Vai al contenuto
mario.rossi

Contabilizzazione del calore e maggioranze assembleari

Sottopongo ai più esperti il problema che stiamo avendo nel nostro condominio in materia di adeguamento alla legge sulla contabilizzazione del calore.

Sostanzialmente ci stiamo spaccando tra coloro che sostengono che l'obbligo di legge riguarda solo l'installazione delle termovalvole e dei ripartitori, con la conseguenza che tutti gli altri interventi che dovremo effettuare (es. installazione di pompe, impianto di trattamento dell'acqua, sostituzione della caldaia, ecc) sarebbero da considerarsi delle innovazioni che andrebbero specificatamente approvate con la maggioranza dei 2/3, mentre altri condomini sostengono che tutti questi ulteriori interventi, in quanto comunque connessi alla legge sulla contabilizzazione e volti a rendere più efficiente l'impianto di riscaldamento, sarebbero assoggettati alla maggioranza semplice (50%+1).

Chi ha ragione secondo voi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Sottopongo ai più esperti il problema che stiamo avendo nel nostro condominio in materia di adeguamento alla legge sulla contabilizzazione del calore.

Sostanzialmente ci stiamo spaccando tra coloro che sostengono che l'obbligo di legge riguarda solo l'installazione delle termovalvole e dei ripartitori, con la conseguenza che tutti gli altri interventi che dovremo effettuare (es. installazione di pompe, impianto di trattamento dell'acqua, sostituzione della caldaia, ecc) sarebbero da considerarsi delle innovazioni che andrebbero specificatamente approvate con la maggioranza dei 2/3, mentre altri condomini sostengono che tutti questi ulteriori interventi, in quanto comunque connessi alla legge sulla contabilizzazione e volti a rendere più efficiente l'impianto di riscaldamento, sarebbero assoggettati alla maggioranza semplice (50%+1).

Chi ha ragione secondo voi?

I lavori che hai elencato vengono approvati con il quorum previsto dal 2°c. dell'art. 1136 cc, cioè la maggioranza delle teste presenti in assemblea rappresentanti almeno la metà del valore dello stabile (500 mlm), lo afferma l'art 1120 cc;

 

- I condomini, con la maggioranza indicata dal secondo comma dell'articolo 1136, possono disporre le innovazioni che, nel rispetto della normativa di settore, hanno ad oggetto:

...

2) le opere e gli interventi previsti ... per il contenimento del consumo energetico degli edifici ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ma se all'assemblea indetta per deliberare le scelte inerenti i contabilizzatori molti condomini hanno disertato la riunione in modo di non far raggiungere il quorum necessario e visto che c'è l'obbligo di l'installazione entro il 31.12.2016, può delibare con il terzo dei millesimi presenti?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ma se all'assemblea indetta per deliberare le scelte inerenti i contabilizzatori molti condomini hanno disertato la riunione in modo di non far raggiungere il quorum necessario e visto che c'è l'obbligo di l'installazione entro il 31.12.2016, può delibare con il terzo dei millesimi presenti?
Deliberando con un quorum inferiore a quello previsto la delibera è annullabile e si corre il rischio di impugnazione da parte dei contrari, astenuti ed assenti, ma se trascorrono 30 giorni dall'assemblea per i contrari e astenuti presenti all'assemblea e 30 giorni per gli assenti da quando sono stati messi al corrente della delibera e nessuno impugna, la delibera diviene valida, così che tutti dovranno pagare la quota parte.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ma se all'assemblea indetta per deliberare le scelte inerenti i contabilizzatori molti condomini hanno disertato la riunione in modo di non far raggiungere il quorum necessario e visto che c'è l'obbligo di l'installazione entro il 31.12.2016, può delibare con il terzo dei millesimi presenti?

E perché non vogliono far raggiungere il quorum? Preferiscono pagare la multa?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×