Vai al contenuto
katon

Circondato da vicini ostili, non ce le faccio più .

Premetto che ho 70 anni, vedovo, e sono in pensione, vivo in questo condominio oramai da 56 anni, e sono sempre andato d'accordo con tutti gli ex condomini, che per ragioni di eta, o hanno abbandonato questa terra, oppure sono andati a finire in RSA, spediti da parenti serpenti e figli fin troppo presi dalla loro vita per occuparsi dei genitori anziani.

 

Aggiungo e non me ne vergogno che soffro di una forma di incontinenza urinaria che mi costringe ad andare spesse volte in bagno

 

Con appartamenti vuoti sono arrivati nuovi condomini, e purtroppo quella pace e quell'equilibri che sono duri 56 anni alla fine in meno di 2 anni di sono distrutti, portandomi ad una situazione che se continua mi mandara ai matti.....

 

Sopra di me, sono arrivati una famiglia di peruviani con bambini piccoli, so come sono i bambini, ho sempre sopportato i vari rumori, tra cui salti, corse, ecc ecc.... la situazione pero e degenerata, quando sono arrivati, i parenti di questa famiglia, poi gli amici dei parenti, e gli amici degli amici.... insomma in questa casa non so in quanti abitano forse 12 o 15 persone, e praticamente ad ogni ora del giorno e della notte, sembra che sopra di me ci sia un esercito che marcia, urli, strilli, letti che vengono montati e smontati......

 

I bambini sono diventati piu grandicelli, e adesso i salti sono divanti piu dei veri e propri tonfi, oltre e le varie corse, in bicicletta dentro casa, e con i pattini

 

Ho cercato di sopportare, tappi nelle orecchie di notte, pazienza da giacobbe, fino al momento "festa", perche queste persone il venerdi, sabato, domenica, fanno una specie di iper festa, portano su quantita industriali di alcoolici e ci danno dentro fino alle 4.00 del mattino.... l'ultima volta pero la festa e sfociata in una maxi rissa, un peruviano e volato giu dalle scale, e momenti mi ha sfondato la porta di ingresso, altri hanno vomitato sulle scale, e hanno fatto i bisogni sull'ascensore, il lunedi dopo l'uomo delle pulizie si e rifiutato di pulire e si e "licenziato"..... (poi qualche condomino per carita divina deve aver pulito con l'ammoniaca... trasformando l'ascensore in una camera a gas).

 

Queste persone sono in affitto, ho provato a chiedere all'amministratore il nome del proprietario, e dopo settimane di attesa, mi ha mandato una lettera in cui mi comunicava gli estremi di uno studio legale a cui si appoggia il proprietario di suddetto appartamento, ho mandato una lettera di diffida a questo studio intimando che i rumori e tutti i fastidi che vanno contro il regolamento del condominio, e del vivere civile, piu una richiesta per i danni alla porta d'ingresso.... di contro risposta ho ricevuto da parte loro una lettera di diffida in cui mi si ingiunge di non "arrecare disturbo agli affittuari, se no ci sarebbe stata una denuncia da parte di questo studio di avvocati, e se ci fosse stata davvero la situazione che andavo descrivendo dovevo procurarmi delle prove tangibili"

 

Praticamente una situazione senza uscita

 

Questi sono i vicini del piano superiore

 

Vicini del piano inferiore, dopo 4 mesi di lavori di ristrutturazione con operai che lavoravano giorno e notte, sabato e domenica inclusi fregandosene del orario di condominio, e tutti i possibili problemi di una demolizione completa, e ricostruzione totale (spero non abbiano toccato i muri portanti), sono arrivati i nuovi proprietari, questa volta una giovane coppie di italiani, con relativo figlio, questo gia grandicello 3 o 4 anni.

