Vai al contenuto
Roma-nino

Costruzione di muretti e lavori in appartamento privato

Roma-nino dice:

Quindi in questo caso non penso che abbia potuto chiedere il permesso perché suppongo che visto che delimita anche la mia proprietà dovremmo chiederlo insieme, o sbaglio? 

Questo è l'errore dell'opener che di fatto rende inapplicabile la sentenza che posti; avrei preferito che ci arrivasse da solo l'opener, dato che avevo introdotto "intradosso", ma evidentemente sono stato troppo tecnico.

Se in condomino in questione recinta all'interno della sua proprietà (intradosso rispetto al confine fisico) ed ottiene regolare autorizzazione per il muretto che sorreggerà i pali metallici per la rete (quindi rispettando l'altezza regolamentare), non solo non deve chiedere nulla al confinante ma non è nella possibilità della pubblica amministrazione negarla. Se vuoi ho delle sentenza T.A.R. Veneto (mia regione) che sono in linea con quanto ti espongo.

 

Ti dirò di più: se il condomino-confinante realizzasse la recinzione "paglia e rete", come gli converrebbe, allora nessuno potrebbe impedirgliela.

In proposito:

"Con riguardo alla recinzione di un fondo privato, per la quale gli strumenti urbanistici o le norme regolamentari non prescrivano l’autorizzazione municipale, deve escludersi che il comune, all’infuori di procedure espropriative, sia titolare del potere di disporne la rimozione, ancorché per ragioni di circolazione su vie e spazi pubblici circostanti, e, pertanto, qualora venga ordinata ed eseguita la demolizione di detto manufatto, deve riconoscersi al privato la facoltà di insorgere davanti al giudice ordinario, pure in sede possessoria, vertendosi in tema di comportamenti materiali dell’amministrazione, non ricollegabili a poteri pubblicistici".
Cassazione civile, Sez. Un., 18 aprile 1988 n. 3049,

 

Che tu ci creda o no, quell'Arresto giurisprudenziale è tuttora valido ed operante.

*** *** ***

Ma il punto (l'an sta per presupposto di diritto) è che non c'è trasformazione né edilizia, né urbanistica, perché è già un'area sottratta al dominio di terzi, condominio compreso, dunque la sentenza citata è inapplicabile al caso in questione, una volta che il condomino-confinante avrà ottenuto l'autorizzazione al muretto di supporto alla recinzione.

Riassumendo, se ho capito bene, il muro è fattibile ma ci vuole l'autorizzazione del comune per non essere un abuso edilizio, corretto? 

 

Poi si parla di obbligo art. 886...ma per adesso è recintato con paletti e rete, che motivo c'è di obbligarmi a contribuire per cambiare il tipo di divisione con un muretto? E se economicamente non posso che faccio chiedo un prestito perché al mio vicino piace un muretto invece che una rete? 

Roma-nino dice:

Riassumendo, se ho capito bene, il muro è fattibile ma ci vuole l'autorizzazione del comune per non essere un abuso edilizio, corretto? 

 

Poi si parla di obbligo art. 886...ma per adesso è recintato con paletti e rete, che motivo c'è di obbligarmi a contribuire per cambiare il tipo di divisione con un muretto? E se economicamente non posso che faccio chiedo un prestito perché al mio vicino piace un muretto invece che una rete? 

Il proprietario di un fondo (proprietà privata) puo chiuderlo in ogni momento con un muro, che sia o non sia necessario il permesso da parte del comune.

cacallo dice:

Ma il punto (l'an sta per presupposto di diritto) è che non c'è trasformazione né edilizia, né urbanistica, perché è già un'area sottratta al dominio di terzi, condominio compreso, dunque la sentenza citata è inapplicabile al caso in questione, una volta che il condomino-confinante avrà ottenuto l'autorizzazione al muretto di supporto alla recinzione.

Protesta con il consiglio di stato, come ho detto, "ambasciator non porta pena"

Modificato da Tullio Ts
Roma-nino dice:

Riassumendo, se ho capito bene, il muro è fattibile ma ci vuole l'autorizzazione del comune per non essere un abuso edilizio, corretto?

Si.

