Vai al contenuto
Carmen 60

CPI locale caldaia

Da inquilina mi è capitato di fare un sopralluogo nel locale caldaia.

Ho scoperto che:

il libretto di manutenzione(libretto blu) non era aggiornato dal 2010.

non c'era quindi un controllo fumi nè manutenzione.

Non estintore.

La porta che gli altri inquilini dicono di aver pagato come porta rei non esisteva.

a questo punto credo che non esista minimamente il CPI.

Insomma, il manutentore è sempre stato pagato, ma la situazione era questa.

Ho riferito subito amministratore il quale giorni dopo mi ha detto che il manutentore teneva il "vero libretto" a casa sua affinchè non prendesse polvere. Decisione presa dopo il 2010 dal momento che la caldaia è stata installata nel 2005.

L'amministratore non mi ha assolutamente parlato di CPI, e ha detto che tutti i controlli sono stati eseguiti.

La mia paura è che ora il conduttore caldaia, messo il campanello d'allarme possa scrivere su un altro libretto dei dati a caso.

Come posso fare per controllare se i dati che mi forniranno sul libretto che ha a casa l'amministratore corrispondano agli scontrini del calcolo fumi?

Se fossimo anche in assenza del CPI cosa faccio?

Ho appena acquistato e non vorrei altre spese. Credevo che almeno quello fosse a norma.

Gli altri inquilini dicono di aver pagato per la porta rei, ma io non ho i vecchi consuntivi e l'amministratore mi tratta come una "rompis" con sufficienza. Gli altri inquilini sembrano avere un timore reverenziale nei suoi confronti, infatti ho chiesto i consuntivi dei vecchi pagamenti ad una signora che si lamenta tanto per le scale, ma dice ora che non li trova. Le parole purtroppo non bastano.

Sarò veramente troppo pistina e se no come mi conviene muovermi?

Chiedi un colloquio con l.amministratore e quando sarai li non aggredirlo magari con bei modi avrai alcune risposte che potrebbero farti capire come stanno le cose

Già fatto. Solo bugie e scarica sul Terzo responsabile. Anche lui già contattato. Altri consigli?

Salve,

 

il CPI è obbligatorio quando la potenza del bruciatore è superiore ai 116 Kw. Se si rientra in questo campo allora il condominio deve avere un CPI rilasciato dal locale Comando dei VVF. Quando, invece, il CPI non c'è allora è necessario consultare un professionista dell'antincendio che faccia un sopralluogo in CT e verifichi la situazione. Si potrebbero rendere necessari dei lavori per rendere il locale e l'impianto conformi alle normative. Infine, si deve presentare una SCIA al Comando dei VVF per regolarizzare il tutto.

Quindi devi capire in quale di queste situazioni si trova il tuo condominio. Se l'Amministratore fa orecchie da mercante forse è perchè vuole volutamente evitare argomenti "spinosi", ma non è detto. Quindi se non ti da risposte ai tuoi quesiti puoi chiedere la convocazione di una assemblea straordinaria (servono 2 condomini in rappresentanza di 1/6 dei millesimi totali) oppure chiedere all'Amministratore (io lo farei con lettera A/R) di inserire un punto ad hoc nell'ordine del giorno alla prossima assemblea (ordinaria).

Puoi anche provare a chiamare direttamente il "terzo responsabile" o chi fa la manutenzione dell'impianto (le generalità sono indicate su apposita targa all'ingresso della CT) e sentire che cosa risponde (e come risponde..) ai tuoi quesiti.

×