Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
garant44

Che cosa chiedere al Giudice - la Revoca dell' amministratore o la Nomina dell'amministratore

La situazione :

L' Ultima assemblea del nostro condominio era stata in data 29 gennaio 2015, ma l'amministratore non è stato confermato all'incarico per mancanza del quorum, quindi è rimasto in prorogatio, invece per il bilancio consuntivo è stato raggiunto 1/3 + 1/3 del valore dello stabile e era stato approvato.

Oltre alla mancata conferma dell'incarico / nomina dell'amministratore alcuni altri punti del OdG che richiedono maggioranza del 1/500 mm e metà del valore dello stabile, causa assenza dei molti condomini sono stati rinviati alla prossima riunione, che doveva essere fatta come la prosecuzione di questa, e nel verbale era stato precisato che l'assemblea si riunirà nel mese prossimo, ossia in febbraio 2015 , in ogni caso entro il mese del marzo 2015.

 

Nonostante ciò e pur essendo stato sollecitato infinite volte da me e anche dal mio legale di riunire l'assemblea programmata per portare a termine discussione in merito delle questioni rimasti in sospeso, e visto l'avvenuta scadenza di termini di legge di 180 gg, riunire almeno l' assemblea ordinaria per rendicontare l'operato del 2015 e 2016 e rinnovare suo incarico, l'amministratore è tuttora e si cela dietro un arrogante silenzio ignorando ogni richiesta di chiarimenti .

Tale atteggiamento è sempre persistito e non è prima volta che convoca malamente assemblee o non li convoca affatto, infatti prima dell'assemblea del 29.01.2015, la precedente era tenuta il 02.10.2013, e l'altra a febbraio 2011, e così via indietro, fa riunioni ogni due anni. Anche i bilanci sono presentati cumulativi di due e anche tre annualità, ma l'assemblea approva ( il condominio è di soli 9 unità imm. ) , di fatto tollera di buon grado la situazione in quanto sono tutti residenti fuori a anche all'estero, quindi trovano anche comodo riunirsi meno spesso possibile e si disinteressano ampiamente del resto della gestione condominiale.

Di fatto l'amministratore è perennemente in prorogatio ma è inutile convocare l'assemblea ex art 66 disp. att per definire la nomina perché non aiuterebbe a rimuoverlo, anche perché non ho un complice per convocare ( almeno due condomini e 1/6 del valore del condominio,.) e anche se avesse un qualcuno - so di certo che alla riunione non verebbbe nessuno.

Ora mi pongo la domanda, che cosa posso fare e come devo fare: La Revoca Giudiziaria ( ci sono altri "gravi irregolarità" oltre mancata rendicontazione ) oppure prima devo chiedere la Nomina Giudiziaria dell'amministratore, perché lui è in effetti non è in carica del mandato ma solo . In tal caso vorrei evitare che l'attuale amministratore fosse rinominato all'incarico dallo stesso giudice, perché so che l'amministratore lo può chiedere e sono sicura che lo faccia, magari adducendo l' inerzia e altre scuse varie, che attribuirà all'assemblea .

 

Come devo fare, e che cosa devo fare la Revoca o la Nomina?

Se la Nomina, posso chiedere di nominare un amministratore giudiziario scelto dal giudice dall'elenco del Tribunale?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Lui è già revocato ed in attesa che i condòmini nominino il nuovo amministratore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

E' sola contro l'indifferenza,non c'è la farà mai.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Sarà difficile ma non impossibile.

 

Tra le altre cose, l'articolo 1129 del Codice Civile dispone che:

 

La revoca dell'amministratore può essere deliberata in ogni tempo dall'assemblea, con la maggioranza prevista per la sua nomina (10) oppure con le modalità previste dal regolamento di condominio. Può altresì essere disposta dall'autorità giudiziaria, su ricorso di ciascun condomino, nel caso previsto dal quarto comma dell'articolo 1131, se non rende il conto della gestione, ovvero in caso di gravi irregolarità. Nei casi in cui siano emerse gravi irregolarità fiscali o di non ottemperanza a quanto disposto dal numero 3) dell'undicesimo comma, i condomini, anche singolarmente, possono chiedere la convocazione dell'assemblea per far cessare la violazione e revocare il mandato all'amministratore. In caso di mancata revoca da parte dell'assemblea, ciascun condomino può rivolgersi all'autorità giudiziaria e in caso di accoglimento della domanda, il ricorrente, per le spese legali, ha titolo di rivalsa nei confronti del condominio che a sua volta può rivalersi nei confronti dell'amministratore revocato.

Costituiscono, tra le altre, gravi irregolarità:

1) l'omessa convocazione dell'assemblea per l'approvazione del rendiconto condominiale, il ripetuto rifiuto di convocare l'assemblea per la revoca e per la nomina del nuovo amministratore o negli altri casi previsti dalla legge;..................

 

Purtroppo il Giudice potrebbe nominare lo stesso amministratore precedentemente revocato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Scusate che rispondo con qualche giorno di ritardo e vi ringrazo tutti per la risposta.

 

Al Giglio 2: Ho letto i tuoi link, ma di fatto è indicata la azione di NOMINA e non la REVOCA, forse hai sbaglito, infatti il condomino che ha presentato il Ricorso di REVOCA nell'articolo che tu alleghi, non è stato accolto per un semplice motivo che l'amministratore come dici tu, è già con un piede fuori, ovvero non è più revestito dal mandato.

Alla fine MAURO G pare ha una ragione totale, quando dici > . Infatti l'avvocato che ha studiato il caso mi ha confermato che si deve chiedere la NOMINA, specificando tutta una serie di irregolarità emersi durante l'amministrazione precedente in modo da evitare che il Giudice nomina lo stess amministratore,

Ora ho dato incarico per fare RICORSO di NOMINA come azione giudiziaria, che l'altro avvocato pensava di fare la REVOCA, ma anche il è già finito essendo passati due anni: l'amministartore non può essere eternamente in prorogatio e attribuirsi incassando ILLECITAMENTE i compensi, che se non è confernato, è anche soggetto a resposabilità di . Quindi in ricorso ci si farà vi sarà sottolineato l' inerzia e indifferenza dell'assemblea covvivente disinteressata alla gestione del Conndomino, a scopo di ottenere la NOMINA giudiziaria o almeno un Odinanza d riunire assemblea entro breve termne un assemblea per la nomina di nuovo ammistratore. Una volta nominato, in caso se la assemblea nomina di nuovo lo stesso amministratore , allora gli si fa una REVOCA per gravi irregolarotà che rimarranno lo stesso al suo carico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

L'amministratore in proroga non fa alcun illecito nell'incassare il compenso.

Con l'azione giudiziaria il Giudice nominerà il nuovo amministratore tenendo in considerazione le eccezioni nei confronti di quello uscente.

Il nuovo amministratore risponderà direttamente al Condominio, non al Giudice per cui potrà essere sostituito se i condomini lo volessero.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×