Vai al contenuto
Fabiola85

Costituzione Nuovo condominio - gli ho spiegato della conversazione via mail avuta con colei che sostituzione essere l’amministratore e gli ho spiegato

Buongiorno,

Volevo sottoporvi una questione.

Da circa un anno ho comprato casa in un nuovo palazzo di 7 appartamenti.

Sono stata l’unica acquirente, gli altri appartamenti sono stati dati in affitto.

Tempo fa mi è arrivata una mail da una persona che sosteneva essere il mio amministratore di condominio e che dovevo pagare i bollettini in allegato; ho chiesto di vedere il preventivo e ho chiesto come mai non avessimo fatto un’assemblea per conoscerci e decidere le spese. La risposta è stata quella che avrei dovuto pagare perché proprietaria e che non è necessario fare la prima assemblea.

Ho pensato fosse uno scherzo.

Ieri mi ha telefonato il proprietario degli altri 6 appartamenti , intimandomindi pagare le spese condominiali altrimenti mi avrebbero tolto l’acqua calda.

Gli ho spiegato della conversazione via mail avuta con colei che sostiene essere l’amministratore e gli ho spiegato che io non ho idea del motivo per cui pago quei soldi, nel senso che non ho visionato nessun preventivo!

Lui ha detto di avere il preventivo, quindi suppongo che abbiano fatto un’assemblea composta solo da lui e dall’amministratore e abbiano deciso il tutto .

Vorrei capire se è corretta come procedura .

Non voglio esimermi dal pagare, ma almeno avere il diritto di capire ciò che pago e di partecipare alle assemblee .

Spero di essere stata chiara nell’esporre il caso.

Buongiorno,

Volevo sottoporvi una questione.

Da circa un anno ho comprato casa in un nuovo palazzo di 7 appartamenti.

Sono stata l’unica acquirente, gli altri appartamenti sono stati dati in affitto.

Tempo fa mi è arrivata una mail da una persona che sosteneva essere il mio amministratore di condominio e che dovevo pagare i bollettini in allegato; ho chiesto di vedere il preventivo e ho chiesto come mai non avessimo fatto un’assemblea per conoscerci e decidere le spese. La risposta è stata quella che avrei dovuto pagare perché proprietaria e che non è necessario fare la prima assemblea.

Ho pensato fosse uno scherzo.

Ieri mi ha telefonato il proprietario degli altri 6 appartamenti , intimandomindi pagare le spese condominiali altrimenti mi avrebbero tolto l’acqua calda.

Gli ho spiegato della conversazione via mail avuta con colei che sostiene essere l’amministratore e gli ho spiegato che io non ho idea del motivo per cui pago quei soldi, nel senso che non ho visionato nessun preventivo!

Lui ha detto di avere il preventivo, quindi suppongo che abbiano fatto un’assemblea composta solo da lui e dall’amministratore e abbiano deciso il tutto .

Vorrei capire se è corretta come procedura .

Non voglio esimermi dal pagare, ma almeno avere il diritto di capire ciò che pago e di partecipare alle assemblee .

Spero di essere stata chiara nell’esporre il caso.

Per pagare le spese condominiali, devi pagarle (e qui si aprirebbe un altro capitolo su quali spese da pagare), ma che una persona sedicente di essere l'amministratore è assolutamente fantascienza pura, perchè è l'assemblea che deve nominare l'amministratore, oppure su ricorso potrebbe farlo il giudice quando l'assembla non lo nomina ed un condomino ricorre al Giudice per la nomina, ma in questo caso come minimo i condomini devono essere più di otto (da nove in poi), nel tuo caso dove i condomini sono solo due, tu ed il proprietario degli altri 6 appartamenti in affitto, solamente l'assemblea dei condomini (ripeto in questo caso due soli) regolarmente convocata potrebbe nominare l'amministratore anche se non obbligatorio.

Grazie per aver risposto...

Ma questo anche se il condominio ê di nuova costruzione?

In questo caso sai come potrei agire?

Grazie per aver risposto...

Ma questo anche se il condominio ê di nuova costruzione?

In questo caso sai come potrei agire?

Se il condominio è di nuova costruzione le cose non cambiano, ed essendo due soli proprietari, uno dei due volendo può convocare l'assemblea invitando l'altro per la nomina dell'amministratore, però se l'altro è contrario mai si potrà nominare l'amministratore in assemblea regolarmente convocata, e neppure il giudice potrà nominarlo s non ci sono altri problemi.

