di importo NON superiore alla predetta soglia di 500 euro, andranno, comunque, versate dal condominio entro il 30 giugno ed entro il 30 dicembre di ogni anno.

Con questa nuova disposizione normativa, la volontà del legislatore è quella di semplificare e snellire il carico degli adempimenti in capo al condominio, o meglio in capo al suo amministratore ma così facendo ne duplica gli adempimenti, altro che semplificazione!.

Obbligo di tracciabilità - È altresì stabilito che il pagamento dei corrispettivi dovrà essere eseguito dai condomìni tramite conti correnti bancari o postali a loro intestati ovvero secondo altre modalità idonee (da stabilire con Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze) a consentire all’Amministrazione Finanziaria lo svolgimento di efficaci controlli. L’inosservanza di tale obbligo, comporterà l’applicazione del relativo sistema sanzionatorio (comma 1 dell’articolo 11 D.Lgs. n.417/1997) che prevede una sanzione amministrativa da 250 euro a 2.000 euro.

Dott. Stefano Foglia

Responsabile area Fiscale CSN ANAP"

e come al solito si lascia sempre alla libera interpretazione: tipo se la RA è da ritenersi globale per tutti i fornitori al raggiungimento dei 500 € o per ciascuno di loro...

Saluti Valeria

il comunicato purtroppo però non dice se c'è scelta tra continuare a versare come prima (che è comunque "entro" il 30 giugno) o per forza bisogna aspettare (parlo di importi inferiori a 500 euro).

per come io la vedo, posso ipotizzare se per un fornitore (io credo che il limite sia per fornitore) non arriverò a 500 euro e invece di aspettare giugno verso la r.a. (poi magari ne devo versare un'altra, ma è affar mio ...) e sono ordinato con le mie carte ...

 

aspettiamo però fiduciosi dei chiarimenti formali.

🙂

×