Vai al contenuto
pensionatoalminimo

Contatore difettoso e riparto alto, come contestare l'eccessiva spesa?

buonasera a tutti.

In un palazzo un condomino si è visto ricevere un riparto spesa a suo carico molto più alto del solito e ha scoperto che ciò era dovuto al contatore difettoso del combustibile per il riscaldamento dell'impianto (che mi pare sia centralizzato)

Ora chiaramente lui non vorrebbe pagare tale somma, perchè non corrisponde al suo effettivo consumo, ma come può fare?

 

Ha ragione lui o il condominio che gli chiede il pagamento?

Ma il condomino è tenuto a controllare sempre il contatore per prevenire eventuali perdite e conseguenti consumi eccessivi?

 

ringrazio.

Il condominio (nella persona dell'amministratore) prende le letture dei singoli contatori e ripartisce la spesa, non può sapere se quel contatore sta segnando di più rispetto al solito consumo, piuttosto questo lo può sapere il condomino che normalmente utilizza l'impianto e sa quanto consuma... pertanto lo stesso è tenuto a controllarsi, di tanto in tanto, il SUO contatore e di riferire immediatamente all'amministratore qualora riscontrasse mal funzionamenti e/o incongruenze

ciao e grazie ad entrambi.

Mi sono informato meglio sul tipo di contatore: nel palazzo la spesa è ripartita per il 60% in quota fissa e per il restante 40% a consumo individuale, contabilizzato tramite un "contaore" per ogni appartamento, che sono situati in un locale comune, accessibile a tutti.

Il consumo rilevato è enorme rispetto agli anni passati, sarà almeno 10 volte maggiore, ciò testimonia che c'è una perdita.

Ora: il punto è capire chi ha ragione: se l'assemblea, che ha comunque approvato il consuntivo, oppure il condomino, che l'ha contestato.

Il problema non è la ripartizione della spesa e quindi l'approvazione del bilancio............se c'è perdita comunque è acqua che dovete pagare.

Bisogna capire dov'è il problema.

il problema l'ho detto nel primo messaggio, è il contatore rivelatosi difettoso, dunque lui contesta il consumo addebitatogli nel consuntivo di fine anno e approvato in assemblea, perchè non ha consumato tutto quel combustibile ma è il contatore che ha segnato molto più del dovuto.

 

Dunque la domanda è sempre la stessa: in caso di contatore rotto che ha segnato un consumo errato e maggiore, il condomino deve comunque pagare o no?

ciao. Sta giusto valutando se impugnare la delibera, nella cui assemblea non era presente. Il punto è proprio capire se ha possibilità di vittoria o meno in un eventuale causa, ma ho dei dubbi.

non è che state facendo un po' di casino ?

si sta parlando di riscaldamento, immagino, perchè i contaORE si usavano una volta per tentare di ripartire le spese in base al consumo (oggi si usano i più precisi contaCALORIE, come già ampiamente riportato su questo forum). Che c'entra allora il discorso "perdita" ? Se si parlasse di acqua e di contaLITRI allora ok, ma se si parla di riscaldamento vuol dire che avete una tubazione rotta ma ve ne sareste accorti (avete controllato se avete avuto in centrale termica un corrispondente consumo nel sistema di riempimento automatico ? Avete il riempimento automatico ? Se no la caldaia sarebbe andata sistematicamente in blocco ....)

 

ciao

×