Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
paolillo oreste

Costi spettanti ai negozi

Buona sera a quali spese partecipano i negozi che sono posizionati

sotto il condominio parlo delle spese ordinarie .

grazie buona serata

Oreste Paolillo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buona sera a quali spese partecipano i negozi che sono posizionati

sotto il condominio parlo delle spese ordinarie .

grazie buona serata

Oreste Paolillo

Salvo titoli diversi o disposizioni regolamentari, i proprietari dei negozi devono le spese condominiali come tutti gli altri condomini come disposto dall'art. cc 1123 e seguenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie Tullio

la mia domanda pero' era nello specifico delle spese faccio un'esempio parcella amministratore, assicurazione, mod.770, cancelleria, oneri bancari, tutti i costi della proprieta' escludendo i costi delle scale e dell'ascensore giusato ?

grazie buon lavoro Oreste Paolillo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Alle spese generali, quelle in parte da te elencate, partecipano tutti, quindi anche i negozi. Allo stesso modo partecipano alle spese necessarie per la conservazione del fabbricato e delle parti comuni: tetti, facciate, lastrici solari, ecc, nonchè le spese relative ai servizi, come il riscaldamento, se ne sono allacciati. Le uniche spese a cui potrebbero non partecipare, sono quelle d’uso, ovvero pulizia scale, uso ascensore, illuminazione scale cioè quelle spese che sono imputate ai condòmini che ne usufruiscono anche solo potenzialmente. Tutto ciò se non esistono norme di un RdC contrattuale che stabilisca ripartizioni diverse ovvero esclusioni di spesa per i proprietari dei negozi con acceso su strada.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Grazie Tullio

la mia domanda pero' era nello specifico delle spese faccio un'esempio parcella amministratore, assicurazione, mod.770, cancelleria, oneri bancari, tutti i costi della proprieta' escludendo i costi delle scale e dell'ascensore giusato ?

grazie buon lavoro Oreste Paolillo

Come ho già detto i proprietari dei negozi, fatto salvo titolo o convenzioni diverse, essendo condomini devono partecipare a tutte le spese condominiali, però se per costruzione dello stabile non sono allacciati al riscaldamento e/o allo scarico fognario, non dovranno partecipare, dovranno però partecipare alle spese per le pulizie e uso delle scale e ascensore (in proporzione all'altezza piano essendo al piano zero, saranno zero), mentre dovranno partecipare alle spese di manutenzione e rifacimento (--> art. 1124 cc)

 

Tutto ciò che costituisce l'ingresso (portone, vestibolo, androne) è necessariamente comune ai sensi dell'art 1117 c.c., in quanto le predette parti costituiscono in senso oggettivo, funzionale e strutturale elementi portanti dell'edificio. Inoltre, sussiste una presunzione legale di comunione sia in considerazione del fatto che trattasi di un bene indivisibile nella struttura e nell'uso, sia in relazione al servizio di utilità prestato, quindi, salvo diverso titolo, si presume di proprietà comune di tutti i condomini - anche di quelli proprietari dei negozi - sia o meno utilizzabile da tutti, perché rappresenta l'acceso indispensabile per l'utilizzazione delle strutture di copertura dell'edificio o scantinati (Cass. n. 761 , 5-2-1979).

 

Quanto alla proprietà dell'’androne, la giurisprudenza è uniforme nell’'estenderla anche ai condomini che siano proprietari di unità immobiliari che non abbiano accesso su di esso (si pensi, ad esempio, ad un negozio che affaccia direttamente sulla pubblica via). Ciò perché quest'area, come le scale, costituisce elemento necessario per la configurabilità stessa di un fabbricato diviso in piani o porzioni di piano di proprietà individuale e rappresenta un tramite indispensabile per il godimento e la conservazione delle strutture di copertura (App. Milano 9-10-1987, n. 1983).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

grazie tullio grazie bilbetto e tutto chiaro

grazie a tutti voi

condominioweb number one

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Chiarissimo il tuo messaggio:

"non dovranno partecipare, dovranno però partecipare alle spese per le pulizie e uso delle scale e ascensore (in proporzione all'altezza piano essendo al piano zero, saranno zero".

 

Ma se nel caso la maggioranza fa i propri comodi e delibera che anche i negozi debbano pagare la corrente elettrica e la pulizoa delle scale, ascensore ecc. pur non godendone affatto, non commettono un illecito da portare o giudizio?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Chiarissimo il tuo messaggio:

"non dovranno partecipare, dovranno però partecipare alle spese per le pulizie e uso delle scale e ascensore (in proporzione all'altezza piano essendo al piano zero, saranno zero".