 

Roma-nino dice:

Poi si parla di obbligo art. 886...ma per adesso è recintato con paletti e rete, che motivo c'è di obbligarmi a contribuire per cambiare il tipo di divisione con un muretto? E se economicamente non posso che faccio chiedo un prestito perché al mio vicino piace un muretto invece che una rete? 

Non esiste nessun obbligo nei tuoi confronti di contribuire! (l'avrei scritto già tre volte).

Se il vicino vuole erigere un muretto senza il tuo preventivo accordo, lo fa interamente nella sua porzione di proprietà ed interamente a sue spese.

Se tu acconsenti alla costruzione a confine, cioè metà sua e metà tua, allora ti può chiedere di contribuire alla spesa ma, se tu non acconsenti, anzi nemmeno ti interessa il muretto, allora lo deve fare interamente nella sua proprietà, senza toccare il confine, ed interamente a sue spese.

Art. 888. Esonero dal contributo nelle spese.

Il vicino si può esimere dal contribuire nelle spese di costruzione del muro di cinta o divisorio, cedendo, senza diritto a compenso, la metà del terreno su cui il muro di separazione deve essere costruito. In tal caso il muro è di proprietà di colui che l'ha costruito, salva la facoltà del vicino di renderlo comune ai sensi dell'articolo 874, senza obbligo però di pagare la metà del valore del suolo su cui il muro è stato costruito.

Tullio Ts dice:

Protesta con il consiglio di stato, come ho detto, "ambasciator non porta pena"

Se vuoi te ne posto una del Consiglio di Stato del 2016, previa sbianchettatura dei nominativi e dei mappali, totalmente diversa che ha affrontato e risolto la realizzazione di un muro di cinta tenuto sospeso dal TAR Veneto per supposta trasformazione (minorazione) dello stato di diritto al passaggio.

 

In sé la sentenza postata è corretta (e l'ho pure fatta citare in cause civili) ma non è applicabile al caso in questione perché NON C'E' alcuna variazione (o trasformazione se preferisci) rispetto all'esistente, né ad altri atti amministrativi, perché l'area è già sia trascritta che accatastata come "CORTE PRIVATA".

 

*** *** ***

Senti io non conosco le dinamiche del Forum, partecipo essenzialmente perché due persone amiche me lo hanno chiesto e non vado in cerca di nulla, né di pubblicità, né di riconoscimenti.

Se ti da tanto fastidio il messaggio "confuso", l'ho tolto e pace, tuttavia resto confuso sul come quella sentenza da te citata potrebbe essere applicata al caso in discussione.

 

Quindi, semmai, tu dovresti protestare con GIOVANNI CDW che rende disponibile la spunta del messaggio "confuso", perché io non sono confuso sulla sentenza da te postata, io sarei confuso su come quella sentenza sia applicabile al caso postato.

Tullio Ts dice:

Art. 888. Esonero dal contributo nelle spese.

Il vicino si può esimere dal contribuire nelle spese di costruzione del muro di cinta o divisorio, cedendo, senza diritto a compenso, la metà del terreno su cui il muro di separazione deve essere costruito. In tal caso il muro è di proprietà di colui che l'ha costruito, salva la facoltà del vicino di renderlo comune ai sensi dell'articolo 874, senza obbligo però di pagare la metà del valore del suolo su cui il muro è stato costruito.

Non ti metto il simbolo confuso perché non voglio indispettirti, tuttavia tu dove hai letto che l'opener intenda cedere al vicino la metà del sedime del muretto per renderlo in "asse" fra le due proprietà?

Io avrei letto il contrario; ma se sbaglio a leggere (causa cataratta ed ora tarda), cortesemente dimmelo.

cacallo dice:

Se vuoi te ne posto una del Consiglio di Stato del 2016, previa sbianchettatura dei nominativi e dei mappali, totalmente diversa che ha affrontato e risolto la realizzazione di un muro di cinta tenuto sospeso dal TAR Veneto per supposta trasformazione (minorazione) dello stato di diritto al passaggio.

 

In sé la sentenza postata è corretta (e l'ho pure fatta citare in cause civili) ma non è applicabile al caso in questione perché NON C'E' alcuna variazione (o trasformazione se preferisci) rispetto all'esistente, né ad altri atti amministrativi, perché l'area è già sia trascritta che accatastata come "CORTE PRIVATA".