 

Queste persone sono entrambe laureate, quindi non sono dei pazzi, oppure chissa cosa, i primi tempi tutto e andato liscio, poi tutto d'un tratto, il vicino sotto ha iniziato a non salutarmi piu, e quando lo trovato per strada a definirmi come "il piscione"..... un giorno nella cassetta delle lettere poi ho trovato un pannolone con scritto un biglietto al computer "e meglio che te ne compri un po"

 

Molto avvilito per questa mancanza di rispetto (mai accaduta una cosa del genere in 56 anni), ho denunciato questa cosa prima al consigliere e con la risposta "e che ci vuole fare, sono giovani",e poi all'amministratore che candidamente mi ha "rivelato" di aver ricevuto numerose lamentele del condomino di sotto per rumori provenienti testuali parole "dal cesso che scarica acqua a tutte le ore del giorno e delle notte".

 

Praticamente non sono piu padrone in casa mia di usare il wc... e non certo lo faccio cosi per allegria ma perche ho questa forma di incontinenza che mi costringe ad alzarmi piu volte di notte per espletare il bisogno urinario.

 

Ho cercato di parlare con questa persona, mostrandogli anche un certificato fatto dallo specialista urologo... per tutta risposta il giovane mi ha risposto "non sono cazzi miei, comprati una carrozzella e falla li, oppure prenditi un pappagallo e non mi rompi piu i coglioni"..... confermandomi candidamente che il pannolone lo aveva messo lui nella casella delle lettere e sminuendo l'accaduto dicendo che era solo una "goliardata, un segnale pacifico"

 

Come direbbe fantozzi "come e umano lei....

 

Siccome ho una dignita anch'io, e non sono un vecchio moribondo, ho continuato ad usare il mio "cesso", tirando meno volte l'acqua... la cosa non deve aver soddisfatto il vicino che la notte scorsa, e salito con tanto di scopa in mano a battare sulla porta blindata gia malandata, urlando come un pazzo in piena notte.... e solo dopo le minaccie di chiamare i carabinieri, alla fine dopo mezz'ora di assedio e urla sovraumane alle 4 di notte, si e ritirato nel suo appartamento.

 

Non so come comportarmi in questo caso.....

 

Infine da 3 mesi si e liberato anche l'appartamento ACCANTO, al mio, ed in questo caso la mia camera di letto e proprio confinante con il salotto di questo vicino.

 

Qui la situazione si fa molto piu "delicata" perche e venuto da abitare, in un signore in carrozzella, disabile, che pero ha un hobbys particolare, suona il pianoforte.

 

Suona il pianoforte come forse valvola di sfogo, non so, non ci ho mai parlato, e davvero bravissimo, solo che suona a tutte le ore del giorno e della notte.....(quando i peruviani di sopra fanno casino, lui suona ancora piu forte)

 

Solo che io sto per andare ai matti.... sopra, sotto, accanto... non c'è piu pace, questa estate sono giunto a dormire per una settimena in uno squallido hotel 3 stelle mezzo deserto, dato che non ho una pensione di milionario, ma almeno ho riscoperto cosa significa, dormire in pace per settimena di fila.

 

Ma al mio ritorno "la casa che rende folli" (un po in versione asterix), e ricominciata peruviani sopra, vicino sotto "cesso-fobico", pianoforte accanto

 

Non ce la faccio piu.... vi chiedo un consiglio

 

E possibile che dopo 56 anni di pacifica convivenza con tutti, mi trovi a dover combattare per avere una vita normale,in questa specie di assedio perenne.....

 

Scusate la lunghezza di questo messaggio.... vi ringrazio dell'attenzione e aspetto le vostre risposte.

gentile signore, Lei ha tutta la mia comprensione! purtroppo troppo spesso nei condomini si deve convivere con la maleducazione del prossimo, nelle fattispecie: bambini, cani ed extracomunitari! queste sono le tipologie di vicini che creano inevitabilmente problemi. Per carita', i bambini non si toccano, hanno il diritto di giocare, ovviamente facendo piu' baccano possibile! E cosa dire dei cani, sei un incivile se fai presente che il cane in ascensore non puo' entrare. Con la globalizzazione devi infine diventare cittadino del mondo ed accettare la pacifica convivenza con 15 inquilini del piano di sopra. E' uno schifo, il brutto è che non si puo' fare niente se non cambiare casa sperando in una situazione migliore.

