Vai al contenuto
FabioRon

Chiarimenti comunicazione asl inizio lavori

Salve a tutti,

Innanzitutto complimenti per il forum e soprattutto per la competenza dei partecipanti. Ho letto alcune discussioni sul tema in oggetto e tutte le risposte sembrano chiare anche se non mi é ancora del tutto chiaro qualche punto sulla comunicazione al asl. In particolare riporto la mia situazione:

sono un privato che si sta prestando ad effettuare una ristrutturazione edilizia, in particolare manutenzione straordinaria di un appartamento in condominio. Ho affidato tutte le pratiche ad una ditta la quale effettuerà tutti i lavori edili e gli impianti. Tale ditta ha anche effettuato la comunicazione di inizio lavori in comune per la manutenzione straordinaria, pratica CIL. I lavori cominceranno le prossima settimana. Al momento non ho effettuato la comunicazione al asl perché sarà coinvolta solo la ditta citata sopra. Ora mi viene il dubbio seguente. Oltre alla ristrutturazione verranno sostituiti gli infissi. Per questo lavoro devo ancora individuare una ditta specifica. Se la ditta che incaricherò di sostituire gli infissi interverrà successivamente alla fine della ristrutturazione edilizia dove è coinvolta la prima ditta, è necessaria la comunicazione al asl? La norma obbliga la comunicazione in caso di presenza di due imprese anche non contemporaneamente. Ma cosa significa non contemporaneamente? Se una impresa ha completamente finito il proprio intervento e successivamente interviene la seconda (quella dei serramenti) è necessaria la comunicazione?

Non è la comunicazione in se che mi crea difficoltà ma più individuare un coordinatore per la sicurezza e realizzare il piano per la sicurezza per il quale dovrei rivolgermi a professionisti pagando il servizio.

Grazie mille in anticipo.

Sei sicuro che la ditta cui hai affidato i lavori effettui TUTTO con suoi dipendenti e non si avvalga invece di subappaltatori o squadre esterne? Nel caso saresti già obbligato alla nomina del CSE...

Sei sicuro che la ditta cui hai affidato i lavori effettui TUTTO con suoi dipendenti e non si avvalga invece di subappaltatori o squadre esterne? Nel caso saresti già obbligato alla nomina del CSE...

Giusto. In realtà la ditta a cui mi sto rivolgendo per la ristrutturazione edilizia mi ha assicurato che lavora solamente con suoi dipendenti. Inoltre nel contratto di appalto che ho firmato è scritto che si assumono loro le responsabilità di sicurezza:

cito la scrittura: "Ai sensi e per gli effetti del Decr.Lgs. 81/08, le parti dichiarano che la ditta appaltatrice ha l’incarico di responsabile delle opere di sicurezza richiesto dalla normativa citata".

 

In ogni caso, è interessante (per me) la situazione in cui la ditta di ristrutturazione e i suoi dipendenti siano gli unici presenti nel cantiere per un certo periodo. A fine dei loro lavori, poi la ditta dei serramenti interviene e li sostituisce.

Non credo sia importante ma aggiungo che intendo beneficiare degli incentivi per miglioramento dell'efficienza energetica - detrazione 65% fino fine 2014 - per la sostituzione dei serramenti.

 

Spero di risolvere questo dilemma!

La ditta è abilitata al rilascio delle certificazioni di conformità impiantistiche sia elettriche che idrauliche? Scusa se dubito...

Vai sulle definizioni del D.Lgs. 81/08: trovi la definizione di "responsabile delle opere di sicurezza"? Mah... intenderà il coordinatore della sicurezza o il responsabile dell'impresa? Mah...

 

Comunque, per il tuo problema: se si tratta dello stesso cantiere, è necessario nominare il coordinatore e fare la notifica all'ASL. Se si tratta di due cantieri diversi (cioè presenti il fine lavori di uno e poi inizi l'altro) allora niente coordinatore e niente notifica.

Nel primo caso, ovviamente, la ditta avrà la miglior scusa per dirti che il coordinatore è a tuo onere... visto che sei tu che metti in cantiere un'altra impresa (poi loro presenteranno impresa elettrica e idraulica...).

Comunque, per il tuo problema: se si tratta dello stesso cantiere, è necessario nominare il coordinatore e fare la notifica all'ASL. Se si tratta di due cantieri diversi (cioè presenti il fine lavori di uno e poi inizi l'altro) allora niente coordinatore e niente notifica.

Nel primo caso, ovviamente, la ditta avrà la miglior scusa per dirti che il coordinatore è a tuo onere... visto che sei tu che metti in cantiere un'altra impresa (poi loro presenteranno impresa elettrica e idraulica...).

Scusa ma non sono espertissimo, quindi come faccio a capire se si tratta dello stesso cantiere? L'appartamento ovviamente è lo stesso. La domanda di inzio lavori CIL è stata presentata in comune per manutenzione straordinaria. La comunicazione di fine lavori in comune non è necessaria (l'unico vincolo è che i lavori finiscano entro 3 anni dall'inizio lavori). Se ho capito bene la sostiuzione dei serramenti è considerata come manutenzione ordinaria. Come capisco se sono due cantieri? c'è qualche documento che lo attesta?

Grazie mille delle risposte fin'ora, sono state chiarissime.

Se sposti/abbatti/costruisci dei muri dovrai presentare un Docfa per variazione catastale. Prima di questo il DL firmerà la fine lavori.

Comunque se hai un DL costui firmerà ad un certo punto un verbale di fine lavori. Questa è la data da cui vedrai se è un unico cantiere o due cantieri distinti.

×