Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
jam

Chi decide sul preventivo?

nell'ultima assemblea è stato deciso solamente di procedere ad un intervento di manutenzione (sostituzione piastrelle androne).Per l'occasione è stato presentato un solo preventivo (non approvato). Successivamente l'amministratore, pare di capire, abbia deciso, in accordo con un solo consigliere (su quattro), di procedere ai lavori accettando l'unico preventivo presentato (a suo dire il prezzo è buono). Ma chi deve decidere in realtà o meglio come funziona in questi casi? il preventivo deve essere approvato da tutti e 4 i consiglieri?

Grazie a chi gentilmente mi vorrà rispondere.

saluti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

I consiglieri non hanno potere deliberativo, neppure l'amministratore può decidere di effettuare una lavoro straordinario salvo non sia urgente, per cui voi condomini potrete non approvare l'eventuale ratifica che sarà presentata al consuntivo e la spesa sarà pagata da chi l'ha ordinata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
I consiglieri non hanno potere deliberativo, neppure l'amministratore può decidere di effettuare una lavoro straordinario salvo non sia urgente, per cui voi condomini potrete non approvare l'eventuale ratifica che sarà presentata al consuntivo e la spesa sarà pagata da chi l'ha ordinata.

il lavoro è stato approvato dall'assemblea, ma non chi lo doveva fare e a che prezzo. L'amministratore ha dato il via ai lavori, come da delibera, e dato l'incarico all'unica ditta che ha presentato il preventivo (l'assemblea ha solo visionato il preventivo). In anni precedenti l'assemblea aveva deciso, per altri lavori, di approvare gli stessi e delegando i consiglieri alla scelta del preventivo migliore. In questo caso cosa bisognerebbe fare?

Una nuova assemblea? Forse la cosa migliore sarebbe che se ne occupi l'amministratore, così come sta facendo, magari con l'approvazione dei consiglieri.

saluti

 

in futuro qual'è la cosa migliore da fare? In assemblea approvare lavori e preventivo o in alternativa, come già fatto (lavori per importi non elevati), approvare i lavori da fare e delegare i consiglieri a reperire i preventivi ed approvarli, che ne pensate?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Se ho ben capito voi condomini avete approvato solo il lavoro però non avete accettato l'unico preventivo presentato, per cui si doveva ricercare altri preventivi ed approvare quello che sembrava migliore.

Come avete deciso la delibera è nulla, direi incompleta, perchè mancante degli elementi essenziali, ovvero il preventivo approvato e la ditta esecutrice (Sentenza, Sez. SS.UU., 07/03/2005, n. 4806)

 

Se invece c'erano più preventivi, l'assemblea poteva demandare o all'amministratore oppure ad una commissione la scelta di quello più vantaggioso rispetto prezzo e qualità;

 

La Sentenza Cass. 10937 del 11/7/03 ha stabilito un principio di notevole importanza in materia condominiale che ha creato un precedente in una fattispecie che, in passato, non era mai stata visitata dalla giurisprudenza e che, di conseguenza, aveva fatto dormire sonni poco tranquilli a quegli amministratori che, più scrupolosi di altri, si domandavano, prima di porre in esecuzione una delibera, se questa fosse effettivamente legittima e, comunque, non radicalmente nulla.

Il provvedimento di cui sopra, infatti, ha stabilito che non deve essere presa all'unanimità dei condomini, la delibera che deleghi all'amministratore la facoltà di scegliere egli stesso la ditta esecutrice di lavori condominiali; detta fattispecie, naturalmente, è applicabile ai casi, per la verità molto più frequenti, in cui la delega venga conferita ad una commissione che, valutati diversi preventivi, scelga quello più vantaggioso.

Per il futuro cercate di regolarvi come previsto dalla Giurisprudenza, così non si sbaglia mai.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Se ho ben capito voi condomini avete approvato solo il lavoro però non avete accettato l'unico preventivo presentato, per cui si doveva ricercare altri preventivi ed approvare quello che sembrava migliore.