 

OVERKNEE

Scritto da katon il 03 Set 2010 - 22:09:00: Premetto che ho 70 anni, vedovo, e sono in pensione, vivo in questo condominio oramai da 56 anni, e sono sempre andato d'accordo con tutti gli ex condomini, che per ragioni di eta, o hanno abbandonato questa terra, oppure sono andati a finire in RSA, spediti da parenti serpenti e figli fin troppo presi dalla loro vita per occuparsi dei genitori anziani.

 

Aggiungo e non me ne vergogno che soffro di una forma di incontinenza urinaria che mi costringe ad andare spesse volte in bagno

 

Con appartamenti vuoti sono arrivati nuovi condomini, e purt [...]

Brutta situazione!

Quando fanno festa fino alle 4 del mattino lei chiami le forze dell'ordine...

Generalmente il numero delle persne infulisce sul riparto delle spese (acqua ecc...) chieda all'amministratore. Oltre tutto esisono delle superifici minime necessario per ogni occupante. Chieda in comune se hanno verificato l'idoneità alloggiativa dell'appartamento rispetto all'effettivo numero degli occupanti.

Lo studio legale voleva le prove... e l'addetto alle pulizie che si è "licenziato"?

Per quanto riguarda i vicini al piano superiore... li lasci parlare in questo caso lei ha un vantaggio. sono loro che stanno subendo "i rumori"... Se sono poco tolleranti che trovino una soluzione differente.

Per quanto riguarda i lavori a tutte le ore, doveva avvisrae l'amministratore ed i vigile urbani...

Per il pianista, magari è l'unica passione che ha, ma crea disagio, se non l'ha fatto gli speichi il suo disagio. se vuole suonare a tutte le ore che si insonorizzi la stanza...

 

Anche se non se ne fa nulla... ha la mia solidarietà!

Mi permetto di consigliarle, quando va al bagno la notte, di utilizzare un secchio preventivamente riempito invece dello sciacquone, effettivamente rumorosissimo,che provoca il risveglio

delle persone al piano di sotto. Concordo nel consigliarle di chiamare il 112 o 1l 113 quando i sudamericani esagerano, in genere quando sentono che si tratta di stranieri , per di più in preda ai fumi dell'alcool intervengono senza problemi, cosa che non fanno quando i rumorosi sono invece italiani.Non si lasci abbattere dalla risposta dello studio legale, gli avvocati alzano la voce a prescindere, sapendo, così, di intimidire l'interlocutore. Ha tutta la mia solidarietà

Intanto sono solidale con te per tutti i tuoi problemi.

Per le feste, ok chiamare il 112, magari lo facessero anche altri condomini.

Per l'uso del wc... ma che scherziamo? Uno non è neppure padrone di usare il wc in casa propria?

Il wc va usato a qualsiasi ora del giorno e della notte.

Se l'edificio o le tubature sono fatte male, non è un motivo sufficiente per subire richieste assurde tipo pappagallo e similari.

Il problema dell'incontinenza, caso mai sarebbe un motivo in più perchè non ti rompano le scatole, ma io la vedo diversamente: se vuoi o devi usare spesso il wc, sono cose tue personali, gli altri non ci devono mettere becco, e tantomeno dare consigli a sproposito o degradanti.

Tutta la mia solidarietà e comprensione, soprattutto per quanto riguarda i vicini sudamericani: io li ho nel palazzo di fronte e riescono ugualmente a farsi sentire per ore, incuranti di tutto e tutti.