 

Ma se nel caso la maggioranza fa i propri comodi e delibera che anche i negozi debbano pagare la corrente elettrica e la pulizoa delle scale, ascensore ecc. pur non godendone affatto, non commettono un illecito da portare o giudizio?

Nel caso l'assemblea delibere un criterio diverso da quello legale (proporzionale all'altezza piano cc art. 1123 2°c.) la delibera sarebbe nulla, per cui se l'amministratore la applicherebbe chi ne ha l'interesse potrebbe impugnarla e farla annullare dal Giudice, da valutare i costi perchè le spese per la causa non saranno poche, comunque forse già alla mediazione si troverà la soluzione.

E' affetta da nullità la delibera dell'assemblea condominiale con la quale, senza il consenso di tutti i condòmini, si modifichino i criteri legali (art. 1123 cod. civ.) o di regolamento contrattuale di riparto delle spese necessarie per la prestazione di servizi nell'interesse comune.

Ciò, perché eventuali deroghe venendo a incidere sui diritti individuali del singolo condomino attraverso un mutamento del valore della parte di edificio di sua esclusiva proprietà, possono conseguire soltanto da una convenzione cui egli aderisca. (Corte di Cassazione, n. 17101/2006)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Piano zero=spese zero non è così. Se ad esempio c'è uno stenditoio comune all'ultimo piano, ne hai l'uso potenziale, quindi l'ascensore lo paga in quota anche chi si trova al PT. In ogni caso, se ci sono delle tabelle millesimali (inclusa quella dell'ascensore), c'è poco da inventarsi con delibere varie. Si applica quella, sino ad eventuale modifica deliberata dall'assemblea con le maggioranze previste.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Piano zero=spese zero non è così. Se ad esempio c'è uno stenditoio comune all'ultimo piano, ne hai l'uso potenziale, quindi l'ascensore lo paga in quota anche chi si trova al PT. In ogni caso, se ci sono delle tabelle millesimali (inclusa quella dell'ascensore), c'è poco da inventarsi con delibere varie. Si applica quella, sino ad eventuale modifica deliberata dall'assemblea con le maggioranze previste.
Di solito le tabelle proporzionali in altezza del piano, vanno calcolate sull'u.i. principale e non sulle altre unità comuni e/o accessori (p.es. soffitte e/o come nel caso dello stenditoio a cui tutti hanno l'accesso e utilità).

 

p.es. assurdo se c'è un lastrico comune sul tetto, tutti dovrebbero le stesse quote, il che sarebbe assolutamente errato, visto che devono applicare le proporzioni per altezza piano (cc art. 1123 2°c).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Mica ho capito. Intendevo che se c'è lo stenditoio in alto, anche chi è al PT ha motivo di usare l'ascensore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Mica ho capito. Intendevo che se c'è lo stenditoio in alto, anche chi è al PT ha motivo di usare l'ascensore.
Si che ha diritto, ma la quota da pagare va in proporzione all'unità sita al P.T. non allo stenditoio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Si Efisio, premettendo che non ci siano stendotoi, antenne, o altre cose che ogni condomino può godere.

un negozio che ha un'entrata indipendente dallesterno, che non ha neanche la chiave dell'androne, e che non ha nessun godimento/uso della scala o ascensore, non dovrebbe pagare corrente, pulizia di scale e ascensore.

Come può la maggioranza fare quello che gli pare obbligando i proprietari di negozi esterni di contribuire al pagamento di cose che loro non usufriranno mai.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inoltre vorrei sapere quanto negozi usino lo stenditoio sul terrazzo/lo abbiano richiesto o abbiano contribuito all'installazione dello stesso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Si che ha diritto, ma la quota da pagare va in proporzione all'unità sita al P.T. non allo stenditoio.

Non ho scritto il contrario.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Inoltre vorrei sapere quanto negozi usino lo stenditoio sul terrazzo/lo abbiano richiesto o abbiano contribuito all'installazione dello stesso.

Lo stenditoio è il locale al coperto dove si stende, altresì detto lavatoio. Oppure sul lastrico solare. Così destinati dal costruttore. Non si trattava di installazioni successive.

 

In merito alle ripartizioni: c'è un regolamento con tabelle millesimali? L'amministratore le applica, o no?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Non ho scritto il contrario.
. :thumbup:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×