Come avete deciso la delibera è nulla, direi incompleta, perchè mancante degli elementi essenziali, ovvero il preventivo approvato e la ditta esecutrice (Sentenza, Sez. SS.UU., 07/03/2005, n. 4806)

 

Se invece c'erano più preventivi, l'assemblea poteva demandare o all'amministratore oppure ad una commissione la scelta di quello più vantaggioso rispetto prezzo e qualità;

 

La Sentenza Cass. 10937 del 11/7/03 ha stabilito un principio di notevole importanza in materia condominiale che ha creato un precedente in una fattispecie che, in passato, non era mai stata visitata dalla giurisprudenza e che, di conseguenza, aveva fatto dormire sonni poco tranquilli a quegli amministratori che, più scrupolosi di altri, si domandavano, prima di porre in esecuzione una delibera, se questa fosse effettivamente legittima e, comunque, non radicalmente nulla.

Il provvedimento di cui sopra, infatti, ha stabilito che non deve essere presa all'unanimità dei condomini, la delibera che deleghi all'amministratore la facoltà di scegliere egli stesso la ditta esecutrice di lavori condominiali; detta fattispecie, naturalmente, è applicabile ai casi, per la verità molto più frequenti, in cui la delega venga conferita ad una commissione che, valutati diversi preventivi, scelga quello più vantaggioso.

Per il futuro cercate di regolarvi come previsto dalla Giurisprudenza, così non si sbaglia mai.

pertanto, se ho capito bene, così come è adesso la delibera non è completamente valida. Avremmo dovuto approvare, oltre al lavoro, anche il preventivo oppure delegare, per la scelta del preventivo migliore, una commissione (come fatto in anni precedenti). Per essere in regola dovremmo fare una nuova assemblea (la vedo dura) oppure procedere e sperare che nessuno faccia storie. Grazie mille per la sua disponibilità e chiarezza.

saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

una delle prime delibere che portai all'approvazione dell'assemblea proprio per evitare successive possibili discussioni, tra le altre fu questa:

 

- Individuazione di un limite di spesa oltre il quale si obbliga l’amministratore a consultare i consiglieri di amministrazione per l'esecuzione di lavori ordinari; al di sotto di questo limite l'amministratore è autorizzato a decidere autonomamente.

- Individuazione di un limite di spesa oltre il quale si obbliga l’amministratore a ricorrere alla concorrenza d’impresa e sottoporre la scelta della ditta incaricata ad una apposita commissione.

i limiti approvati in assemblea sono stati di 750 euro e 2000 euro.

resta sempre l'obbligo di riferire alla prima assemblea utile.

finora è sempre andato tutto bene.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
una delle prime delibere che portai all'approvazione dell'assemblea proprio per evitare successive possibili discussioni, tra le altre fu questa:

 

- Individuazione di un limite di spesa oltre il quale si obbliga l’amministratore a consultare i consiglieri di amministrazione per l'esecuzione di lavori ordinari; al di sotto di questo limite l'amministratore è autorizzato a decidere autonomamente.

- Individuazione di un limite di spesa oltre il quale si obbliga l’amministratore a ricorrere alla concorrenza d’impresa e sottoporre la scelta della ditta incaricata ad una apposita commissione.

i limiti approvati in assemblea sono stati di 750 euro e 2000 euro.

resta sempre l'obbligo di riferire alla prima assemblea utile.

finora è sempre andato tutto bene.

i limiti sono considerati per singoli lavori?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

sì.

all'epoca non ci ponemmo il problema del cumulo, ma tutto rientra nella fiducia verso chi amministra, nella trasparenza con cui opera e nel controllo dei condomini su eventuali abusi.

nulla vieta poi di modificare o sopprimere queste condizioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ok, grazie e ciao.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
pertanto, se ho capito bene, così come è adesso la delibera non è completamente valida. Avremmo dovuto approvare, oltre al lavoro, anche il preventivo oppure delegare, per la scelta del preventivo migliore, una commissione (come fatto in anni precedenti). Per essere in regola dovremmo fare una nuova assemblea (la vedo dura) oppure procedere e sperare che nessuno faccia storie. Grazie mille per la sua disponibilità e chiarezza.

saluti

La delibera come è ora, è assolutamente nulla, se un o più condomini/o vuole procedere oggi o tra 10 - 100 anni ovvero senza limite di tempo, senza che ne frattempo si sia decisa la ditta e preventivo potrà fa invalidare dal Giudice tutto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×