Per quanto riguarda invece il simpaticone del piano di sotto, che lascia pannoloni per "goliardata", oltre ad avere tutta la mia commiserazione, visto che non sopporto chi si permette di offendere e umiliare le persone, sarei curiosa di sapere se è così tempestivo nelle sue proteste contro i sudamericani. O miracolosamente non li sente? O forse è più facile prendersela con un signore solo di 70 anni piuttosto che con quindici persone rumorose e magari pure ubriache?

Mi dispiace tantissimo per la sua situazione, posso solo consigliarle di provare a cambiare casa, so che non è facile ma almeno vivere decentemente, io dieci anni fa quando sono venuta ad abitare in questo sbaglio di appartamento era molto tranquillo, poi come è successo a lei i proprietari per eredità si son accapparati la casa dei nonni e qui ci sono albanesi, africani...chi ne ha più ne metta....ne vale la pena di ammalarsi per gente che disturba? Tanto le cose con il tempo non cambiano, anzi, possono solo peggiorare perchè nessuna legge vieta la maleducazione...neanche i carabinieri visto che sei mesi fa li ho chiamati perchè era in corso una festa e loro non avevano la macchina disponibile ed erano preoccupati che fossero in molti....quindi io ho pensato ben di mettere in vendita e purtroppo non me ne sono ancora andata...è un anno che ci provo ma ormai sto arrivando all'esasperazione, non è facile sopratutto per persone sole come lei, le consiglio una casetta anche in affitto ma staccata da altre case.... Nicoletta

Mi sembra che i consigli migliori siano già stati dati.... io le esprimo solamente la mia solidarietà. La maleducazione e l'arroganza sono sempre disprezzabili ma ancora di più in presenza di una persona con qualche difficoltà. Scommetto che la coppia di luminari che vive sotto al suo apparatamento non avrebbe alzato la voce se lei fossa stato un'accigliato energumeno.

Solo per sdrammatizzare..... potrebbe scambiare l'appartamento con quello degli inquilini del piano di sopra in modo che quelli del piano di sotto capiscano meglio cosa significa essere disturbati e questi ultimi sfoghino la loro conbattività sui festaioli. Certo sarebbe bello....

Cordiali Saluti

TUTTA LA MIA SOLIDARIETA'!!!!

Per quanto riguarda quello che sta sotto, non sa ancora come starà in salute tra qualche anno, quando sarà anziano lui....

In quanto ai peruviani, e le loro feste senza fine, concordo con gli altri del forum, chiami il 112 o 113, e se ci riesce, cambi casa, anche noi ci stiamo provando per i rumori che provengono da sopra di noi (marito e moglie di oltre 70 anni che bisticciano e si tirano sedie e altro addosso).

Solo un consiglio comportamentale simpatico x zittire quello del piano di sotto:

"se è gialla lasciala a galla, se è marrone tira lo sciacquone"

Tutta la mia solidarietà.

 

La situazione che mi lascia più allibito non è tanto quella dei peruviani, che sono sicuramente dei maleducati, ma quella del cesso fobico. E' incredibile. Ha una simpatia veramente brillante, dovrebbe andare a Zelig, è un gran co....ne!!!

 

Non si faccia spaventare dagli avvocati. Aggrediscono per evitare di essere aggrediti. Non conosco le sue possibilità, ma per esempio alcuni sindacati, con una modica cifra di iscrizione, aiutano i pensionati a risolvere anche queste problematiche, aiutandoli ad articolare le risposte. Se ha qualche possibilità in più chieda aiuto direttamente a un legale di fiduciia, per tutti gli aspetti di questa vicenda.

Invii anche una diffida pesante al cesso fobico, e dopo qualche giorno un corriere con un pacco gigante di pannoloni, gli serviranno per lo spavento.

 

Se ha tempo libero, si faccia vedere spesso dai carabinieri, o dai vigili sotolineando il proprio disagio.

 

Saluti

Essere laureati non vuol dire essere educati.

