Vai al contenuto
Mark93

Convocazione assemblea tramite Pec

Tullio01 dice:

Ma in questo caso è l'inverso, è l'amministratore che richiede e non il condomino come specificato nel link;

 

Conclusioni. E' legittimo per l'amministratore convocare il condomino via e-mail anziché tramite raccomandata a.r. o P.E.C. qualora sia stato lo stesso condomino a chiedere tale modalità di convocazione, non potendo poi lamentare quest'ultimo la mancata prova di ricevimento dell'e-mail.
Fonte: https://www.condominioweb.com/convocazione-assemblea-tramite-email.15550

 

E poi metti il caso che ci sia un presidente d'assemblea che richieda la prova che tutti siano stati ritualmente convocati come previsto dall'art 1136 cc, cosa dimostrerà l'amministratore?

E tutto scorre liscio come l olio, ma tirniamo punto a capo, sé  il condomino stesso che inizialmente aveva pacificatamente e amichevolmente dato seguito alla proposta dell amministratore, può, per subentrate scaramucce o preso dalla luna di traverso, affermare che lui nulla ha ricevuto della presunta convocazione? E come farà l arguto amministratore a dimostrare il contrario? Cosa può inventarsi sé non ha nessun rapporto di ricezione della fantomatica mail inviata? Quindi il condomino impugnera il verbale e non penso che ci sia un giudice che possa dargli torto rigettando il suo ricorso!!

Ho ben compreso oppure mi sta sfuggendo qualche passaggio importante?

dinofour dice:

E tutto scorre liscio come l olio, ma tirniamo punto a capo, sé  il condomino stesso che inizialmente aveva pacificatamente e amichevolmente dato seguito alla proposta dell amministratore, può, per subentrate scaramucce o preso dalla luna di traverso, affermare che lui nulla ha ricevuto della presunta convocazione?

Una e.mail semplice non ha nessun tracciamento legale a dimostrare che sia stata recapitata, per questo motivo la norma prevede SI la e.mail ma che sia Pec ovvero risulterà sia l'invio nel provider dell'amministratore (mittente), che la consegna nel provider del destinatario (condomino) e contemporaneo invio della ricevuta all'amministratore, sistema che non esiste nella e.mail normale, per questo motivo la norma prevede la Pec e non la e.mail normale.

image.png.3d1896cf46248e097992d824e4640020.png

Tutti questi discorsi a senso unico... io direi: siamo d’accordo sulla email semplice? Bene caro amministratore avvisami con mail. Dammi 5 giorni di tempo comunque per riassettare le idee prima di fare l’assemblea! La ricevo, la leggo e siamo apposto. Peró non dirmi che devo rinunciare a rivalermi su di te se non la leggo perché a questo punto allargo l’orizzonte e comincio a pensare anche al caso che tu non mi invii la comunicazione nemmeno per email.... che faccio io se non mi avvisi? Vado dal giudice e gli dico: caro giudice eravamo d’accordo per la email ma non mi è arrivata, guarda la mia casella di posta, vedrai che non c’è. L’amministratore da parte sua invece dirà al giudice: caro giudice vedi che l’ho inviata? Ce l’ho qua... ( ho solo cancellato il mail delivery status notification che mi dava busy in quel momento!😂😂😂😂)

Modificato da Luigibrand
Luigibrand dice:

Tutti questi discorsi a senso unico... io direi: siamo d’accordo sulla email semplice? Bene caro amministratore avvisami con mail. Dammi 5 giorni di tempo comunque per riassettare le idee prima di fare l’assemblea! La ricevo, la leggo e siamo apposto. Peró non dirmi che devo rinunciare a rivalermi su di te se non la leggo perché a questo punto allargo l’orizzonte e comincio a pensare anche al caso che tu non mi invii la comunicazione nemmeno per email.... che faccio io se non mi avvisi? Vado dal giudice e gli dico: caro giudice eravamo d’accordo per la email ma non mi è arrivata, guarda la mia casella di posta, vedrai che non c’è. L’amministratore da parte sua innerverà dirà al giudice: caro giudice vedi che l’ho inviata? Ce l’ho qua... ( ho solo cancellato il mail delivery status notification che mi dava busy in quel momento!😂😂😂😂)

Non è sufficiente dimostrare l'invio, si deve dimostrare la consegna.

Luigibrand dice:

La consegna avvenuta la email non la dà.

