Vai al contenuto
midep

Colonia felina nel cortile condominiale

Una condomina ha iniziato qualche tempo fa a dare del cibo ad alcuni gatti che capitavano nel cortile condominiale. Man mano, il numero di gatti che frequentano abitualmente il nostro cortile è aumentato a dismisura. La generosa vicina si occupa di dare cibo a tutti, ma per le pulizie si affida alla ditta che si occupa della pulizia scale e androne. Ovviamente, la ditta richiede un aumento del prezzo del servizio, perchè l'addetto impiega più tempo del previsto. Io non ho nulla contro i gatti, ma quando la sera torno a casa e parcheggio la mia bici nel cortile, sono circondato dai felini, che mi vedono come un intruso. La gattara non ne vuole sapere di rinunciare ai suoi micini.

C'è qualcuno che sa suggerirmi come uscire da questa situazione? E' legittimo un tale uso del cortile? Sono necessarie autorizzazioni sanitarie? Andiamo incontro a sanzioni? Come si divide la spesa della pulizia?

Grazie

 

Midep

E quanto vorrà mai in più la ditta di pulizie ?? Non credo 20 000 euro al mese......Ti ricordo inoltre che gli animali sono protetti e in caso di maltrattamenti nei ocnfronti di essi si è penalmente perseguibili.

 

 

E chi li tocca i gatti!! Il mio problema è che nel cortile c'è poca luce, e sinceramente, io ho paura che qualche micio mi salti addosso.

Mi domando se fosse necessaria una delibera condominiale per consentire ad un inquilino di ospitare sul suolo comune una colonia di gatti.

Saluti

 

Midep

Qualche micio che ti salta addosso ???? E cos'è una colonia di tigri?!? Suvvia dai........

Che io sappia non c'è bisogno di autorizzazione per dare da mangiare e ospitare una colonia felina, io nutro diversi gatti nel cortile condominiale ma poi porto via tutto, non lascio cibo in giro, nè residui di alcun tipo.

Comunque tranquillo, le belve non ti salteranno addosso.........

 

 

e' compito della gattara (condomina)effettuare la pulizia degli avanzi del cibo ,e se non vuole pulire lei potra' anche avvalersi della ditta di pulizia ma senza che il costo di detto servizio debba incidere sul condominio (a meno che il condominio voglia farsene carico)quindi il costo del servizio lo paga la gattara .

 

 

È difficile vedere un gatto nero in una stanza buia, specialmente quando il gatto non c'è.

Scritto da midep il 18 Mar 2013 - 19:52:34: E chi li tocca i gatti!!

Mi domando se fosse necessaria una delibera condominiale per consentire ad un inquilino di ospitare sul suolo comune una colonia di gatti.

Saluti

 

Midep

--link_rimosso--

 

--link_rimosso--

 

saluti

 

 

Che siano tutelati è una cosa giustissima secondo me, io sono sempre pro animali.

 

 

Però... che creino disagio si, io abito in un condominio che è infestato da una colonia di gatti randagi. Da quando un condomino ha iniziato a dar loro da mangiare, questi animali defecano e urinano ovunque (area box, giardino, vasi di piante), oltre a intralciare l'area di manovra dei garage. Nessuno ovviamente raccoglie le deiezioni, con immaginabili conseguenze...

 

Isola

Oh Grazie!!!

Finalmente qualcuno che condivide le mie preoccupazioni.

 

 

 

Midep

Io avevo smesso di dare da mangiare ai gatti randagi perchè purtroppo poi non avevo il tempo di provvedere a tutte le pulizie, poi da uno,due sono diventati molti di più e diventa un disagio quando iniziano a sporcare, si sente l'odore dell'urina pure sul piccolo giardinetto..insomma le conseguenze negative ci sono. Se la gattara vuole a tutti i costi tenere i gatti che poi si occupi anche dell'igiene!

 

 

Grazie anche a te! Il buon senso e la buona educazione sono assenti in queste talebane animaliste. C'è qualche legge che oltre a tutelare gli animali, formuli degli obblighi precisi per queli che se ne vogliono occupare?

Buona giornata a tutti.

 

Midep

se cerchi nel web, proprio a Roma ci sono le leggi x le gattare. Possono dare da mangiare ai gatti ma subito dopo devono ripulire il sito (ciotole) e soprattutto devono mantenere pulito (non è la ditta del condominio a dover provvedere).

 

Se la signora non accetta, denunciatela ai vigili urbani.

 

Saluti

 

Giuseppina

 

 

 

 

mi scusi è proprio vero che lei non conosce i gatti randagi,ma quando mai il gatto le salta addosso?

 

- - - Aggiornato - - -

 

il mio problema è un po particolare,io alla mia colonia do da mangiare in un luogo isolato dal condomio,ma cè qualcuno che butta avanzi davanti al portone attirando i miei mici quando lo vedo butto via e pulisco posso mettere un biglietto di non dar cibo sotto il portone?Sopratutto xchè non so chi è.e poi xchè qualcuno si lamenta con mè che non centro nulla grazie

come al solito si esagera e si passa a fantasie di onnipotenza..

Bene per la libertà di gatti e gattari/e che si sia liberi di nutrire i graziosi animaletti, ma purchè questo avvenga nel rispetto delle opinioni avverse, per motivi di igiene, di spazi comuni, di ordine, di paure, di allergie- insomma qualunque sia il motivo opposto è altrettanto rispettabile quanto quello del nutrire gli animaletti,dal momento che si tratta SOLTANTO di utilizzare spazi ISOLATI,che non creino problemi agli altri, nessuno dice di NONFARLO, ma soltanto di USARE accortezze nel non invadere spazi COMUNI o di passaggio.

Come il mio vicino a1 metro dalla mia porta,ciotole SEMPRE piene..

Ma qui ormai il mondo è capovolto...

×