Vai al contenuto
Ospite martyemore

Creazione nuovo condominio e nomina primo amministratore

Abito in una palazzina con 8 proprietari di 8 appartamenti di diverse dimensioni e millesimi del 1970, dobbiamo organizzare la costituzione di nuovo condominio e nomina primo amministratore.

come devo avvisare e organizzare prima assemblea?

dobbiamo attendere che tutti i condomini abbiano la possibilità di presentare un amministratore o possiamo precedere con i due già presentati?

Occorre una lettera raccomandata per essere sicuri che tutti i condomini siano a conoscenza della prima riunione o è sufficiente una comunicazione formale?

Grazie, i dubbi sono tanti e le domande tantissime

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Non serve costituire Il condominio visto che e' gia costituito . eventualmente "se volete" potete nominate un amministratore .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

si ma dobbiamo dare la possibilità a tutti di presentare un amministratore o possiamo procedere con gli amministratori già presentati?

ancora grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

chi vuole presentera' un suo preventivo ,poi sara' comunque l'assemblea che decidera' .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
chi vuole presentera' un suo preventivo ,poi sara' comunque l'assemblea che decidera' .

Buon giorno mi inserisco nel forum e sono un nuovo utente.

Noi siamo 8 appartamenti e vorremmo costituire un nuovo condominio con un amministratore informa gratuita.

Come dobbiamo agire in proposito?

Codice fiscale, nomina, vari obblighi di legge?

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

se ci sono 8 proprietari distinti di u.i. con parti in comune il condominio e' gia ' istituito per "stato di fatto " .

 

poi non essendo nel vostro caso obbligatorio l'amministratore potete comunque nominarne uno ovviamente cio' dovra' avvenire attraverso regolare assemblea convocando tutti i condomini .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

mi occorrono chiarimenti sul numero minimo di condomini dal quale diventa obbligatorio avere l'amministratore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
mi occorrono chiarimenti sul numero minimo di condomini dal quale diventa obbligatorio avere l'amministratore

Art. 1129 c.c.

Quando i condomini sono più di otto, se l'assemblea non vi provvede, la nomina di un amministratore è fatta dall'autorità giudiziaria su ricorso di uno o più condomini o dell'amministratore dimissionario.

Ovviamente se nessuno dei condòmini ricorre all'Autorità Giudiziaria e si resta senza amministratore, anche in un condominio con 50 condòmini nessuno potrà imporre la nomina o applicare sanzioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
mi occorrono chiarimenti sul numero minimo di condomini dal quale diventa obbligatorio avere l'amministratore

Per un condominio di 8 proprietari-condomini è necessaria la maggioranza dei condomini che saranno presenti all'assemblea (fisicamente o per delega) che posseggano almeno 500 millesimi, per es. se ci sono tutte ed otto saranno necessari 5 voti a favore, se ce ne sono 7 servono 4 voti a favore, se ce ne sono solo 4 almeno 3 devono votare a favore ma devono possedere 500 millesimi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie a tutti per le risposte

ho sciolto i dubbi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Salve mi inserisco con una mia richiesta;

Tra 5 mesi dovremmo iniziare con dei lavori di ristrutturazione completa di un casolare, attualmente inagibile.Il casolare è composto da due unità immobiliari residenziali(non abitate) e il restante e formato da portico e fienile. A fine lavori nasceranno 12 unità immobiliari ad uso residenziale.

Si può costituire legalmente, con richiesta di codice fiscale, un condominio in questo stato ( prima dell'inizio dei lavori e nello stato di inagibilità) ????

Lo scopo sarebbe di poter usufruire delle detrazioni fiscali per la ristrutturazione delle parti comuni.

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Salve mi inserisco con una mia richiesta;

Tra 5 mesi dovremmo iniziare con dei lavori di ristrutturazione completa di un casolare, attualmente inagibile.Il casolare è composto da due unità immobiliari residenziali(non abitate) e il restante e formato da portico e fienile. A fine lavori nasceranno 12 unità immobiliari ad uso residenziale.

Si può costituire legalmente, con richiesta di codice fiscale, un condominio in questo stato ( prima dell'inizio dei lavori e nello stato di inagibilità) ????

Lo scopo sarebbe di poter usufruire delle detrazioni fiscali per la ristrutturazione delle parti comuni.

Grazie

Fino a che il proprietario è uno solo non può nascere un condominio, e non è possibile richiedere il CF Condominiale.

Soltanto all'atto della vendita di una u.i. si crea il condominio, ovvero quando ci sono almeno due proprietari aventi diritti sulle proprietà comuni, p.es. tetto, scale, muri maestri, facciate ecc ecc;

 

Elemento indispensabile per poter configurare l'esistenza di una situazione condominiale è rappresentato dalla contitolarità necessaria del diritto di proprietà sulle parti comuni dell'edificio. Quindi la nascita di un condominio non è collegata ad un formale atto costitutivo, ma si verifica di diritto con la prima vendita, da parte dell'originario proprietario di tutto l'edificio, degli appartamenti o singole porzioni di piano a uno o più soggetti (Cass. 4.11.1994 n. 9062; Cass. 18.12.1978 n. 6073; Trib Roma 2.11.2000)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
... Il casolare è composto da due unità immobiliari residenziali(non abitate) ...