Probabilmente il suo vicino del piano di sotto é neveastenico. Io devo dire che ho il sonno leggero ma se sento uno che fà andare l'acqua di notte, mi giro dall'altra parte e continuo a dormire.

 

Poi c'é modo e modo di parlare con le persone e questa gente come molti giovani ( non tutti per fortuna I) é maleducata e crede perché ha gioventù e salute di avere il mondo in mano.

 

Poveretti!!!!!

 

Per quanto riguarda i peruviano chiami il 112.

 

Auguri.

 

E' incredibile che esistano situazioni simili, la maleducazione e l'arroganza stanno dilagando sempre di più. Subire non è giusto e dovremmo trovare il modo per denunciare questi problemi per arrivare a riempire il "vuoto" legislativo.

In questo sito qualcuno sta provando a fare questo, almeno la speranza che le cose possano cambiare.......

Tutta la Mia solidarieta'. Purtroppo vi e' un dilagante imbarbarimento. E poi , considerando l'eta', i suoi cari vicini potrebbero essere piu' gentili.

Ne risponderanno, oggi, alla propria coscenza e domani ad altro.

Caro amico leggendo la sua lunghissima lettera sono rimasto letteralmente inorridito da quello che ho letto. le preciso che fatti simili mi sono capitati anche a me. Al posto dei peruviani (casinisti da competizione acclarati)c'erano dei rumeni, per grazia di Dio non sopra il mio tetto ma in un'abitazione attigua al piano sopra al mio. Lei può certamente capire cosa accadeva specialmente nei fine settimana. La casa veniva letteralmente invasa da gente. In realtà, come dice lei, non sono mai riuscito a capire quanti fossero ad abitarci realmente ma ho pensato che fosse una specie di porto di mare, con continue entrate ed uscite. Non le dico la musica a tutto volume, strilli, urli (perchè bevono molto), corse per le scale, insomma chi ne ha più ne metta. Ad un certo punto grazie a Dio se ne sono andati o forse, più probabilmente, sono stati cacciati via.

Accanto a me, invece, in corrispondenza del terrazzino che si apriva sulla cucina e sul saloncino venivano d'estate dei trucidi italiani che bestemmiavano a tutto spiano e i loro "pargoli" giocavano con la palla contro il muro e fino ad una certa ora urlavano anche con il televisore alto. Premetto che in quella stanza dormiva quella santa donna di mia madre, che subiva in silenzio queste continue violenze.

Premetto ancora che abito in una località di mare vicino a Roma. Il quadro quindi è un casino continuo anche durante i week end, data la vicinanza al mare. Bene. Ho venduto me ne sono andato in un'attico all'8 piano, non sopportando più l'idea di avere i cavalli sopra la mia testa. Faccio sacrifici, devo dare una differenza di 20.000 euro in più per comprare la nuova abitazione. Mi guardo intorno, mi sembra tutto a posto, o quasi, mi accorgo invece che c'era un'altro porto di mare proprio sotto di me, formato da un non bene precisato gruppo di polacchi, altrettanto casinisti e festaioli al pari dei rumeni, dei peruviani, eccc.. eccc. Se ne vanno via a marzo di quest'anno. Benedico il Signore per la grande fortuna di non vederli più. Arriva un mese dopo una tipa che si porta dietro una masnada di peruviani. La prima sera tra urla e grida capisco subito l'antifona.. Ecco il quadro caro amico, che dovrei fare? Vendere ancora, mentre ancora sto pagando un mutuo e due prestiti? Io non sono ricco e questo determina il problema di fondo. Perchè chi ha soldi si compra una villetta ed io non me lo posso proprio permettere. E se non ha i soldi convivi con loschi figuri, spesso in affitto, che non hanno alcuna idea del vivere civile..

Ma qui, egregio signore, la grande maggioranza della gente non ha più il rispetto per il prossimo. Basta vedere cosa succede in metrò, sul pulman, sul treno. Basta avere a che fare con una qualsiasi persona camminando per strada.. Insomma è una civiltà alla deriva, senza valori umani, senza misericordia, senza amore.

