Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
frencesco54140

Compiti e limiti amministratore condominiale

Buongiorno a tutti, vi descrivo la situazione assurda del mio condominio e del mio amministratore e spero che mi arrivino risposte tecniche e legali a riguardo. Il mio amministratore di condominio non prende nessuna decisione in merito a piccole riparazioni edili e a piccole spese estetiche a meno che non si tratti di urgenze. Delega tutto alle decisioni dell'assemblea condominiale per non avere rogne. Ho dovuto quindi far mettere all'ordine del giorno dell'assemblea condominiale la sostituzione di uno zerbino rotto all'ingresso, la sua sostituzione di angolari in legno del perlinato dell'atrio , la sostituzione di alcuni zoccolini dell'atrio rotti e ammalorati e la riparazione di alcuni muri rotti delle scale. L'assemblea condominiale ha deliberato, senza preventivi di spesa, alla riparazione di questi lavori. A parte lo zerbino che è stato sostituito, gli altri lavori non procedono,nonostante io abbia presentato due preventivi all'amministratore per i lavori da fare. La spesa per la riparazione degli zoccolini ammonta a 900 euro e la riparazione dei muri rotti 1150 euro. Dopo aver mandato i preventivi l'amministratore tace. Ho il timore che non voglia prendere decisioni in merito e che voglia riportare la decisione della spesa alla prossima riunione condominiale del 2018. Può l'amministratore rimandare tutto alla prossima assemblea condominiale? Non basta che sul verbale dell'ultima assemblea ci sia scritto di procedere con i lavori e che successivamente siano arrivati i preventivi? Può legalmente procedere coi lavori senza che gli sia contestata la scelta di queste spese dai condomini? Il mio condominio purtroppo è sempre più fatiscente con questo modo di fare. Qualcuno bravo in legge e a conoscenza delle regole del condominio può aiutarmi? Grazie!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Posso capire la prudenza prima dell'assemblea.

E' strano che nonostante abbia avuto via libera dall'assemblea non si dia da fare o forse in cassa non ci sia nemmeno un'€.

Se era senza soldi,doveva dirlo in assemblea per poter emanare una rata straordinaria.

Bisognerebbe sentirlo per capire questo suo strano comportamento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Confermo che la prudenza non è mai troppa.

 

Ciò che non comprendo è la perdita di tempo, all'ordine del giorno avrei inserito le proposte dei lavori da te indicati ma anche la presentazione di preventivi e relativa approvazione anche dei riparti.

 

Fare una assemblea per approvare la realizzazione dei lavori e farne una successiva per la presentazione dei preventivi non lo condivido per il tipo di lavori indicati.

 

Se facesse realizzare i lavori senza informare i condòmini dei costi, non sarebbe scontata l'approvazione a consuntivo, sono a conoscenza di casi in cui i condòmini non hanno trovato accordi per importi molto inferiori, 70/80 euro, figurati per 2000 euro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Insomma ... mettiamoci d’accordo .... una volta si critica l’iniziativa e un’altra la si santifica.

Personalmente sono per fare le assemblee per l’approvazione dei lavori in genere e possibilmente deliberare preventivi e riparti già nella prima. Casomai nel bilancio preventivo faccio deliberare una piccola somma per “interventi imprevisti” (se l’assemblea lo accetta naturalmente) che serve proprio per ... la sostituzione dello zerbino o altre piccole cose.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Buongiorno a tutti, vi aggiorno sulla questione sopra descritta. Il verbale dell'assemblea dice di procedere con la sostituzione degli zoccolini in marmo ammalorati dell'atrio. Come consigliere di scala ho presentato,dopo l'assemblea, all'amministratore due preventivi avvallandone uno per qualità del lavoro e rapporto qualità/costo. L'amministratore dice che senza la firma del secondo consigliere non procede coi lavori. Adesso su richiesta di un condomino ha redatto una lista dei condomini per la raccolta firme sull'approvazione del preventivo e dei lavori e l'ha fatta affiggere nell'atrio. Ho fatto presente all'amministratore che quelle firme non sono verificabili e autenticate e che la lista esposta nell'atrio era alla mercè anche di sconosciuti.La raccolta di firme non ha nessun valore legale rispetto alla delibera condominiale, fatto nel modo descritto. All'amministratore ho scritto che deve procedere coi lavori o se vuole deve convocare un'assemblea straordianaria per decidere la questione. Ma lui tace. Che diritti ho e come posso procedere per far fare i lavori deliberati? Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×