E nel caso di due soli proprietari sarà detto condominio minimo

--> https://www.condominioweb.com/lassemblea-deve-tenersi-anche-quando-e-dinanzi-ad-un-condominio-minimo.962#ixzz3nQ80qUtU

1) Se il proprietario dei restanti sei appartamenti è soggetto diverso dal costruttore-venditore dell’edificio condominiale , il condominio era già costituito alla data dell’atto di compravendita della tua abitazione.

2) Se, invece, il proprietario dei sei appartamenti è il costruttore-venditore, la data di costituzione del condominio coincide con la data del tuo rogito.

Attualmente il condominio è costituito da due condomini e da sette unità immobiliari (abitazioni).

Nell’ipotesi 1) è plausibile ritenere che l’amministratore sia stato nominato in occasione della prima vendita (quella della tua abitazione).

Nell’ipotesi 2) l’amministratore è stato nominato dall’ex costruttore.

Questa nomina preventiva effettuata dal costruttore-venditore non è valida, poiché viola norme inderogabili del codice civile che prevedono espressamente che l’amministratore deve essere nominato dall’assemblea condominiale (nel tuo condominio non v’è l’obbligo della nomina).

La suddetta nomina risulta nulla anche se inserita nel rogito,

Tuttavia, sino a quando non chiederai l’annullamento della suddetta nomina, l’amministratore nominato irregolarmente può continuare ad esercitare il suo mandato.

 

Hai diritto a visionare il verbale di nomina, se esiste, a conoscere i dati anagrafici e professionali, il codice fiscale dell’amministratore e in particolare le sue generalità, il domicilio, i recapiti, anche telefonici devono essere affissi all’ingresso del condominio e ben visibili.

Hai diritto a visionare il preventivo che probabilmente è stato approvato prima della data del tuo acquisto.

Non puoi esimerti dal pagare le quote regolarmente approvate in preventivo.

Infine, in occasione delle prossime assemblee condominiali alle quali dovrai essere regolarmente convocata, senza il tuo voto favorevole non potrà essere presa alcuna decisione di interesse comune.

1) Se il proprietario dei restanti sei appartamenti è soggetto diverso dal costruttore-venditore dell’edificio condominiale , il condominio era già costituito alla data dell’atto di compravendita della tua abitazione.
Infatti da quanto dice Fabiola85 il condominio si è formato quando lei ha acquistato un appartamento dal venditore che sia pure un estraneo oppure il costruttore, e solo da quel momento si poteva nominare un amministratore anche con il consenso della stessa Fabiola85prima non era possibile perchè non era nato nessun condominio.

Al punto 1) dopo prima vendita ho aggiunto la frase (quella della tua abitazione).

La correzione è stata eseguita dopo aver letto il post #6 di Tullio Ts.

Al punto 1) dopo prima vendita ho aggiunto la frase (quella della tua abitazione).

La correzione è stata eseguita dopo aver letto il post #6 di Tullio Ts.

Per cui il condominio è nato quando i proprietari erano due, all'atto dell'acquisto di Fabiola85 e non prima, anche se ad acquistare l'intero stabile dal costruttore fosse una sola persona (o in multiproprietà) dell'intero

Correggo il precedente post #5

 

Il condominio si è costituito con l’acquisto dell’abitazione di Fabiola85 dal proprietario dell’intero stabile nella persona del costruttore-venditore o altro soggetto.

 

Attualmente il condominio è costituito da due condomini e da sette unità immobiliari (abitazioni).

Se l’amministratore è stato nominato dal proprietario dell’intero stabile (costrutto-venditore o altro soggetto):

questa nomina preventiva effettuata dal costruttore-venditore non è valida, poiché viola norme inderogabili del codice civile che prevedono espressamente che l’amministratore deve essere nominato dall’assemblea condominiale (nel tuo condominio non v’è l’obbligo della nomina).

La suddetta nomina risulta nulla anche se inserita nel rogito,

Tuttavia, sino a quando non chiederai l’annullamento della suddetta nomina, l’amministratore nominato irregolarmente può continuare ad esercitare il suo mandato.

 

Hai diritto a visionare il verbale di nomina, se esiste, a conoscere i dati anagrafici e professionali, il codice fiscale dell’amministratore e in particolare le sue generalità, il domicilio, i recapiti, anche telefonici devono essere affissi all’ingresso del condominio e ben visibili.

