Vai al contenuto
maxxone

Contatori dell'acqua a riparto

Abbiamo una situazione particolarmente intricata. Ci sono due condominii con un unico contatore di fornitura dell'acqua potabile. il regolamento di condominio del condominio n.1 prevede la "possibilità d'imporre da parte dell'amministratore" l'installazione dei contatori individuali ai singoli condomini con una "maggiorazione di spesa del 10%". Il regolamento di condominio del condominio n.2 non prevede nulla in merito al riparto dell'acqua.

Ora, qualche anno fa alcuni condomini hanno chiesto d'installare il contatore, l'assemblea ha deliberato di si in base ad un'interpretazione estensiva del regolamento 1 ma solo per i condomini che ne facciano richiesta. Gli altri continuano a pagare a persona.(sigh!).

Nel corso degli ultimi due anni, un condomino che ha installato il contatore individuale, pur essendo 3 in famiglia, mostra consumi irrisori.

Il problema è che questo contatore non è stato murato ed gli altri condomini pensano che imbrogli montando e smontando il contatore che è "a vista".

Conosco le Leggi che impongono l'installazione dei contatori (Legge 36-94 e DM 1-8-96) tuttavia credo che in assenza di delibera solo il ricorso al giudice di un condomino possa "imporre" il criterio di riparto a contatore.

Ma anche in quel caso, c'è una norma o una sentenza che specifichi quali debbano essere le caratteristiche di questi contatori?

Che "obblighi" cioè a porre in opera un contatore che non possa essere nè smontato nè manomesso?

Grazie per ogni genere di aiuto.

A prescindere dal vostro regolamento, quando si installano dei sottocontatori a scalare quantomeno dovrebbero essere sigillati e piombati, così che si potrebbero verificare eventuali manomissioni.

Hai perfettamente ragione Tullio. Purtroppo non ho trovato nelle leggi che ho sopra citato nulla che disponga questo vincolo della "sigillatura". Il condomino si rifiuta di piombarli e sigillarli e non ho trovato un articolo o una sentenza che lo imponga

Hai perfettamente ragione Tullio. Purtroppo non ho trovato nelle leggi che ho sopra citato nulla che disponga questo vincolo della "sigillatura". Il condomino si rifiuta di piombarli e sigillarli e non ho trovato un articolo o una sentenza che lo imponga

DECRETO 30 ottobre 2013, n. 155 Ministero dello Sviluppo Economico.

Il decreto impone la verifica periodica dei contatori (come peraltro accade già nella maggior parte degli altri Paesi).

In questo decreto si parla anche di sigilli.

Ma vale anche per i ripartitori installati all'interno dei songoli appartementi o solo per i contatori "dell'acquedotto"?

Ma vale anche per i ripartitori installati all'interno dei songoli appartementi o solo per i contatori "dell'acquedotto"?

Dal Decreto 155: Articolo 2

d) «contatore dell'acqua», strumento inteso a misurare, memorizzare

e visualizzare, in condizioni di conteggio, il volume d'acqua pulita,

fredda o riscaldata, ad uso residenziale, commerciale e di industria

leggera, che passa attraverso il trasduttore di misurazione;

 

L'allegato MI-001 al decreto legislativo 22 del 2007 fornisce maggiori dettagli. Reperibile qui:

http://www.camera.it/parlam/leggi/deleghe/07022dl.htm

×