Vai al contenuto
Faust1

Chi deve pagare? - abbiamo un altro

Salve, in attesa di cambiare amministratrice, una condomina è riuscita dopo tanto, a vedere le carte relativamente a entrate e uscite del condominio e c'ha presentato un "riassunto" su quello che s'era segnata a mano o con fotocopie e quello che ricordava. Questo perché son 2 anni che l'amministratrice non fa assemblee e non ci dice il bilancio... (uno dei motivi per cui sto cercando di farla cambiare) e fra l'altro è ancora in carica solo perché fin'ora non siamo riusciti a fare un'assemblea per nominarne un altro.

A questo ha aggiunto alcune sue "richieste\considerazioni"... il tutto ha generato in me oltre a molta rabbia, alcune perplessità:

 

1- l'anno scorso è stato fatto un'intervento straordinario sul tetto dell'altra palazzina (siamo 2 bifamiliari unite dalle scale) che ho scoperto solo ieri essere stato fatto e fatturato a carico del condominio. I problemi erano 2 e uno secondo me (visto che c'è anche sul tetto della mia palazzina e si sta verificando anche da me) è un problema di materiale scadente di costruzione (la palazzina è stata finita nel 2005 quindi siamo ancora in garanzia). Dovrò pagare la mia quota (la fattura non è ancora stata pagata!!!) visto che almeno in parte ritengo che l'avrebbe dovuto sistemare a sue spese il costruttore e non c'hanno nemmeno provato e visto che l'intervento non mi è stato detto ed è stato "autorizzato" da un'amministratrice in carica non per riconferma ma perché non ne abbiamo un altro?

2- a inizi primavera è stata fatta una riparazione straordinaria al cancello elettrico che aveva un problema da quando era in garanzia. A suo tempo l'avevo segnalato, ma l'amministratrice non l'ha mai fatto sistemare finché non s'è lamentata anche un'altra condomina e così ha "autorizzato" l'intervento. Dovrò pagare la mia quota (la fattura non è ancora stata pagata!!!) visto che l'intervento doveva essere coperto da garanzia e solo per la negligenza dell'amministratrice è stato fatto dopo (a meno che non salti fuori che il problema risolto era stato causato da qualcuno e non era una rottura\malfunzionamento semplice) e visto che l'intervento non mi è stato detto ed è stato "autorizzato" da un'amministratrice in carica non per riconferma ma perché non ne abbiamo un altro?

3- nell'ultima assemblea straordinaria fatta (ottobre 2011), abbiamo deliberato il pagamento di alcune spese, fra cui due perizie di un geologo. Quando 1 mese dopo circa è arrivata la raccomandata dell'amministratrice con la cifra esatta da pagare, la condomina iniziale che non era presente in assemblea, ha risposto tramite raccomandata che non avrebbe pagato per il fatto che non era tenuta non avendo potuto dire la sua nella scelta del geologo e l'avrebbe fatto come favore al condominio solo in cambio determinate cose (la lettera ce l'ha "raccontata" non l'ho letta). A parte lo schifo del ricatto, il fatto che non ha contestato l'assemblea non dovrebbe far sì che comunque lei deve pagare? A tutt'ora non ha pagato (e non intende pagare), ma l'amministratrice non ha fatto nulla se non chiederglielo a voce e quindi la sua quota è stata presa dal fondo cassa comune!

4- nel 2011 un'impresa edile facendo dei lavori nel nostro cortile ha divelto un pluviale e la luce. Quando è stata fatta la richiesta di risarcimento, la prima risposta della loro assicurazione è stata negativa. L'amministratrice, ha quindi lasciato perdere mentre questa condomina a fine anno scorso ha ripreso la pratica e s'è data da fare lei per riuscire a farci avere un risarcimento. Peccato che ieri, dopo che per mesi s'era vantata di aver fatto recuperare al condominio quei soldi, abbiamo scoperto che essendosi data da fare lei, quei soldi li ha fatti passare (o li vuol far passare) come soldi suoi che versa come sua quota in parte per i pluviali e in parte per un'altra spesa che dovremo pagare (e che non c'entra nulla). Inoltre, avendo anche l'altro pluviale del cortile bottato (probabilmente da un pezzo di terra franata nel cortile, la terra che poi l'impresa era venuta a togliere) avevamo deciso in assemblea (ma temo non fosse stato scritto) che se avessimo recuperato abbastanza soldi dall'assicurazione avremmo cambiato anche quello. Il pluviale è stato cambiato quest'estate (e nessuno ha detto niente visto che sapevamo che erano arrivati i soldi), ma a questo punto sorge anche questo dubbio... A logica quello che ha fatto la condomina è una "furbata" per non dire peggio, ma chiedo se c'è qualche cavillo per cui questa cosa potrebbe essere comunque legale. Se sì, è corretto però poi far pagare solo a lei il 2° pluviale visto che l'ha fatto cambiare lei e visto che era autorizzato solo se l'assicurazione risarciva il condominio?

 

Scusate la lunghezza, spero di esser stato chiaro... purtroppo nonostante ne abbia lette tante qui sul forum, trovandomi a sperimentare certe "stranezze" di persona ci son rimasto di sasso!

 

Saluti e grazie

 

Fausto

Di amministratori è pieno il mondo. Inutile piangere sul latte versato e su voci o ricordi di una condomina. Direi che è il caso, urgente, di attivare la procedura per nominarne uno serio, bastano due condomini con almeno un sesto dei millesimi. Non vi mettete d'accordo? Visto che è due anni che non vi presenta il bilancio, basta che un solo condomino chieda al Tribunale di sostituire d'ufficio l'amministratore incompetente.

Grazie, in 2 con ben più di 1/6 dei millesimi abbiamo già fatto partire la procedura per nominarne un altro che presumo dovrà, fra le prime cose redigere il bilancio... E quindi, le spese sopra temo verranno messe a bilancio e verranno poi chiesti i soldi per pagare... Visto che non mi sembra giusto pagarle o rimetterci dei soldi (a seconda del problema) vorrei sapere se la legge è dalla mia parte e posso fare qualcosa per tutelarmi oppure no e devo mettermi il cuore in pace e limitarmi poi a fargliela pagare mettendo i bastoni fra le ruote tutte le volte che potrò.

 

Ciao e grazie

 

Fausto

×