Infatti, invece la Pec la da  

Modificato da Tullio01

🤔  quindi sareste così dispettosi da non rispondere alla richiesta di notifica della mail?

  • Confuso 1
Danielabi dice:

🤔  quindi sareste così dispettosi da non rispondere alla richiesta di notifica della mail?

No cara, ma mettiti anche dalla parte opposta, di chi condomino si trova a non essere avvisato con email perché magari all’amministratore è tornata indietro quando ha inviato con email Unione la convocazione al condominio

Luigibrand dice:

No cara, ma mettiti anche dalla parte opposta, di chi condomino si trova a non essere avvisato con email perché magari all’amministratore è tornata indietro quando ha inviato con email Unione la convocazione al condominio

ma si Luigi....sto solo cercando di mettere tutte le carte in tavola, ormai si è stabilito che tanto vale far pagare le raccomandate ai condòmini, così evitano tutti di fare dispetti, sia l'amministratore che i condòmini.

C'è un piccolo, non infallibile modo per sapere se la mail è stata ricevuta che è la notifica.

Ovviamente chi vuol fare il dispettoso puo' scientemente ignorarla e buonanotte.

Pero'......tecnicamente qualcosina esiste, la mail non è proprio lasciata a se stessa

  • Mi piace 1

Se tu amministratrice facessi una pec per ogni condomino che costa 5 euro l’anno in ogni condominio risparmieresti in tempo e cancelleria. Il condomino sarebbe anche contento.

Luigibrand dice:

Se tu amministratrice facessi una pec per ogni condomino che costa 5 euro l’anno in ogni condominio risparmieresti in tempo e cancelleria. Il condomino sarebbe anche contento.

Vieni Luigi a convincere tutti i condòmini a munirsi di pec!!! Io sarei ben contenta, ho la pec, ma non posso utilizzarla. E' andata buca anche la pec condominiale....

Danielabi dice:

Vieni Luigi a convincere tutti i condòmini a munirsi di pec!!! Io sarei ben contenta, ho la pec, ma non posso utilizzarla. E' andata buca anche la pec condominiale....

Ci sono modi semplici: fai 20 pec al condominio con 20 condomini. Ad ognuno dai la password di accesso e fai firmare l’anagrafica. Poi sarebbe bene munirsi anche dell’app condominio per tutti. USABILITY 

Danielabi dice:

Vieni Luigi a convincere tutti i condòmini a munirsi di pec!!! Io sarei ben contenta, ho la pec, ma non posso utilizzarla. E' andata buca anche la pec condominiale....

Puoi ripiegare sugli altri sistemi, quelli legali, il fax non lo hanno tutti i condomini, rimane la consegna a mano o raccomandata, tutti sistemi tracciabili e legali previsti dalla norma a spese condominiali.

Luigibrand dice:

Ci sono modi semplici: fai 20 pec al condominio con 20 condomini. Ad ognuno dai la password di accesso e fai firmare l’anagrafica. Poi sarebbe bene munirsi anche dell’app condominio per tutti. USABILITY 

😂

 

lo sai che esiste anche un Paese che vola basso?

 

Tullio01 dice:

Puoi ripiegare sugli altri sistemi, quelli legali, il fax non lo hanno tutti i condomini, rimane la consegna a mano o raccomandata, tutti sistemi tracciabili e legali previsti dalla norma a spese condominiali.

Si Tullio, certamente....rispondevo solo alle battutte di Luigi.

Danielabi dice:

Pero'......tecnicamente qualcosina esiste, la mail non è proprio lasciata a se stessa

Parli della "conferma di lettura"? Se è quella non vale ai sensi legali e non vale come ricevuta (altrimenti perchè è nata la Pec?), mentre con la Pec (se c'è) questo pericolo è scongiurato, ovvero la ricevuta al Provider del ricevente vale come raccomandata ricevuta, anche se non aperta e letta.

 

p.s. visto che ho due indirizzi e.mail mi sono auto inviato al 2° indirizzo una e.mail con "conferma di lettura", posso garantirti che l'ho letta senza nessuna difficoltà e senza confermare la lettura, per cui quel sistema (se è quello che dici) non è affidabile.

Modificato da Tullio01
Tullio01 dice:

per cui quel sistema (se è quello che dici) non è affidabile.

E' chiaro che se il condòmino non mi conferma la ricezione, addio.....

Pero', con un po' di diligenza e collaborazione potrebbe essere.

