Vai al contenuto
Fau66

Contratto non registrato impossibilitato a far prendere residenza alla mia compagna come risolvere ?

adesso abito in un appartamento dove dal 2004 vivevo con mia mamma a cui era intestato il contratto di locazione ,l'anno scorso mia mamma è deceduta e quindi o chiesto al commercialista a cui si rivolgeva il proprietario di subentrare e di intestarmi un nuovo contratto ,lui lo ha trascritto ma poi non lo ha mai registrato dietro l'ordine del proprietario a causa di sanzioni arrivatogli dalla agenzia delle entrate e quindi sarebbero intenzionati a vendere e quindi io risulto senza contratto ma regolarmente in regola con il pagamento dell'affitto dell'immobile , adesso vivo insieme ad una compagna che ha interesse e esigenze di poterci prendere la residenza ma senza il contratto registrato non è possibile . Volevo sapere se qualcuno di voi è al corrente di problematiche dei contratti e visto che il propprietario non mi vuole fare il contratto posso far prendere la residenza alla mia compagna esibendo quello ancora a nome di mia madre risultando erede in quanto il contratto è stato fatto il 12-10-2011 e quindi non ancora scaduto ? se qualcuno mi puo dare dei consigli su come districare questa situazione ne sarei grato .

poterci prendere la residenza ma senza il contratto registrato non è possibile

Non è che non sia possibile prendere al Residenza, senza un Contratto Registrato.

 

E' imposibile prenderla se:

manca il contratto, E, il proprietario non firma una dichiarazione di conoscenza ed accettazione della cosa.

 

Quindi dovresti esaminare il discorso se sia obbligatorio, oppure no,

fare la voltura del contratto a tuo nome, in quanto Erede.

 

Non è ben chiaro dalla tua descrizione, difatti, se ad esempio, eri convivente assieme a tua madre dentro lo stresso appartamento, oppure no.

 

art. n. 6

“In caso di morte del conduttore,

gli succedono nel contratto il coniuge, gli eredi ed i parenti ed affini con lui abitualmente conviventi

 

esempio:

"L'abituale convivenza con il conduttore defunto va accertata alla data del decesso di costui, a nulla rilevando che gli aventi diritto alla successione nel contratto siano o meno rimasti nell'alloggio locato dopo la morte del dante causa, poiché la successione mortis causa nel contratto di locazione è fatto giuridico istantaneo che si realizza (o non si realizza) all'atto stesso della morte del conduttore, restando insensibile agli accadimenti successivi (Cass. 1/8/2000, n. 10034)"

certo ero convivente insieme a mia madre dal 2004 deceduta poi a gennaio 2014 ho richiesto il subentro a mio nome trascritto in data 20-6-2014 poi mai registrato quindi io non so come poter fare per regolarizzare la situazione

il subentro a mio nome trascritto in data 20-6-2014 poi mai registrato
Scusa, ma non si capisce bene cosa sia successo.

Nel tuo caso si tratterebbe di una "Cessione" del contratto, da un nominativo ad un altro nominativo.

Nele cessioni tra vivi si pagava con codice 110T una tassa fissa di euro 67,

nelle cessioni causa morte non si paga niente essendo gratuta.

Il contratto rimane quello originario,

in più si compila un modulo (m.69 o m.Rli) con i dati delle persone interessate, e si consegna allo sportello AdE.

 

Se ritieni, come sembra, di avere tutto il diritto a risultare tu il nuovo intestario del contratto,

dovresti farlo presente al proprietario. citando il testo dell'articolo di Legge indicato prima.

×