Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Geom. Laura

Convocazione assemblea senza punto "nomina o riconferma amministratore"

Buonasera,

 

in un condominio i condòmini vorrebbero cambiare l'amministratore in carica al termine del suo mandato ma nella convocazione di assemblea annuale ordinaria l'amministratore non ha inserito all'ordine del giorno il punto "nomina o riconferma dell'amministratore". Come si deve procedere?

Si può far andare deserta l'assemblea e richiedere una nuova convocazione con specifico punto all'ordine del giorno?

Grazie mille

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

dovete richiedere all'amministratore, come disposto dall'art. 66 disp. att.ni c.c. una nuova assemblea con odg. revoca amministratore, nomina nuovo amministratore.

 

art.. 66

L'assemblea, oltre che annualmente in via ordinaria per le deliberazioni indicate dall'articolo 1135 del codice, può essere convocata in via straordinaria dall'amministratore quando questi lo ritiene necessario o quando ne è fatta richiesta da almeno due condomini che rappresentino un sesto del valore dell'edificio. Decorsi inutilmente dieci giorni dalla richiesta, i detti condomini possono provvedere direttamente alla convocazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buonasera,

 

in un condominio i condòmini vorrebbero cambiare l'amministratore in carica al termine del suo mandato ma nella convocazione di assemblea annuale ordinaria l'amministratore non ha inserito all'ordine del giorno il punto "nomina o riconferma dell'amministratore". Come si deve procedere?

Si può far andare deserta l'assemblea e richiedere una nuova convocazione con specifico punto all'ordine del giorno?

Grazie mille

Certo che si può fare.

Si chiede convocazione con specifico argomento all'ordine del giorno secondo il disposto dell'art. 66 ed eventualmente, se l'amministratore non convoca l'assemblea entro 10 giorni dalla richiesta, gli stessi richiedenti possono autoconvocare l'assemblea e nominare un nuovo amministratore.

Sarà poi il nuovo amministratore, con verbale di nomina alla mano, a procedere alla fase successiva... (cambio potere di firma c/c/, di passaggio consegne, voltura delle domiciliazioni utenze...)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buonasera,

 

in un condominio i condòmini vorrebbero cambiare l'amministratore in carica al termine del suo mandato ma nella convocazione di assemblea annuale ordinaria l'amministratore non ha inserito all'ordine del giorno il punto "nomina o riconferma dell'amministratore". Come si deve procedere?

Si può far andare deserta l'assemblea e richiedere una nuova convocazione con specifico punto all'ordine del giorno?

Grazie mille

Potreste anche forzare in questa assemblea pur non essendoci l'argomento all'Ordine del Giorno, e deliberare la nomina del successore, però sarebbe una delibera annullabile, comunque in questa assemblea potreste anche non confermare questo amministratore rimanendo tutti astenuti e/o non giungere nemmeno al 1/3 minimo per la riconferma, e richiedere l'assemblea come hanno già detto Josefat e Leonardo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie per le risposte. Se non ricordo male l'art. 66 da voi menzionato riguarda la revoca, procedura in cui bisogna tener conto della "giusta causa". Io proponevo la semplice non riconferma al termine del mandato annuale ma non è stato, forse volutamente, inserito in convocazione apposito punto all'ordine del giorno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Grazie per le risposte. Se non ricordo male l'art. 66 da voi menzionato riguarda la revoca, procedura in cui bisogna tener conto della "giusta causa". Io proponevo la semplice non riconferma al termine del mandato annuale ma non è stato, forse volutamente, inserito in convocazione apposito punto all'ordine del giorno.

l'art. 66 te l'ho indicato nel post 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Potreste anche forzare in questa assemblea pur non essendoci l'argomento all'Ordine del Giorno, e deliberare la nomina del successore, però sarebbe una delibera annullabile, comunque in questa assemblea potreste anche non confermare questo amministratore rimanendo tutti astenuti e/o non giungere nemmeno al 1/3 minimo per la riconferma, e richiedere l'assemblea come hanno già detto Josefat e Leonardo

Ho pensato anch'io all'ipotesi di forzare la delibera e deliberare in "varie ed eventuali" la non riconferma e nuova nomina ma temo possa essere impugnata poichè annullabile. L'amministratore è solito ogni anno a questa procedura, non chiede la conferma del mandato e si auto incarica in pratica.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ho pensato anch'io all'ipotesi di forzare la delibera e deliberare in "varie ed eventuali" la non riconferma e nuova nomina ma temo possa essere impugnata poichè annullabile. L'amministratore è solito ogni anno a questa procedura, non chiede la conferma del mandato e si auto incarica in pratica.
Ok, appunto anche io sono di quell'opinione una delibera annullabile è a rischio d'impugnazione, comunque se non lo riconfermate, rimane in proroga ma potete chiedere subito seduta stante un'assemblea straordinaria da effettuarsi in tempi brevi.

Comunque ricorda che per revocare l'amministratore è necessario nominare un successore, altrimenti quello revocato rimane in proroga

 

p.s. l'art 66 Dacc indicato da Josefat riguarda anche la richiesta dell'assemblea straordinaria da parte dei condomini

 

Dacc Art. 66.

