Vai al contenuto
Marco878

Condominio con soldi accantonati e stato patrimoniale corretto

Buongiorno a tutti,

ho acquisito da poco un nuovo condominio, l'amministratore precedente mi ha passato tutta la documentazione necessaria tuttavia insiste sul passarmi documentazione cartacea prodotta dal software che lui utilizza (e di cui non vuole rivelarmi il nome ma credo sia un programmino ad hoc di cui si vergogna a dirmi).

Tale amministratore è tenuto a passarmi gli archivi (almeno le anagrafiche dei condòmini) che potrei chiedere poi alla inve di passarmi in ripartoig? intendo ovviamente gli archivi digitali non le stampe stile excel che ho ora e che devo copiare a mano.

Ad ogni modo per ora ho una mole di carta da inserire nel gestionale a mano ed in particolare ho notato che ha dei soldi accantonati, ora come dovrei farli figurare per fare risultare uno stato patrimoniale corretto?

 

Grazie

Carissimo, L'amministratore uscente non è tenuto a passarti nessun documento in forma digitale. Una contabilità redatta dal suo software che utilizza non crea un problema. Se non ti soddisfa o ti consegna contabilità incompleta nel senso che dal cartaceo non si evince una situazione chiara dello stato di cassa del condominio puoi chiedere un reintegro spiegando le carenze. Per quanto riguarda l'ultima parte ove esponi un quesito abbastanza tecnico, se non hai le idee chiare come si redige una contabilità e nello specifico una situazione patrimoniale ove si mettono in evidenza cassa, crediti, dabiti ed eventuali fondi di riserva (cassa) accantonati, non so cosa consigliati se la contabilità non è, diciamo, il tuo forte.

Carissimo, L'amministratore uscente non è tenuto a passarti nessun documento in forma digitale. Una contabilità redatta dal suo software che utilizza non crea un problema. Se non ti soddisfa o ti consegna contabilità incompleta nel senso che dal cartaceo non si evince una situazione chiara dello stato di cassa del condominio puoi chiedere un reintegro spiegando le carenze. Per quanto riguarda l'ultima parte ove esponi un quesito abbastanza tecnico, se non hai le idee chiare come si redige una contabilità e nello specifico una situazione patrimoniale ove si mettono in evidenza cassa, crediti, dabiti ed eventuali fondi di riserva (cassa) accantonati, non so cosa consigliati se la contabilità non è, diciamo, il tuo forte.

Penso che la verità stia nel mezzo.

Un amministratore uscente che si definisca tale deve saper redigere una situazione patrimoniale aggiornata al momento del passaggio consegne ma deve altresì fornire tutti i dati contabili necessari (meglio uno schema)per avere ogni dato sotto controllo,fondi compresi.

Un amministratore entrante che si definisca tale deve saper acquisire ed elaborare tali dati,ma non solo,deve altresì saper controllare che tutto quadri a dovere.

A me pare che Marco878 abbia ereditato una confusione di dati buttati lì per caso e che stia cercando il bandolo della matassa ponendosi delle ragionevoli domande.9 a 10 che saldo banca e fondi abbiano fatto nascere dei dubbi,legittimi.

Speravo velatamente l'amministratore fosse tenuto a passarmi degli archivi in forma digitale assieme alle stampe così da poter rendere più rapida l'importazione senza occupare la segretaria per giorni a trascrivere.

Dalle stampe si evinceva il grosso ma alcuni punti restavano oscuri, fortunatamente con un paio di chiamate si sono chiariti e l'amministratore uscente è stato disponibile in questo senso (mi chiedo cosa sarebbe successo se non fosse stato così).

Per quanto riguarda l'accantonamento ho fatto così: ho creato un conto effettivo cliccando sul pallino “accantonamento” e dal modulo Conto / Conti patrimoniale ho inserito il valore nel campo saldo iniziale.

L'inserimento del fondo accantonato nel software in uso dipende da come riesce a gestirlo.

×