Vai al contenuto
Giovanni1943

Costituzione di fondo straordinario

l'amministratore di un condominio ha mandato una richiesta di € 10.000 a 14 condomini per pagare le fatture di un avvocato che deve intraprendere una vertenza contro diversi condomini in arretrato con le quote condominiali. Questo senza una delibera dell'assemblea. Inoltre le cifre maggiori sono in carico ai morosi che chiaramente non cacceranno un euro. Gli altri DEVONO pagare ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Conviene pagare ad evitare Decreti Ingiuntivi a carico del condominio, ma sarebbe da dare una tiratina d'orecchie all'amministratore, il quale prima di chiedere del danaro extra preventivo avrebbe dovuto convocare quantomeno un'assemblea.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

[h=2]Il fondo morosi[/h]

La riforma non ha espressamente previsto la possibilità di costituire un fondo cassa per far fronte ai problemi di liquidità determinati dal mancato pagamento delle quote da parte dei condomini morosi. Tuttavia, l'istituzione di un fondo ad hoc, c.d. "fondo morosi", pur costituendo una questione dibattuta e fonte di controversie tra i condomini in regola con i pagamenti, costretti ad esborsi ulteriori per sopperire alla situazione provocata dai mancati versamenti di altri, è ritenuta legittima dalla giurisprudenza e trova applicazione nella pratica.

Si tratta in ogni caso di un fondo straordinario destinato a far fronte alla procedura per il recupero dei crediti, cui l'amministratore è tenuto per la riscossione forzosa delle somme dovute, ex art. 63 disp. att. c.c., e che rappresenta una sorta di prestito che verrà restituito nel caso di recupero di quanto dovuto dal debitore moroso.

A causa del "sacrificio" che il fondo rappresenta per i condomini virtuosi, chiamati a partecipare alle spese condominiali in misura non proporzionale al valore delle rispettive proprietà come previsto dall'art. 1123 c.c., si ritiene esso debba essere approvato dall'unanimità di tutti i condomini. Sul punto, tuttavia, la giurisprudenza, formatasi in materia prima della riforma, ha ritenuto legittima la delibera approvata con il voto della sola maggioranza nei casi di effettiva e dimostrabile urgenza (ovvero nel caso in cui i creditori del condominio avessero esercitato azione esecutiva in danno delle parti comuni dell'edificio) (Cass. n. 13631/2001). Con la riforma, invece, il novellato art. 63 disp. att. c.c. prevedendo che "i creditori non possono agire nei confronti degli obbligati in regola con i pagamenti, se non dopo l'escussione degli altri condomini", sembra escludere l'ipotesi eccezionale sopra descritta, con la conseguenza che il fondo va deliberato con il consenso dell'unanimità di tutti i condomini.

Fonte: Il fondo cassa (o fondo speciale) del condominio

(**********************)( avv.Gallucci)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie Tullio Ma l'importo delle fatture dell'avvocato sono superiori alla cifra che l'amministratore racimolerebbe se solo i condomini "puntuali" pagassero la loro quota. e non credo che i morosi cacceranno i soldi per farsi fare un D.I. Quindi ???

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

, con la conseguenza che il fondo va deliberato con il consenso dell'unanimità di tutti i condomini. MARIO,

mi sembra difficile che i morosi votino per farsi fare un D.I. quindi la unanimità non si raggiungerà mai.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Non siete obbligati a pagare, però come detto i/il creditori/e, potranno agire contro il condominio per la somma che deve avere e se continuate a non pagare per la parte mancate dei morosi probabilmente continuerà richiedendo il pignoramento di parti comuni del condominio, ovvero a parere mio, conviene anticipare la somma da pagare all'avvocato, in quanto al termine il Giudice, come normalmente fa, farà pagare ai morosi tutto, le spese di giudizio, le spese legali (anche le vostre) il dovuto e poco che sarà anche l'interesse legale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Una ulteriore domanda. Il più grosso moroso è la società costruttrice (in liquidazione da anni) Nel caso (probabile ) che fallisca, il nostro credito sarà privileggiato o chirografaro ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Una ulteriore domanda. Il più grosso moroso è la società costruttrice (in liquidazione da anni) Nel caso (probabile ) che fallisca, il nostro credito sarà privileggiato o chirografaro ?
Temo che il condominio verrà dopo i creditori privilegiati, tipo banche, comunque vedi quì l'ordine dei pagamenti in caso di fallimento;

http://www.dirittoprivatoinrete.it/privilegi.htm

http://www.dirittoprivatoinrete.it/fallimento/i_diversi_tipi_di_creditori%20e%20i%20prededucibili.html

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×