In sostanza, non sto cercando di dare forza giuridica alla mail, dico solo che chi richiedesse di essere avvisato con mail potrebbe anche confermare la ricezione, quantomeno l'amministratore dormirebbe un po' meglio. 😊

Danielabi dice:

E' chiaro che se il condòmino non mi conferma la ricezione, addio.....

Pero', con un po' di diligenza e collaborazione potrebbe essere.

In sostanza, non sto cercando di dare forza giuridica alla mail, dico solo che chi richiedesse di essere avvisato con mail potrebbe anche confermare la ricezione, quantomeno l'amministratore dormirebbe un po' meglio.

Caspita, vi ho lasciati ieri sera a metà pagina 3 e vi ritrovo a metà pagina 5.

Certo che ne sta facendo di strada questa raccomandata prima di esere consegnata.

Non vorrei rovinare il sonno un po' tranquillo dell'amministratore ma neanche la ricezione dell'avviso di lettura ti da la sicurezza legale perchè il condòmino potrebbe dire che qualcuno della famiglia è andato sul portale della posta ed inavvertitamente ci ha cliccato.

Non essendo prevista legalmente la conferma della lettura dell'e-mail, avendo l'amministratore derogato ad un articolo inderogabile, a fronte di una notte un po' tranquilla potrebbe passarne alcune insonni. 

Danielabi dice:

E' chiaro che se il condòmino non mi conferma la ricezione, addio.....

Pero', con un po' di diligenza e collaborazione potrebbe essere.

In sostanza, non sto cercando di dare forza giuridica alla mail, dico solo che chi richiedesse di essere avvisato con mail potrebbe anche confermare la ricezione, quantomeno l'amministratore dormirebbe un po' meglio. 😊

Ho ripetuto la prova stamattina per ben due volte, ed ambedue hanno fornito lo stesso risultato, su Gmail (2° indirizzo che uso saltuariamente) non mi viene richiesta la conferma della lettura richiesta inviata dal 1° indirizzo (quello che uso per il forum), per cui come detto io leggo la e.mail e chi l'ha inviata non riceve mai la conferma.

Per cui ripeto quel sistema è inaffidabile.

Tullio01 dice:

Ho ripetuto la prova stamattina per ben due volte, ed ambedue hanno fornito lo stesso risultato, su Gmail (2° indirizzo che uso saltuariamente) non mi viene richiesta la conferma della lettura richiesta inviata dal 1° indirizzo (quello che uso per il forum), per cui come detto io leggo la e.mail e chi l'ha inviata non riceve mai la conferma.

Per cui ripeto quel sistema è inaffidabile.

Forse Daniela intende che il condomino debba rispondere proprio alla email. In quel caso perché no? Al massimo si può dire che non era lui a rispondere😂😂😂 e qui si apre un altro capitolo

Luigibrand dice:

Forse Daniela intende che il condomino debba rispondere proprio alla email. In quel caso perché no? Al massimo si può dire che non era lui a rispondere e qui si apre un altro capitolo

Infatti era proprio quello il capitolo da me aperto nel mio intervento precedente.

Sappiamo tutti che la e-mail può essere letta ugualmente senza dover inviare la conferma di lettura ma se accadesse questo, l'amministratore la intenderebbe comunque come posta non consegnata e si attiverebbe in altro modo.

Il problema serio di cui parlavo nel mio post precedente è che neanche se arrivasse la conferma di lettura, questa avrebbe valore legale al pari della raccomandata perchè non si sa se la lettera l'ha aperta il titolare della missiva o altra persona e quindi la irrituale convocazione può essere impugnata anche dal condòmino assente che abbia ricevuto la e-mail e ne abbia dato conferma di lettura.

Modificato da Leonardo53
Luigibrand dice:

Forse Daniela intende che il condomino debba rispondere proprio alla email. In quel caso perché no? Al massimo si può dire che non era lui a rispondere😂😂😂 e qui si apre un altro capitolo

Appunto per questo avevo chiesto se intendeva la possibilità della conferma di risposta che si allega alla e.mail (ovvero alla lettura si clicca per confermare le lettura) ma come ho detto io leggo la e.mail senza bisogno di confermare la lettura.

Tra l'altro anche confermando con una e.mail, questa potrebbe essere inviata da altri che hanno accesso alla e.mail e non il condomino titolare, per cui non ha valore legale. 

Per cui l'unico sistema valido per posta elettronica e la Pec, non esiste altro modo sino a che non verrà modificato l'art 66 Dacc.