 

*** *** ***

Senti io non conosco le dinamiche del Forum, partecipo essenzialmente perché due persone amiche me lo hanno chiesto e non vado in cerca di nulla, né di pubblicità, né di riconoscimenti.

Se ti da tanto fastidio il messaggio "confuso", l'ho tolto e pace, tuttavia resto confuso sul come quella sentenza da te citata potrebbe essere applicata al caso in discussione.

 

Quindi, semmai, tu dovresti protestare con GIOVANNI CDW che rende disponibile la spunta del messaggio "confuso", perché io non sono confuso sulla sentenza da te postata, io sarei confuso su come quella sentenza sia applicabile al caso postato.

Io l'ho trovata così, non me ne davi dare la responsabilità, non l'ho scritta io

 

Comunque se mi permetti un OT, perchè non riesco a contattarti con la messaggistica privata, tu eri presente in questo forum anni fa con lo stesso nome e se non erro ti qualificavi come avvocato, e tra l'altro ricordo benissimo che avevi ciitato la costa dei barbari (Sistiana) che si trova a pochi chilometri dalla mia città. Sei sempre tu quel Cacallo di allora oppure è una coincidenza?

Modificato da Tullio Ts

Sono sempre io solo andato in pensione ed alquanto usurato (da due problemi con la T), ma allora tu sei Paolino Pao, uno che seguivo costantemente nel forum, anzi per supportare con certezza una tua posizione affrontai pure una trasferta a Trieste per andare a vedere dei dissuasori oggetto di una discussione.

Eri uno dei pochi che allora mi dava credito sulla dissociazione dalle liti, guarda ora cosa si è raggiunto.

 

Se hai bisogno di contattarmi, la mia mail è sempre cacallo@live.it, tuttavia usa caratteri grandi nella mail perché, diversamente dalla mail del Forum, il programma di posta elettronica outlok usa dei caratteri che faccio fatica a leggere.

 

Li una casa, non troppo elevata sul costo, non sono riuscito ad acquistarla; quello rimarrà un rimpianto perché non ho mai visto una località altrettanto splendida; l'Alta Baviera è bellissima, ma una villetta alla Sistiana per me resta il top del desiderabile in campo immobiliare (certo non in cima al costo dato che ho un ginocchio in avaria). Purtroppo guido sempre meno ma se le ultime cose che mi sono rimaste sospese da allora andranno in buca, un pellegrinaggio alla Vittoria lo farò sicuramente, anche a costo di noleggiare un auto con autista.

 

Ti saluto calorosamente, ho ritrovato un amico.

cacallo dice:

Sono sempre io solo andato in pensione ed alquanto usurato (da due problemi con la T), ma allora tu sei Paolino Pao, uno che seguivo costantemente nel forum, anzi per supportare con certezza una tua posizione affrontai pure una trasferta a Trieste per andare a vedere dei dissuasori oggetto di una discussione.

Eri uno dei pochi che allora mi dava credito sulla dissociazione dalle liti, guarda ora cosa si è raggiunto.

 

Se hai bisogno di contattarmi, la mia mail è sempre cacallo@live.it, tuttavia usa caratteri grandi nella mail perché, diversamente dalla mail del Forum, il programma di posta elettronica outlok usa dei caratteri che faccio fatica a leggere.

 

Li una casa, non troppo elevata sul costo, non sono riuscito ad acquistarla; quello rimarrà un rimpianto perché non ho mai visto una località altrettanto splendida; l'Alta Baviera è bellissima, ma una villetta alla Sistiana per me resta il top del desiderabile in campo immobiliare (certo non in cima al costo dato che ho un ginocchio in avaria). Purtroppo guido sempre meno ma se le ultime cose che mi sono rimaste sospese da allora andranno in buca, un pellegrinaggio alla Vittoria lo farò sicuramente, anche a costo di noleggiare un auto con autista.

 

Ti saluto calorosamente, ho ritrovato un amico.

Si sono sempre io, mi ero più chiesto se eri tu quel Cacallo di allora, anche io ho ritrovato un amico

 

p.s. chiedo scusa allo Staff per OT, ma non mi fuziona la messaggistica privata, e con Cacallo userò l'email.

×