Vai al contenuto
DLF

Condomino che non vuole pagare i lavori - un caso

Buongiorno,

mi hanno dato un condominio dove al passaggio delle consegne il vecchio amministratore mi ha indicato precisamente il metodo di consegna convocazioni, avvisi di pagamento ecc. che adoperava in accordo con i condomini del palazzo.

Io logicamente l'ho seguito in quanto tutti i condomini erano d'accordo.

Per il caso che andrò a descrivere il proprietario interessato, abitando fuori Roma, voleva che tutta la sua posta venisse inserita nella cassetta postale di un altro condomino, facente parte il condominio, e che poi incontrandosi con lo stesso avrebbe ricevuto il tutto.

Cosa succede? Il condominio, in assemblea, ha deliberato su dei lavori di rifacimento di un terrazzo ad uso esclusivo dove il condomino che abita fuori Roma era assente. Chiedendo al condomino che abitualmente gli consegnava la posta se effettivamente l'avesse consegnata al diretto interessato, la sua risposta è stata "certo!!! Lui l'ha ricevuta per mia mano".

A questo punto tutti i condomini hanno pagato le quote per i lavori mentre il condomino fuori Roma no.

Ha dato delega ad un avvocato di fare da suo rappresentante e questo mi ha inviato la procura che attestava il tutto.

L'avvocato mi ha chiesto tutti i documenti, i calcoli per la ripartizione dell'importo per il rifacimento del terrazzo insomma tutti i dati che riguardano la suddivisione delle quote della spesa.

Oramai sono giorni che gli ho consegnato tutti i dati richiesti ma l'avvocato ancora non mi ha dato notizie sull'intenzione del condomino rappresentato.

Volevo sapere se il condomino che al momento non vuole pagare si può difendere dicendo che lui non ha ricevuto la convocazione all'assemblea, quindi era all'oscuro di tutto.

Però dalla parte del condominio c'è un testimone che può confermare la consegna della convocazione in quanto è stato fatto di sua mano.

Come dovrei comportarmi e a cosa dovrei fare secondo voi?

Grazie

A mio avviso, c'è stata una certa leggerezza nel fidarti. L'amministratore deve avere la certezza che tutti i condomini ricevano la documentazione specialmente per le convocazioni. A questo punto, si deve scoprire cosa ha intenzione di fare il condomino.. se cioè contestare la mancata convocazione o meno. In questo secondo caso, se si va a contenzioso devi avere la certezza di poter dimostrare la consegna con la testimonianza dell'altro condomino.

Contatta l'avvocato, vedi cosa dice e possibilmente il condomino.

Se non disponi di una delega scritta del suddetto condomino che autorizza il suo vicino a ritirare le tue comunicazioni, a mio avviso, la risposta è sì. In quanto saresti stato obbligato sia per la convocazione che per quanto riguarda la copia della delibera assembleare di inviargliela per raccomandata c/o l'indirizzo di residenza del medesimo in modo da attenerti a quanto disposto dalla legge ( famosi trenta giorni per eventuali impugnazioni ) a tutela del condominio e dei condomini.

Ok! Sentirò l'avvocato.

Comunque nel caso dovesse impugnarla e vincere lui avrebbe la possibilità di non pagare giusto?

In quel caso cosa dovrei fare? Riconvocare un'assemblea e deliberare nuovamente i lavori così che ho la possibilità di far pagare il condomino moroso?

Grazie

Dovresti verificare la data in cui ha avuto conoscenza della delibera. Da quel momento scattano i 30 giorni per la richiesta di annullamento.

Sono d'accordo.

Ma nel caso riuscisse a impugnarla?

Lui la impugna, non paga, a quel punto cosa dovrei fare? Convocare nuovamente un'assemblea con il punto dell'ordine del giorno che è stato impugnato e rifare l'assemblea per approvare nuovamente l'ex spesa così da poter richiedere il pagamento della quota parte al condomino che ha impugnato?

Scusate per le troppe domande ma è la prima volta che mi trovo in questa situazione.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Comunque passati i 30 giorni non può più essere impugnata e il condomino dovrà pagare giusto?

Scusami Giovanni ma non riesco a capire cosa intendi con la tua risposta

Avevo postato il link nel quale c'era un'indicazione riguardo le tue ultime domande...

Comunque, il mio consiglio è quello che riconvocare l'assemblea, fare ratificare la spesa e procedere con la richiesta delle quote.

P.s.

Sono andato a vedere il link sulle impugnazioni delle delibere assembleari. Grazie Giovanni

×