Vai al contenuto
almike73

Controllo su operato Amministratore

Buongiorno,

è emersa la necessità di verificare se l'operato dell'Amministratore sia negligente o meno, perchè alcuni fatti accaduti ultimamente lo fanno supporre.

In un condominio di 9 unità abitative, può il SINGOLO condòmino richiedere DIRETTAMENTE:

- ai fornitori di beni/servizi copie delle fatture emesse in passato al Condominio, anche se già inviate/contabilizzate dall'Amministratore;

- all'Istituto di Credito copia dell'estratto conto bancario intestato al Condominio relativo agli anni passati?

 

Se lo può fare (o meno), in forza di quale norma legistlativa?

 

Grazie

Provare a chiedere non costa nulla, per l'E/C ci sono pareri discordanti, c'è chi dice che non puoi e chi dice che puoi (con tanto di sentenze), prova anche li a chiedere.

Sarà molto difficile che i fornitori e la banca forniscano fatture C/C ed altro ad un condomino che non conoscono e che non ha nessun rapporto con loro.

Molto meglio chiedere all'amministratore, che sarà obbligato, ad esibire la visione dei giustificativi e C/C richiedendo se necessario copia a proprie spese.

Diciamo che non si vuole passare attraverso l'Amministratore...

Detto questo, se i fornitori forniscono la documentazione su semplice richiesta del singolo Condòmino, potrebbero trovarsi nelle condizioni di aver violato qualche norma (Privacy, ecc.)?

E se la richiesta fosse fatta con delega a uno dei Condòmini firmato dalla maggioranza degli stessi, i fornitori avrebbero ancora motivo di negarla?

Anche perchè, per quanto riguarda il c/c bancario, non è sufficiente il solo estratto conto, ma è necessario conoscere il saldo disponibile a certe date dell'anno; questo dato non può essere richiesto direttamente alla Banca.

Non c'è violazione della privacy se la banca ed i fornitori vi rilasciano le documentazioni, in fin dei conti siete voi condomini i proprietari, l'amministratore è solo il mandatario.

Per completezza d'informazione comunico che è stato deciso di operare come segue:

- per la richiesta di copie fatture direttamente al fornitore: delega a un condomino firmata dalla maggioranza dei condomini stessi;

- per la richiesta di copia di c/c, in conformità in quanto previsto dalle decisioni dell'Arbitro Bancario Finanziario nr. 814-2011 e 3259-2012, la richiesta alla Banca verrà effettuata dal singolo condomino.

quello che non capisco è perché vi complicate la vita... se andate in banca , malgrado le decisioni dell'ABF , troverete la maggioranza delle banche che vi opporranno un rifiuto, quindi dovreste fare ricorso all'Adusbef bancario per avere ragione... se scrivete ai fornitori , se io lo fossi, chiederei all'amministratore il motivo, quindi lo stesso lo verrebbe a sapere e, lo steso fornitore potrebbe non darvi copie fatture ....inoltre se i bilanci sono stati tutti approvati.... di cosa stiamo parlando ???

I condomini , si riuniscono in assemblea, costituita legalmente, e decidono in base all'art

1130-bis. Rendiconto condominiale

Il rendiconto condominiale contiene le voci di entrata e di uscita ed ogni altro dato inerente alla situazione

patrimoniale del condominio, ai fondi disponibili ed alle eventuali riserve, che devono essere espressi in

modo da consentire l'immediata verifica. Si compone di un registro di contabilità, di un riepilogo finanziario,

nonché di una nota sintetica esplicativa della gestione con l'indicazione anche dei rapporti in corso e delle

questioni pendenti. L'assemblea condominiale può, in qualsiasi momento o per più annualità specificamente

identificate, nominare un revisore che verifichi la contabilità del condominio. La deliberazione è assunta con

la maggioranza prevista per la nomina dell'amministratore e la relativa spesa è ripartita fra tutti i condomini

sulla base dei millesimi di proprietà.

 

poi sulle rispondenze del revisore, prendete le decisioni del caso, anche perché chi di voi è in grado di controllare il tutto ??

Buongiorno ,

 

Ormai sono alla ricerca disperata di informazioni per riuscire a capire come fare per mandare via il mio grande Amministratore ....

 

Secondo te posso presentarmi in assemblea con un amico avvocato ???

Grazie

Fabio

anche se avresti dovuto aprire un nuovo post , provo a risponderti , anche se l'amico avvocato potrebbe consigliarti meglio

1129 cc

(...)

La revoca dell'amministratore può essere deliberata in ogni tempo dall'assemblea, con la

maggioranza prevista per la sua nomina oppure con le modalità previste dal regolamento di

condominio. Può altresì essere disposta dall'autorità giudiziaria, su ricorso di ciascun condomino,

nel caso previsto dal quarto comma dell'articolo 1131, se non rende il conto della gestione, ovvero in

caso di gravi irregolarità. Nei casi in cui siano emerse gravi irregolarità fiscali o di non ottemperanza

a quanto disposto dal numero 3) del dodicesimo comma del presente articolo, i condomini, anche

singolarmente, possono chiedere la convocazione dell'assemblea per far cessare la violazione e

revocare il mandato all'amministratore. In caso di mancata revoca da parte dell'assemblea, ciascun

condomino può rivolgersi all'autorità giudiziaria; in caso di accoglimento della domanda, il

ricorrente, per le spese legali, ha titolo alla rivalsa nei confronti del condominio, che a sua volta può

rivalersi nei confronti dell'amministratore revocato.

Costituiscono, tra le altre, gravi irregolarità:

1) l'omessa convocazione dell'assemblea per l'approvazione del rendiconto condominiale, il ripetuto

rifiuto di convocare l'assemblea per la revoca e per la nomina del nuovo amministratore o negli altri

casi previsti dalla legge;

2) la mancata esecuzione di provvedimenti giudiziari e amministrativi, nonché di deliberazioni

dell'assemblea;

3) la mancata apertura ed utilizzazione del conto di cui al settimo comma;

4) la gestione secondo modalità che possono generare possibilità di confusione tra il patrimonio del

condominio e il patrimonio personale dell'amministratore o di altri condomini;

5) l'aver acconsentito, per un credito insoddisfatto, alla cancellazione delle formalità eseguite nei

registri immobiliari a tutela dei diritti del condominio;

6) qualora sia stata promossa azione giudiziaria per la riscossione delle somme dovute al

condominio, l'aver omesso di curare diligentemente l'azione e la conseguente esecuzione coattiva;

7) l'inottemperanza agli obblighi di cui all'articolo 1130, numeri 6), 7) e 9);

8) l'omessa, incompleta o inesatta comunicazione dei dati di cui al secondo comma del presente

articolo.

 

 

per la delega :

 

http://finanza.repubblica.it/Esperti/DettaglioArticolo.aspx?ID=27981&te=Casa

×