Vai al contenuto
Carola4490

CONTESTAZIONE ACQUA Condominiale

Buongiorno, ho recentemente ricevuto il bilancio consuntivo relativo al 2019. Ovviamente, data l'emergenza sanitaria, non è stata indetta alcuna assemblea. Vorrei contestare l'importo da corrispondere. In particolare, mi sono stati addebbitati 378 euro di acqua per l'anno 2019, con un consumo di 107mc, quando in realtà da mie rilevazioni risulta notevolemente inferiore. La comunicazione del bilancio è arrivata il 13/5, quindi ho 30 gg a partire da quella data per la contestazione, è corretto? Ho inviato una mail ed una pec all'unico indirizzo dello Studio, di posta ordinaria (non hanno una pec) senza aver risposta. La segretaria questa mattina mi ha detto che "sicuramente avrà inviato la documentazione da revisionare all'ufficio contabile".

Nel caso in cui non ricevessi risposta entro 30gg, cosa posso fare per tutelarmi? Loro dovranno contattare la Società che gestisce l'acqua nel nostro condominio? Nel frattempo devo pagare i bollettini ed attendere un risarciamento?

Carola4490 dice:

Buongiorno, ho recentemente ricevuto il bilancio consuntivo relativo al 2019. Ovviamente, data l'emergenza sanitaria, non è stata indetta alcuna assemblea. Vorrei contestare l'importo da corrispondere. In particolare, mi sono stati addebbitati 378 euro di acqua per l'anno 2019, con un consumo di 107mc, quando in realtà da mie rilevazioni risulta notevolemente inferiore. La comunicazione del bilancio è arrivata il 13/5, quindi ho 30 gg a partire da quella data per la contestazione, è corretto? Ho inviato una mail ed una pec all'unico indirizzo dello Studio, di posta ordinaria (non hanno una pec) senza aver risposta. La segretaria questa mattina mi ha detto che "sicuramente avrà inviato la documentazione da revisionare all'ufficio contabile".

Nel caso in cui non ricevessi risposta entro 30gg, cosa posso fare per tutelarmi? Loro dovranno contattare la Società che gestisce l'acqua nel nostro condominio? Nel frattempo devo pagare i bollettini ed attendere un risarciamento?

Se pubblichi la ripartizione effettuata dal soggetto terzo potrei rifare il calcolo. 

Per privacy devi oscurare i nomi dei condòmini. 

  • Grazie 1
Carola4490 dice:

Buongiorno, ho recentemente ricevuto il bilancio consuntivo relativo al 2019. Ovviamente, data l'emergenza sanitaria, non è stata indetta alcuna assemblea. Vorrei contestare l'importo da corrispondere.

Il fatto che ti sia stato inviato il bilancio consuntivo non significa che sia stato approvato e quindi per il momento devi intenderlo solo come bilancio "conoscitivo".

L'approvazione può avvenire solo in assemblea e solo dopo l'eventuale approvazione in assemblea cominciano a decorrere i i 30 giorni di ANNULLABILITA' indicati nell'articolo 1137 del codice civile.

Fino a che non ci sarà l'approvazione assembleare puoi anche non pagare ed attendere che facciano la revisione contabile oppure, puoi versare un acconto volontario, pari a quanto più o meno ammonta il consumo secondo i tuoi calcoli, riservandoti di conguagliare non appena avrai ricevuto chiarimenti.

Verifica che non ti stiano addebitati anche consumi condominiali, ad esempio acqua per pulizie e /o giradini che potrebbero far aumentare la tua quota.

 

Articolo 1137 c.c.

Le deliberazioni prese dall’assemblea a norma degli articoli precedenti sono obbligatorie per tutti i condomini.

Contro le deliberazioni contrarie alla legge o al regolamento di condominio ogni condomino assente, dissenziente o astenuto può adire l’autorità giudiziaria chiedendone l’annullamento nel termine perentorio di trenta giorni, che decorre dalla data della deliberazione per i dissenzienti o astenuti e dalla data di comunicazione della deliberazione per gli assenti.

  • Grazie 1

Buongiorno, ho agito come mi ha consigliato lei. Andando a fondo, è emerso che la società che rileva i consumi ha commesso un errore di lettura del contatore, addebitandomi ben 1000mc in più! (inizia a comparire un uno nelle migliaia, ma è chiaro che sono ancora lontana dal farlo scattare..). 

Detto questo, ho chiesto un ricalcolo da entrambe le parti, condominio e società che opera la lettura dei contatori, anche in virtù del fatto che dovrò affittare il mio appartamento e trasferirmi a 600km per lavoro. La risposta è stata "lo verificheremo al prossimo consuntivo.", quindi nel frattempo, secondo l'amministratore, devo saldare i 900€. Posso rifiutarmi di pagare? 

Ad ogni modo, considerando anche la non curanza, la mancanza di professionalità e di rispetto, credo che procederò per vie legali. Si rifiutano anche di contattarmi telefonicamente, ho scambi di mail con la segreteria, che si rivolge a me dicendo "che deve parlare con chi di dovere". Mi sembra tutto così assurdo! 

Carola4490 dice:

. La risposta è stata "lo verificheremo al prossimo consuntivo.", quindi nel frattempo, secondo l'amministratore, devo saldare i 900€. Posso rifiutarmi di pagare? 

Troppo comoda la risposta.

Ti ha inviato un prospetto di consuntivo da approvate ma a causa del COVID l'assemblea non si è ancora tenuta ed il consuntivo non è stato ancora approvato.

Ci sono proprio tutte le condizioni favorevoli per rettificare la "bozza" di consuntivo e presentare il consuntivo giusto alla prossima assemblea.

O forse l'amministratore intende far saltare l'approvazione del consuntivo per quest'anno ed approvare le due annualità il prossimo anno?

VIsto che lui verificherà al prossimo consuntivo tu rispondigli che pagherai (o impugnerai) dopo l'approvazione del prossimo consuntivo.

Non ci sono parole per definire il comportamento di questo amministratore che non vuole correggere la contabilità nemmeno davanti all'evidenza.

Con i software in dotazione è sufficente variare i numeri ed il consuntivo  esatto per tutti si può stampare in due minuti. Secondo me l'amministratore oltre a non avere volontà è anche in cattiva fede. Non si possono chiedere 900 euro non dovuti per rimborsarteli, eventualmente, dopo un anno.

  • Grazie 1
×