Se le due unità immobiliari appartengono a due proprietari diversi siete già un condominio formato da due condòmini e potete richiedere il codice fiscale per le agevolazioni fiscali sulle parti comuni.

 

Se invece tutta la proprietà è di un solo proprietario NON ESISTONO PARTI COMUNI (anche le scale e il portone comune ad i due immobili sono di un unico proprietario).

Trattandosi di ristrutturazione (manutenzione straordinaria), anche nel caso non ci fosse condominio, l'unico proprietario ha diritto ad accedere alle detrazioni fiscali per ristrutturazione edilizia. Se sei in questa condizione consulta un commercialista.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Siamo sei proprietari .I lavori dell'intero fabbricato saranno di ristrutturazione straordinaria con demolizione e ricostruzione parziale.

Il lavori sulle parti comuni dovrebbero essere:

nuovo impianto termico centralizzato (geotermico)

creazione posti auto esterni

sostituzione cancelli vecchi in legno in nuovi cancelli elettrici

impianto di videosorveglianza

allaccio del fabbricato alla fogna comunale

impianto messa di terra del fabbricato

impianto luci esterno

manutenzione del giardino

 

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Siamo sei proprietari .I lavori dell'intero fabbricato saranno di ristrutturazione straordinaria con demolizione e ricostruzione parziale.

Il lavori sulle parti comuni dovrebbero essere:

nuovo impianto termico centralizzato (geotermico)

creazione posti auto esterni

sostituzione cancelli vecchi in legno in nuovi cancelli elettrici

impianto di videosorveglianza

allaccio del fabbricato alla fogna comunale

impianto messa di terra del fabbricato

impianto luci esterno

manutenzione del giardino

 

Grazie

Siete sei proprietari OK, ma proprietari di tutto il fabbricato, oppure di unità immobiliari diverse, ovvero e per esempio visto che le u.i. sono due, 3 proprietari di una unità e gli altri 3 dell'altra unità?

Nel primo caso non è un condominio ma una comproprietà

Nel secondo caso è un condominio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Sign Bianchi è propietario solo di un' unitá residenziale.

Sign. Rossi è propietario di un'unitá residenziale e 2 porzioni di fienile.

Sign3-4-5-6 propietari dei fienili e portici ognuno in modo indistinto e separato.

Grazie ancora.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Sign Bianchi è propietario solo di un' unitá residenziale.

Sign. Rossi è propietario di un'unitá residenziale e 2 porzioni di fienile.

Sign3-4-5-6 propietari dei fienili e portici ognuno in modo indistinto e separato.

Grazie ancora.

Allora eravate già un condominio.

Un qualsiasi condòmino può richiedere il codice fiscale del condominio presentandosi all'Agenzia delle Entrate con una delega assembleare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Sign Bianchi è propietario solo di un' unitá residenziale.

Sign. Rossi è propietario di un'unitá residenziale e 2 porzioni di fienile.

Sign3-4-5-6 propietari dei fienili e portici ognuno in modo indistinto e separato.

Grazie ancora.

Allora si tratta del 2° caso, siete un condominio essendoci più proprietari, per cui l'assemblea dei condomini regolarmente convocata potrà nominare il rappresentante fiscale che potrebbe essere uno di voi, il quale con il verbale di nomina potrà recarsi all'AdE e compilando il Mod aa 5/6

http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/file/Nsilib/Nsi/Home/CosaDeviFare/Richiedere/Codice+fiscale+e+tessera+sanitaria/Codice+fiscale+modello+AA5_6/Modello+e+istruzioni+CF+AA5_6/Modello+AA5_6/AA5_mod.pdf

otterrà il CF condominiale

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Sign Bianchi è propietario solo di un' unitá residenziale.

Sign. Rossi è propietario di un'unitá residenziale e 2 porzioni di fienile.

Sign3-4-5-6 propietari dei fienili e portici ognuno in modo indistinto e separato.

Grazie ancora.

forse volevi dire "ognuno in modo distinto e separato"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

esatto!!!!distinto e sepato..

grazie a tutti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Buongiorno mi inserisco pure io nella questione, fabbricato di 5 piani più attico, ristrutturato da poco(fino al 2013 in ogni piano erano stati fatti i muri perimetrali all'interno tutto libero indiviso. Dal 2013 ad oggi sono stati realizzati in tutto 16 appartamenti. Il condominio avendo già 6 proprietari è costituito, ma bisogna preparare tutta la documentazione . Tabelle millesimali, statuto, registrarlo all'AE, chiedere il CF, nominare un amministratore ect ect. Una proprietaria che è convinta che lei (essendo in origine la proprietaria di 3 piani, ma non più avendo ceduto all'impresa che ha realizzato tutte le varie opere di ristrutturazione e divisione degli appartamenti) ancora è la "STAR" del palazzo ha detto ad altri 2 proprietari che stava provvedendo lei a costituire il condominio e trovare un amministratore.... Le ho riferito che deve convocare un'assemblea e che è l'assemblea a decidere il tutto... lei ha detto si poi avviso.... ma non vorrei che stesse facendo il tutto lo stesso, in caso cosa succede? È tutto nullo in partenza? Ma se lei fa richiesta di CF e altri documenti cosa bisogna fare??

 

Grazie Edo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×