Vai al contenuto
M_G

Da Amministratore professionista ad Amministratore interno

Nel caso si voglia revocare l'amministratore regolarmente (maggioranza+500 mill.) senza affidare l'incarico ad un altro professionista, il passaggio di consegne si effettua con il condomino interno che "si prende l'incarico" di cambio firme/cambio utenze/cambio rappresentanza cod.fisc. ?

Di fatto dunque uno degli interni si comporterà da amministratore di fatto....oppure esistono altre modalità di passaggio?

Posto che il condominio, già esistente, non può essere sciolto e composto da 7 unità immobiliari.

Chiedo consiglio ai colleghi su come impostare il verbale perchè ahimè nell'aria mi è sembrato di capire che mi vorranno revocare a fine mandato per risparmiare sui costi.

 

Grazie!

Metterai all'ordine del giorno "nomina amministratore o persona che esercita funzioni analoghe a quelle dell'amministratore" e farai verbalizzare in sede di assemblea ciò che loro desiderano per esempio "a maggioranza si è deciso di fare a meno della figura di amministratore disponendo che a custodire la documentazione sia il signor Tizio al quale sarà consegnata la stessa"

Nel caso si voglia revocare l'amministratore regolarmente (maggioranza+500 mill.) senza affidare l'incarico ad un altro professionista, il passaggio di consegne si effettua con il condomino interno che "si prende l'incarico" di cambio firme/cambio utenze/cambio rappresentanza cod.fisc. ?

Di fatto dunque uno degli interni si comporterà da amministratore di fatto....oppure esistono altre modalità di passaggio?

Posto che il condominio, già esistente, non può essere sciolto e composto da 7 unità immobiliari.

Chiedo consiglio ai colleghi su come impostare il verbale perchè ahimè nell'aria mi è sembrato di capire che mi vorranno revocare a fine mandato per risparmiare sui costi.

 

Grazie!

Immagino tu sia l'amministratore professionista.

Se l'assemblea ti revoca il mandato e nomina un condòmino quale amministratore questi avrà lo stesso potere di un amministratore professionsita.

Se l'assemblea in virtù della nuova Legge che prevede la non obbligatorietà dell'amministratore decide di rimanere senza amministratore (ne interno ne esterno), la stessa assemblea indicherà il nominativo di un condòmino al quale consegnare tutta la documentazione condominiale.

 

Per te amministratore uscente non cambia nulla.

Che il condominio nomini un nuovo amministratore interno o esterno o che deleghi un condòmino al passaggio di consegne, tu quale mandatario cessato dall'incarico dovrai fare sempre le stesse uniche cose:

rendere il conto del tuo mandato e consegnare tutto quanto in tuo possesso in relazione al mandato ricevuto alla persona indicata dall'assemblea (amministratore interno o condòmino delegato).

 

P.S. Non spetta a te impostare il verbale ma al Presidente dell'assemblea.

ma scusa

si seguiranno passo passo tutte le procedura eseguite quando tu stesso si stato nominato.

Cambio firma sul conto corrente, comunicazione all'agenzia della entrate con compilazione relativo modello, infine passaggio di consegne.( e altre di contorno)

Il verbale può al limite solo stabilire i tempi presunti di esecuzione del passaggio, nulla più.

Dov'è il problema?

×