Vai al contenuto
pasquale69

Compiti e responsabilità di un amministratore di condominio

Buonasera,

 

mi piacerebbe conoscere quali siano tutti i compiti e le responsabilità di un amministratore ed i casi nei quali questi sia in qualche modo "punibile" secondo la giurisprudenza.

A mio avviso, un buon amministratore si deve comportare come un vero professionista e non ridursi soltanto ad incassare le rate condominiali, a tenere la contabilità, a presentare il 770, ad indire di tanto in tanto le assemblee. E' vero che a volte i condomini disertano le convocazioni, ma è altrettanto vero che un buon amministratore con il passar del tempo dovrebbe trovare le soluzioni per invitare i condomini alle assemblee.

Per mia esperienza, ho notato inerzia, una sorta di status quo: ogni volta che si verifica un problema che possa riguardare beni o parti comuni da parte mia dò comunicazione all'amministratore, ma non una volta, ma 2, 3, 4, n volte senza avvertire dall'altra parte la necessaria sensibilità al problema.

Io non vedo la figura dell'amministratore come un mero ragioniere, oppure come un mestierante improvvisato, oppure come una sorta di "padre confessore" allo stesso noncurante dei problemi posti dai condomini, ma un professionista a tutto tondo, proattivo, in grado di trovare una soluzione a tutte le questioni condominiali. Dov'è finito l'amministratore di una volta ... eletto tra i condomini?

Grazie

Se vuoi sapere TUTTI i compiti e responsabilità, l'elenco è infinito...

Ci vorrebbe... forse una settimana per rispondere...

Per il resto sei molto generico: sicuramente non è compito dell'amministratore trovare le soluzioni per invitare i condomini alle assemblee.

Per quanto riguarda infine l'amministratore di una volta... potreste nominare un condomino.

Perchè non ti proponi?

Se vuoi sapere TUTTI i compiti e responsabilità, l'elenco è infinito...

Ci vorrebbe... forse una settimana per rispondere...

Per il resto sei molto generico: sicuramente non è compito dell'amministratore trovare le soluzioni per invitare i condomini alle assemblee.

Per quanto riguarda infine l'amministratore di una volta... potreste nominare un condomino.

Perchè non ti proponi?

Ecco la ... non risposta di un ... amministratore di condominio ...

L'elenco sarà pure infinito ma qualcosa la si può sempre citare.

Diciamo che l'amministratore "moderno" difficilmente lavora da solo: ha generalmente un suo studio ed un suo staff,

magari una segretaria per tenergli l'agenda ed una contabile per le varie registrazioni e gli adempimenti fiscali e di bilancio.

Certamente mantenere correttamente la contabilità di condominio è una delle responsabilità di un amministratore,

ma forse è tra quelle "distanti" dai problemi che i condomini di volta in volta possono segnalare (portone rotto,

malfunzionamento dell'ascensore, scarsa pulizia delle scale, terrazzi malconci, ecc.). Poi vi sono adempimenti

in merito alla sicurezza dello stabile (ad es., prevedere estintori). La differenza tra chi improvvisa e chi cerca

di essere professionale è a mio avviso quella di prendere atto dei problemi condominiali, facili o difficili che siano,

e di agire attivamente e prontamente per giungere ad una soluzione.

Detto ciò in quali casi un amministratore può essere perseguibile secondo la giurisprudenza?

 

Per quanto riguarda una mia possibile candidatura come amministratore ... direi che ho già un lavoro impegnativo

con annesse responsabilità al quale non aggiungerei un altro impegno dal modesto compenso ...

×