Vai al contenuto
annaf1

Chiarimenti su morosità inquilino

Pur essendomi documentata chiedo conferma (o meno) di alcuni punti riguardo ad un inquilino moroso sia per affitti che per spese condominiali. Premetto che il suddetto inquilino si e' sempre comportato in questo modo cioè ha sempre pagato a suo piacimento senza rispettare le scadenze mensili o le cifre e senza addurre alcun motivo versando a random cifre che lui ritiene giuste. Gli sono state già presentate 3 ingiunzioni di sfratto nel corso degli anni. Ora:

-il contratto d'affitto e' quadriennale ed e' iniziato il 01.07.2001; nel 2013 scade e sarebbe intenzione disdirlo: lo posso fare io proprietaria con una raccomandata almeno 6 mesi prima (come recita il contratto) o devo avvalermi di un avvocato?

- prima della fine vorrei intimarle lo sfratto per morosità visti gli arretrati degli affitti (5mesi) e delle spese condominiali (8mesi) per i quali sono appena stata sollecitata dall'amministratore. Devo farlo con l'assistenza di un avvocato?

- se e' necessario l'avvocato le spese sono a carico dell'inquilino moroso?

- gli intimo lo sfratto per recuperare il dovuto: ci sono poi dei particolari problemi se pur saldando non rinnovo il contratto (per scadenza dei termini) a breve distanza dall'intimazione di sfratto?

Ringrazio per l'aiuto e aggiungo che della cosa se ne occupava mio padre ora deceduto per cui ho in mano tutti gli incartamenti e che l'inquilino moroso lavora regolarmente pagato a mensilità e non ha mai fatto presente suoi problemi di denaro. Inoltre l'affitto serve a mio zio che vive al piano di sotto invalido al 100/100 per il suo mantenimento cosa già più volte fatta presente.

Spostata in locazioni

La ringrazio per la gentile riosta ma non ho inteso questo punto nodale.

Il contratto di locazione e' stato stipulato il 01/07/2001 con scadenza quadriennale. Ora credo che i rinnovi siano già 3:

2001+4=2005

2005+4=2009

2009+4=2013

Quindi almeno 6 mesi prima (diciamo dicembre 2012) posso comunicare all'inquilino che non intendo rinnovargli il contratto credo di poterlo fare o ho capito male? Il condomino e' un recidivo moroso che già dal primo anno d'affitto ha messo in atto la sua tattica sfiancante....se non contiamo l'ultima intimazione che devo fare ne ha già accumulate 3!

Scritto da annaf1 il 21 Ago 2012 - 18:34:40: La ringrazio per la gentile riosta ma non ho inteso questo punto nodale.

Il contratto di locazione e' stato stipulato il 01/07/2001 con scadenza quadriennale. Ora credo che i rinnovi siano già 3:

2001+4=2005

2005+4=2009

2009+4=2013

Quindi almeno 6 mesi prima (diciamo dicembre 2012) posso comunicare all'inquilino che non intendo rinnovargli il contratto credo di poterlo fare o ho capito male? Il condomino e' un recidivo moroso che già dal primo anno d'affitto ha messo in atto la sua tattica [...]

Avevo capito che era la scadenza del 4° anno, non del 12°. Puoi mandare la disdetta per finita locazione. Ma è molto più veloce lo sfratto per morosità.

Certo lo sfratto per morosità rimane l'arma migliore ma alla prima comunicazione l'inquilino ha sempre saldato. Se così facesse anche stavolta saremo punto e a capo! Quindi la mia cartuccia sarà il non rinnovo del contratto. Grazie per i suoi chiarimenti saluti.

 

Scritto da annaf1 il 22 Ago 2012 - 07:20:35: Certo lo sfratto per morosità rimane l'arma migliore ma alla prima comunicazione l'inquilino ha sempre saldato. Se così facesse anche stavolta saremo punto e a capo! Quindi la mia cartuccia sarà il non rinnovo del contratto. Grazie per i suoi chiarimenti saluti.

E' una tua libera scelta. Sappi anche che....SI PUO' SANARE LA MOROSITA'

Il procedimento di convalida per morosità ha un'altra particolarità. La legge prevede che il conduttore, nel corso di quattro anni, può per tre volte sanare una eventuale morosità accumulata: di conseguenza se b citato per la morosità può pagare in udienza le somme richieste. Se non gli fosse possibile saldare il suo debito in udienza può richiedere una dilazione al giudice il quale se riconosce le sue particolari condizioni di disagio, può assegnargli per il pagamento un termine, non superiore comunque ai novanta giorni.

 

In casi eccezionali il termine può arrivare sino a centoventi giorni e le sanatorie, nel corso del quadriennio, possono essere elevate da tre a quattro.

 

Assegnato il termine per il pagamento il giudice rinvierà l'udienza a una nuova data che deve cadere entro dieci giorni dalla scadenza del termine stesso.

 

E evidente che, effettuato il pagamento, cadono gli effetti della intimazione, ma l'inquilino dovrà normalmente versare al locatore una somma che le parti concorderanno a copertura delle spese sostenute per l'avvio del giudizio di convalida.

 

Scritto da annaf1 il 22 Ago 2012 - 07:20:35: ma alla prima comunicazione l'inquilino ha sempre saldato.
Non è ben chiara la situazione, per come ce la esponi,

conseguentemente le risposte che ricevi saranno altrettanto e conseguentemente non chiare.

 

Che cosa intendevi dire, il giorno 21 Ago 2012 : 08:19:52

già presentate 3 ingiunzioni di sfratto ??

 

dato che quelle tue parole stridono con quelle scritte oggi, 22 Ago 2012 : 07:20:35

alla prima comunicazione l'inquilino ha sempre saldato

 

Se hai mandato una avvertimento bonario, è una cosa.

Se hai mandato una Citazione a comparire difronte al Giudice, è tutt'altra e diversa cosa, ed il tuo inquilino avrebbe terminato le possibiltà consentitegli dalla legge.

Hai ragione Caval scusa.

L'inquilino ha già ricevuto 3 avvisi bonari e dopo questi ha sempre saldato (nell'arco di 12 anni di contratto parlo dei 3 avvisi)

Ora ne riceverà un quarto.

Se salda come ha fatto nelle precedenti tre volte non posso fargli l'ingiunzione per sfratto perché la cosa rientrerebbe.

Io lo voglio mandare via perché mi sono stufata dei suoi immotivati ritardi e delle sue procedure.

A questo punto gli manderò una RRR per tempo con il NON rinnovo del contratto stipulato nel 2001.

Forse in maniera prolissa ma mi sembrava di aver spiegato la cosa.....ma nella foga ho confuso i termini e invece di avviso bonario ho scritto ingiunzione di sfratto. Sorry

Scritto da annaf1 il 22 Ago 2012 - 18:07:44: HA questo punto gli manderò una RRR per tempo con il NON rinnovo del contratto stipulato nel 2001.[...]
Consigliati con il tuo avvocato di fiducia,

potresti attivare già da adesso (agosto 2012) la richiesta al giudice, della Licenza di fine locazione.

 

Cioè in parole semplici, il giudice prende già adesso in esame il caso e stabilisce quindi già la data (teorica!) del rilascio 1luglio2013, stabilita dal giudice.

Poi ovviamente ci saranno i consueti ritardi ma se ti porti avanti con le procedura puoi guadagnare qualche mese di tempo, rispetto le tempistiche che generalmente superano un anno di tempo per lo sfratto per una finita locazione.

×