 

Scusate!! Io avevo fatto un'ipotesi al post # 39 che copio e incollo. Eccolo.

"......... Facciamo un caso particolare: io condomino chiedo all'amministratore ( non alla mia perchè si è già rifiutata di farlo) che tutte le convocazioni mi siano comunicate tramite mail tradizionale. Lui accetta e mi manda le mail ed io le ricevo e non faccio mai osservazioni. Un condomino diverso da me, venuto a conoscenza della cosa, può far annullare, tramite ricorso per anomala mia convocazione, le varie delibere? Se invece tale condomino diverso si fa eleggere presidente dell'assemblea e in quelle vesti esaminando le carte fa notare che la mia convocazione è avvenuta tramite mail normale o non tramite PEC può dichiarare l'assemblea irregolare e chiuderla? Grazie se mi volete chiarire questi dubbi.". E' possibile avere una risposta?

Dino40 dice:

Se invece tale condomino diverso si fa eleggere presidente dell'assemblea e in quelle vesti esaminando le carte fa notare che la mia convocazione è avvenuta tramite mail normale o non tramite PEC può dichiarare l'assemblea irregolare e chiuderla? Grazie se mi volete chiarire questi dubbi.". E' possibile avere una risposta?

E' proprio questo il nocciolo della questione.

Se tu sei presente, la tua presenza sana l'irrituale convocazione.

Se tu sei assente, io Presidente, constatando che l'assemblea non è stata regolarmente convocata secondo i canoni dell'art. 66, dichiaro che l'assemblea non può deliberare e quindi andiamo tutti a casa oppure restiamo a parlare di calcio, senza poter deliberare alcunchè:

Art. 1136 c.c. (INDEROGABILE):

...L’assemblea non può deliberare, se non consta che tutti gli aventi diritto sono stati regolarmente convocati...

  • Mi piace 1
Dino40 dice:

Scusate!! Io avevo fatto un'ipotesi al post # 39 che copio e incollo. Eccolo.

"......... Facciamo un caso particolare: io condomino chiedo all'amministratore ( non alla mia perchè si è già rifiutata di farlo) che tutte le convocazioni mi siano comunicate tramite mail tradizionale. Lui accetta e mi manda le mail ed io le ricevo e non faccio mai osservazioni. Un condomino diverso da me, venuto a conoscenza della cosa, può far annullare, tramite ricorso per anomala mia convocazione, le varie delibere? Se invece tale condomino diverso si fa eleggere presidente dell'assemblea e in quelle vesti esaminando le carte fa notare che la mia convocazione è avvenuta tramite mail normale o non tramite PEC può dichiarare l'assemblea irregolare e chiuderla? Grazie se mi volete chiarire questi dubbi.". E' possibile avere una risposta?

io anche la penso così come @Leonardo53 , @Tullio01 ad altri.

l'art. è chiaro e dice che non si può deliberare se non consta che "tutti siano stati regolarmente convocati".

- tutti significa proprio tutti in funzione degli argomenti (comproprietari, usufruttuari, inquilini, ...) e già non è sempre così ma c'è evidentemente tolleranza.

- regolarmente convocati io dico che significa secondo le regole (secondo norma), ovvero aver ricevuto una formale notifica dell'avvenimento in questione e non solo essere stati informati genericamente o essere a conoscenza dell'avvenimento.

 

 

🤔  il fatto che qualcuno che non sia il convocato possa cliccare sulla notifica di ricevuta corrisponde al ritiro  della raccomandata (anche a mano) da parte di altri che non siano il convocato. In entrambi i casi il convocato potrà leggere il messaggio successivamente.

L'invio della convocazione via mail, ovviamente, deve corrispondere in tutto e per tutto all'invio via raccomandata/pec ecc. ecc. quindi il condòmino è informato esattamente come tutti gli altri.

Essendo stato informato come tutti gli altri ed essendo stato il condòmino stesso a chiedere di essere informato in tale modo, se il presidente si arrogasse il diritto di fare annullare un'assemblea solo perchè un condòmino ha fatto una richiesta, consapevole dei suoi diritti e delle conseguenze possibili alla rinuncia dei suoi diritti, be'..... non le vedo bene le sorti di questo presidente.

Del resto la sentenza del Tribunale di Brescia dovrà pur poggiare sul diritto, presumo.

(ora non ditemi che sino a che si arriva a sentenza di Cassazione sezioni Unite, le sentenze lasciano il tempo che trovano, lo so....😊)

×