Vai al contenuto
Thya

Che iter seguire per separare due edifici e renderli due condomini separati?

Buonasera,

avrei bisogno di una vostra consulenza per poter capire al meglio come poter consigliare ai miei condomini la separazione dall'altra scala. Esattamente allo stato attuale vi sono due stabili (scala A e scala B), ma non giungono mai ad un accordo, creando così situazioni spiacevoli; tralatro una delle due scale vorrebbe cambiare amministratore, mentre invece l'altra non ne ha alcuna intenzione. Purtroppo non sono al corrente sullo stato della fognatura e se il regolamento ha qualche divieto, ma vorrei intanto scrivere un iter dettagliato in modo da potergli dare un quadro ben dettagliato di a che cosa vanno incontro, in particolare i quorum su come poter deliberare. Dico questo poichè ho dei dubbi su come si possa deliberare nel modo più corretto possibile.

 

Ci sta anche da dire che ho elaborato una seconda possibilità, ossia che questa separazione avvenga lasciando gli impianti in comune così come allo stato attuale e che quindi a fine anno si provveda alla divisione delle spese al 50%. Ovviamente questa casistica non prevede la nomina di un terzo amministratore (quindi costi più bassi).

 

Mi auguro di essere stata il più chiara possibile:o

 

N.B. il condominio ha un'autorimessa

art. 61 Dacc

Qualora un edificio o un gruppo di edifici appartenenti per piani o porzioni di piano a proprietari diversi si possa dividere in parti che abbiano le caratteristiche di edifici autonomi, il condominio può essere sciolto e i comproprietari di ciascuna parte possono costituirsi in condominio separato.

Lo scioglimento è deliberato dall’assemblea con la maggioranza prescritta dal secondo comma dell’articolo 1136 del codice, o è disposto dall’autorità giudiziaria su domanda di almeno un terzo dei comproprietari di quella parte dell’edificio della quale si chiede la separazione-

 

art. 62 Dacc

La disposizione del primo comma dell’articolo precedente si applica anche se restano in comune con gli originari partecipanti alcune delle cose indicate dall’art. 1117 del codice.

Qualora la divisione non possa attuarsi senza modificare lo stato delle cose e occorrano opere per la sistemazione diversa dei locali o delle dipendenze tra i condomini, lo scioglimento del condominio deve essere deliberato dall'assemblea con la maggioranza prescritta dal quinto comma dell'articolo 1136 del codice stesso.

art. 61 Dacc

Qualora un edificio o un gruppo di edifici appartenenti per piani o porzioni di piano a proprietari diversi si possa dividere in parti che abbiano le caratteristiche di edifici autonomi, il condominio può essere sciolto e i comproprietari di ciascuna parte possono costituirsi in condominio separato.

Lo scioglimento è deliberato dall’assemblea con la maggioranza prescritta dal secondo comma dell’articolo 1136 del codice, o è disposto dall’autorità giudiziaria su domanda di almeno un terzo dei comproprietari di quella parte dell’edificio della quale si chiede la separazione-

 

art. 62 Dacc

La disposizione del primo comma dell’articolo precedente si applica anche se restano in comune con gli originari partecipanti alcune delle cose indicate dall’art. 1117 del codice.

Qualora la divisione non possa attuarsi senza modificare lo stato delle cose e occorrano opere per la sistemazione diversa dei locali o delle dipendenze tra i condomini, lo scioglimento del condominio deve essere deliberato dall'assemblea con la maggioranza prescritta dal quinto comma dell'articolo 1136 del codice stesso.

E per quanto riguarda l'autorimessa quindi potrei seguire lo stesso principio della mia seconda ipotesi?

E per quanto riguarda l'autorimessa quindi potrei seguire lo stesso principio della mia seconda ipotesi?

esatto, lo prevede l'art. 62 Dacc

esatto, lo prevede l'art. 62 Dacc

Hai ragione, perdonami avevo letto in modo errato e disordinato;). Ok, allora procedo con una descrizione dettagliata dei passi da dover seguire. Ti ringrazio.

Tieni presente che se ci sono parti o impianti che restano in comune alle due palazzine si verrebbe a creare un supercondominio .

Thya ... se un condominio si separa in due condomini ai sensi dell’art. 61 e 62 dacc, riportati da Josefat, e rimangono parti comuni ai due condomini separatisti necessariamemte deve essere formalizzato un supercondominio con gestione e c.f separati. In pratica separando il tuo condominio si è obbligati ad averne 3.

 

Tieni conto che la nuova situazione non ti metterà al riparo dalle discussioni. Qualsiasi delibera che convolga i due condomini (per esempio il rifacimento del tetto unico) e che rientra nelle decisioni straordinarie, coinvolgerà comunque tutti i condòmini. Avresti quindi gli stessi identici problemi.

 

Ricordati che anche adesso se devi far deliberare delle spese che coinvolgono una sola scala (condominio parziale) convochi soltanto gli interessati .... cosa cambierebbe a parte una maggiore spesa per tutti?

Thya ... se un condominio si separa in due condomini ai sensi dell’art. 61 e 62 dacc, riportati da Josefat, e rimangono parti comuni ai due condomini separatisti necessariamemte deve essere formalizzato un supercondominio con gestione e c.f separati. In pratica separando il tuo condominio si è obbligati ad averne 3.

 

Tieni conto che la nuova situazione non ti metterà al riparo dalle discussioni. Qualsiasi delibera che convolga i due condomini (per esempio il rifacimento del tetto unico) e che rientra nelle decisioni straordinarie, coinvolgerà comunque tutti i condòmini. Avresti quindi gli stessi identici problemi.

 

Ricordati che anche adesso se devi far deliberare delle spese che coinvolgono una sola scala (condominio parziale) convochi soltanto gli interessati .... cosa cambierebbe a parte una maggiore spesa per tutti?

Il problema essenziale è che ogni scala vorrebbe il proprio amministratore. So che è controproducente perdere una parte di condominio, ma preferisco sottoporgli la verità piuttosto che dargli una mia opinione, anche perchè oggi giorno i condomini ci mettono un secondo a fare le loro ricerche online.

Ho altri condomini che hanno fatto questa "separazione" (prima della mia nomina) e tutt'ora si ostinano a non voler costituire il supercondominio, dividendo le spese in comune a fine anno con l'altra/e scala/e.

×