Vai al contenuto
gannibig

Condomini Morosi - e' possibile ?

Buonasera e chiedo scusa per il disturbo. Volevo solo una delucidazione di carattere tecnico. Vivo in un condominio di 15 appartamenti e sono proprietario di quello in cui abito, lo scorso anno abbiamo fatto dei lavori di ristrutturazione al palazzo e alla facciata tutta. Ad oggi ancora 4 condomini sono morosi, 2 per metà dell'importo ripartito e 2 per tutto l'importo dovuto. Nell'ultima assemblea di condominio è stato stabilito un termine temporale ultimo per il saldo delle somme , trascorso detto termine l'amministratore è autorizzato ad avviare le procedure per l'emissione dei vari decreti ingiuntivi a rispettivi condomini morosi, per il recupero delle somme.

Uno dei condomini che ha pagato metà importo, asserisce che sul proprio conto non possono essere fatti gli atti in quanto sta versando mensilmente una somma, anche se irrisoria ma sta versando quando 50, quando 30, quando 70 euro , e questo insiste col dire che la legge prescrive che in presenza di una situazione come la sua che sta continuando a versare, questo farebbe decadere l'azione atta al recupero.

E' possibile ? Voi sapete se effettivamente la legge in presenza di una situazione di versamenti continui anche se irrisori permette di non agire legalmente ? Esistono dei riferimenti normativi specifici e dettagliati in merito ?

Vi ringrazio a tutti e vi auguro una buona giornata.

giannibig

Non è così. Il debitore non può decidere autonomamente la frequenza dei pagamenti. L'azione è comunque esperibile per il credito residuo e non vi sono ragioni per non iniziarla (salvo convenienze di carattere pratico).

... Uno dei condomini che ha pagato metà importo, asserisce che sul proprio conto non possono essere fatti gli atti in quanto sta versando mensilmente una somma, anche se irrisoria ma sta versando quando 50, quando 30, quando 70 euro , e questo insiste col dire che la legge prescrive che in presenza di una situazione come la sua che sta continuando a versare, questo farebbe decadere l'azione atta al recupero.

Voi rispondete che secondo voi gli atti possono essere fatti per cui farete eseguire la delibera.

Se ha ragione lui ed il Giudice addebiterà i costi al condominio significa che era giusto quanto da lui asserito.

Se il c/c del moroso sarà pignorato e sarà condannato al pagamento delle spese legali significa che aveva torto.

 

Non capisco questi condòmini che si inventano le Leggi.

Avrebbe fatto più bella figura a spiegare all'assemblea le sue difficoltà ed a "chiedere" una dilazione proponendo un piano di rientro.

Art. 63 disp att c.c. comma I Per la riscossione dei contributi in base allo stato di ripartizione approvato dall'assemblea, l'amministratore, senza bisogno di autorizzazione di questa, puo' ottenere un decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo, nonostante opposizione, ed e' tenuto a comunicare ai creditori non ancora soddisfatti che lo interpellino i dati dei condomini morosi.

 

Art. 1129 c.c. comma IX Salvo che sia stato espressamente dispensato dall'assemblea, l'amministratore è tenuto ad agire per la riscossione forzosa delle somme dovute dagli obbligati entro sei mesi dalla chiusura dell'esercizio nel quale il credito esigibile è compreso, anche ai sensi dell'articolo 63, primo comma, delle disposizioni per l'attuazione del presente codice.

 

Questo è quanto previsto dalla legge ma al di là di quanto prevede la normativa, come diceva giustamente Gallucci bisogna valutare anche le "convenienze di carattere pratico"..............ti assicuro che su 100 decreti ingiuntivo ai tempi di oggi il credito viene soddisfatto il 20% delle volte se ti va bene.

..............ti assicuro che su 100 decreti ingiuntivo ai tempi di oggi il credito viene soddisfatto il 20% delle volte se ti va bene.

Concordo con te che se non c'è nulla su cui attaccarsi è una fatica procedere con il pignoramento immobiliare ma un condòmino che:

"...sta versando quando 50, quando 30, quando 70 euro , e questo insiste col dire che la legge prescrive che in presenza di una situazione come la sua che sta continuando a versare, questo farebbe decadere l'azione atta al recupero.."

non ti fa pensare ad una morosità per convenienza (a scapito di chi stenta ad arrivare a fine mese) anzichè una necessità?

Chissà se fa parte di quei morosi che girano col SUV e vanno al ristorante ogni week end 😉

vi è inoltre una nuova procedura con il nuovo D.L. n. 132/2014 (convertito in Legge 10.11.2014, n. 162)

 

sul pignoramento di beni mobili e conti correnti con ricerca telematica su mandato del giudice:

particolare rilievo assume quella di cui all’art. 492 bis c.p.c., disposizione che istituisce la "Ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare, strumento che potrebbe rivelarsi particolarmente utile per soddisfare le pretese, spesso deluse, dei creditori.

Dall’11 dicembre 2014 - data di entrata in vigore della nuova norma - il creditore che intende procedere ad esecuzione forzata, può proporre istanza al presidente del tribunale nella cui circoscrizione il debitore ha la propria residenza, domicilio, dimora o sede, affinché autorizzi l’ufficiale giudiziario alla ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare.

Fonte: La procedura per la ricerca telematica dei beni del debitore da pignorare: i nuovi “super poteri” dell’ufficiale giudiziario. Profili sistematici.

(**********************)

inoltre, forse, a torto, il condomino moroso si riferisce al 624 bis cpc ...

vi è inoltre una nuova procedura con il nuovo D.L. n. 132/2014 (convertito in Legge 10.11.2014, n. 162)

 

sul pignoramento di beni mobili e conti correnti con ricerca telematica su mandato del giudice:

particolare rilievo assume quella di cui all’art. 492 bis c.p.c., disposizione che istituisce la "Ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare, strumento che potrebbe rivelarsi particolarmente utile per soddisfare le pretese, spesso deluse, dei creditori.

Dall’11 dicembre 2014 - data di entrata in vigore della nuova norma - il creditore che intende procedere ad esecuzione forzata, può proporre istanza al presidente del tribunale nella cui circoscrizione il debitore ha la propria residenza, domicilio, dimora o sede, affinché autorizzi l’ufficiale giudiziario alla ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare.

Fonte: La procedura per la ricerca telematica dei beni del debitore da pignorare: i nuovi “super poteri” dell’ufficiale giudiziario. Profili sistematici.

inoltre, forse, a torto, il condomino moroso si riferisce al 624 bis cpc ...

... ma tra i beni pignorabili rientrano anche quelli immobili, tipo Garage, Box, Appartamento?

Grazie.

... ma tra i beni pignorabili rientrano anche quelli immobili, tipo Garage, Box, Appartamento?

Grazie.

Sì certo, l'immobile non deve necessariamente essere nel contesto del Condominio promotore.........

×