L'assemblea, oltre che annualmente in via ordinaria per le deliberazioni indicate dall'articolo 1135 del codice, può essere convocata in via straordinaria dall'amministratore quando questi lo ritiene necessario o quando ne è fatta richiesta da almeno due condomini che rappresentino un sesto del valore dell'edificio. Decorsi inutilmente dieci giorni dalla richiesta, i detti condomini possono provvedere direttamente alla convocazione.

...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Non volevamo passare alla procedura della revoca perchè penso sia più delicata e la giusta causa se non è palese può essere impugnabile.

La mia domanda era se è possibile ed esigibile chiedere all'amministratore di riconvocare la riunione ordinaria annuale con specifico punto all' ODG come dovrebbe essere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Non volevamo passare alla procedura della revoca perchè penso sia più delicata e la giusta causa se non è palese può essere impugnabile.

La mia domanda era se è possibile ed esigibile chiedere all'amministratore di riconvocare la riunione ordinaria annuale con specifico punto all' ODG come dovrebbe essere.

Certo che è possibile, ti è stato indicato quale articolo usare, voi condomini potreste avvalervi dell'art. 66 Dacc (almeno 2 condomini rappresentanti almeno 1/6 del valore del condominio pari o superiore a 166.66p mlm) richiedendo all'amministratore in carica un'assemblea straordinaria (meglio con lettera RR) con all'OdG “nomina amm.re” e quant'altro desiderate deliberare, se lui non stabilisce una data per questa assemblea entro 10 gg (dalla ricezione) gli stessi richiedenti potranno convocarla con lo stesso OdG richiesto, inviando una lettera RR, o fax, o Pec, oppure lettera consegnata a mano a tutti i proprietari invitandoli all’assemblea che si terrà in data “gg.mm.aa.” comunicando anche la 2° convocazione che si terrà almeno un giorno dopo e non oltre 10 gg dalla prima, specificando anche luoghi e ore e OdG (lo stesso richiesto), la comunicazione deve giungere almeno 5 gg prima della 1° riunione. Cercate per tempo un bravo amministratore e assicuratevi di ottenere in assemblea la maggioranza del 2°c. Art. 1136. cc 1° e 2° convocazione - maggioranza delle teste dei partecipanti all'assemblea rappresentanti almeno la metà del valore dell'edificio (500 mlm)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Certo che è possibile, ti è stato indicato quale articolo usare, voi condomini potreste avvalervi dell'art. 66 Dacc (almeno 2 condomini rappresentanti almeno 1/6 del valore del condominio pari o superiore a 166.66p mlm) richiedendo all'amministratore in carica un'assemblea straordinaria (meglio con lettera RR) con all'OdG “nomina amm.re” e quant'altro desiderate deliberare, se lui non stabilisce una data per questa assemblea entro 10 gg (dalla ricezione) gli stessi richiedenti potranno convocarla con lo stesso OdG richiesto, inviando una lettera RR, o fax, o Pec, oppure lettera consegnata a mano a tutti i proprietari invitandoli all’assemblea che si terrà in data “gg.mm.aa.” comunicando anche la 2° convocazione che si terrà almeno un giorno dopo e non oltre 10 gg dalla prima, specificando anche luoghi e ore e OdG (lo stesso richiesto), la comunicazione deve giungere almeno 5 gg prima della 1° riunione. Cercate per tempo un bravo amministratore e assicuratevi di ottenere in assemblea la maggioranza del 2°c. Art. 1136. cc 1° e 2° convocazione - maggioranza delle teste dei partecipanti all'assemblea rappresentanti almeno la metà del valore dell'edificio (500 mlm)

Grazie mille. Nel frattempo l'assemblea ordinaria convocata dall'amministratore è consigliabile farla andare deserta o partecipare comunque?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Grazie mille. Nel frattempo l'assemblea ordinaria convocata dall'amministratore è consigliabile farla andare deserta o partecipare comunque?
Io ci andrei e non riconfermerei l'amministratore, e chiederei di scrivere a verbale d'accordo con i presenti, la richiesta di un'assemblea in tempi brevi per la nomina di un nuovo amministratore e così si risparmierebbe la raccomandata

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Io ci andrei e non riconfermerei l'amministratore, e chiederei di scrivere a verbale d'accordo con i presenti, la richiesta di un'assemblea in tempi brevi per la nomina di un nuovo amministratore e così si risparmierebbe la raccomandata

Ma in "varie ed eventuali"? Lo trovo rischioso...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ma in "varie ed eventuali"? Lo trovo rischioso...
Perchè rischioso? Le varie ed eventuali servono anche per quello;

 

La formula « varie ed eventuali » che nella prassi si usa inserire come ultimo argomento dell' ordine del giorno, inoltre, è di regola riservato a mere «comunicazioni» che in assemblea intende fare l'amministratore o qualche condomino su argomenti di ordinaria amministrazione e non prelude ad alcuna deliberazione la quale, al massimo, può essere rinviata ad seduta, previa idonea informazione del suo oggetto. (Tribunale di Napoli, 11 luglio 2002, n. 11201)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×