Non aggiungerei altro e, mi creda, le sono molto vicino. L'unico consiglio che le posso suggerire è trovarsi un attico con determinate caratteristiche, sperando che queste nel tempo non si modifichino...

Concordo con chiamare le forze dell' ordine ogni volta che viene disturbato da queste"persone",controllare quante persone sono state dichiarate presso l'amministratore,e quante effettivamente abitano,in quanto si consuma di piu e la spesa viene divisa per un numero inferiore di persone e la sua quota e più alta del dovuto.

In quello che riguarda lo sciaquone nel bel mezzo della notte è veramente fastidioso,succede ogni tanto anche a me,e mi creda ogni volta mi sveglio e faccio fatica riaddormentarmi,fortunatamente per me,succede ogni tanto...

Le porgo la mia solidarietà; non ho ancora raggiunto la sua età, ma conosco e comprendo perfettamente la sua situazione.

Mi spiace per lei.

Purtroppo ci stiamo globalizzando e un quartiere che magari era civile un tempo puo' nell'arco di pochi anni divenire mal abitato come gia è successo nelle periferie di grandi città americane o europee.

Nn c'è nulla da fare che andarsene o impugnare il "fucile" e rendersi la vita impossibile.

Stiamo tornando al medio evo e l'unica soluzione e un pezzo di terreno proprio con il filo spinato tutt'intorno!

Salve, visto il ritardo della risposta non so se vedrà questo messaggio, ma ci provo. Mi sono appena iscritta e penso di essere nella sua stessa situazione, in quanto da qualche mese a questa parte oramai mi ritrovo circondata da condomini rumorosi a quasi tutte le ore con urla e schiamazzi sia da parte di bambini che di adulti vaccinati. Questi arrivati da poco nell'altro palazzo, e penso anche abusivi, hanno figli che confinano, ahimè, con camera mia. La problematica principale risiede nel fatto che questi bambini vadano a dormire ad orari improponibili. La scorsa notte hanno staccato per le 2 del mattino, schiamazzando, correndo e parlando normalemente come se fosse l'una del pomeriggio. Una volta mia madre si è permessa di andare a chiedere di far un po' più di silenzio in modo pacifico ed educato. Il "signore" in questione l'ha liquidata minacciandola di buttar giù i muri semmai ci fossimo permessi un'altra volta di picchiare sul muro. Sì, abbiamo picchiato perchè non ce la si faceva più. Forse sarebbe stato corretto andargli a parlare dall'inizio, ma dubito che la situazione sarebbe stata differente. Sta di fatto che questi come se nulla fosse hanno ricominciato due giorni dopo. Come continuano quelli di sopra e quelli di fronte al nostro piano che urlano al figlio a volte anche bestemmiandogli dietro come malati mentali. Non ci sono soluzioni. Bisogna solo sopportare, anche se l'esaurimento nervoso è sempre in agguato. È vero che spesso questi tipi di vicini sono quasi tutti stranieri, lo so bene pure io. Però essendo figlia di extracomunitari, nata e cresciuta in Italia, posso affermare che problemi di vicini rumorosi ne abbiamo avuti anche con condomini italiani. I miei erano, e ora lo sono anche con mia sorella, i primi ad avvertirmi, quand'ero piccola, di non far rumore se esageravo nel gioco quasi ad incatenarmi alla sedia se facevo cadere una sedia. Il rispetto per noi è fondamentale ed essi l'hanno sempre avuto per le persone altrui a cui potessero infastidire i miei rumori di infanzia o di mia sorella . L'educazione si tramanda, non si acquisisce.

Detto ciò, mi spiace per la sua situazione e la capisco benissimo, tenga duro.

Non era necessario estumulare questa discussione.

Riposava in pace....

 

Ospite
Questa discussione è chiusa.
×