Hai diritto a visionare il preventivo che probabilmente è stato approvato prima della data del tuo acquisto.

Non puoi esimerti dal pagare le quote regolarmente approvate in preventivo.

Infine, in occasione delle prossime assemblee condominiali alle quali dovrai essere regolarmente convocata, senza il tuo voto favorevole non potrà essere presa alcuna decisione di interesse comune.

 

- - - Aggiornato - - -

 

@Tullio Ts

grazie per la tua correzione.

Siete stati gentilissimi ed esaustivi, ma non so come si fa a chiedere l’annullamento del contratto. Chiedo scusa, ma è la prima volta che devo affrontare un caso del genere.

Potete gentilmente spiegarmi come procedere?

Grazie

Siete stati gentilissimi ed esaustivi, ma non so come si fa a chiedere l’annullamento del contratto. Chiedo scusa, ma è la prima volta che devo affrontare un caso del genere.

Potete gentilmente spiegarmi come procedere?

Grazie

Se tu non hai mai riconosciuto questa persona come amministratore ne hai mai pagato qualche rata per il condominio a questa persona, lui non può essere l'amministratore dello stabile neppure di fatto, ma sarà solo la persona fiduciaria dell'altro condomino proprietario delle restanti 6 u.i. e dovrai comunque corrispondere le spese condominiali regolarmente approvate dall'assemblea dei due condomini (tu e il proprietario delle altre 6 u.i.), se non c'è stata nessuna assemblea, chi ha assunto la gestione delle parti comuni del condominio non ha nessun diritto al risarcimento fatto salvo non si tratti di spese urgenti;

 

cc Art. 1134. Gestione di iniziativa individuale.

Il condomino che ha assunto la gestione delle parti comuni senza autorizzazione dell'amministratore o dell'assemblea non ha diritto al rimborso, salvo che si tratti di spesa urgente.

Non puoi esimerti dal pagare le quote regolarmente approvate in preventivo.

Se non ha ricevuto la convocazione all'assemblea tramite raccomandata a/r (fax o pec) l'assemblea non era convocata validamente e senza di lei non era neppure costituita. Quindi la delibera di nomina del sedicente Amministratore del fantomatico Condominio è annullabile impugnando entro i 30 giorni dal ricevimento del verbale che a quanto pare non credo sia mai stato consegnato.

 

Pertanto la costituzione del Condominio e la nomina stessa del sedicente Amministratore possono essere annullate. Le spese non sono da pagare e non sono dovute in nessun modo in quanto per la stessa ragione sono annullabili anche i bilanci consuntivi/preventivi, i riparti e le rateizzazioni. Come detto da Tullio vale l'Art. 1134. Gestione di iniziativa individuale. Quindi chi ha pagato lo ha fatto a titolo personale. 😂

pongo questo quesito: in una palazzina 8 soggetti sono proprietari di appartamenti uso civile abitazione, mentre 1 soggetto è proprietario di un sottotetto/mansarda. E' obbligatoria la costituzione del condominio e la nomina dell'amministratore ? Si computa quale nono condomino il proprietario del sottotetto/mansarda? oppure non rientrando quest'ultimo nel computo si è fuori dalla obbligatorietà della nomina di un amministratore? Vi ringrazio anticipatamente per le cortesi risposte. Bobo

pongo questo quesito: in una palazzina 8 soggetti sono proprietari di appartamenti uso civile abitazione, mentre 1 soggetto è proprietario di un sottotetto/mansarda. E' obbligatoria la costituzione del condominio e la nomina dell'amministratore ? Si computa quale nono condomino il proprietario del sottotetto/mansarda? oppure non rientrando quest'ultimo nel computo si è fuori dalla obbligatorietà della nomina di un amministratore? Vi ringrazio anticipatamente per le cortesi risposte. Bobo
Anche se uno solo dei proprietari non è proprietario di appartamento è pur sempre un condomino, in questo caso 8 appartamenti di proprietà di 8 persone diverse più un proprietario diverso dagli altri 8 lo è di un sottotetto/mansarda, fanno 9 condomini, per cui l'assemblea deve nominare un amministratore come previsto dall'art. 1129 cc.

 

Quando i condomini sono più di otto, se l'assemblea non vi provvede, la nomina di un amministratore è fatta dall'autorità giudiziaria su ricorso di uno o più condomini ...

×