Vai al contenuto
prociotta

Cessione del credito con ...

giallone dice:

E l'impresa nel frattempo aspetta?

Direi che abbiamo già chiarito tutti i passaggi: se il committente o l'impresa hanno bisogno di credito, si rivolgono in banca prima dei lavori per un finanziamento. Se non ne hanno bisogno, possono comunque fare la cessione del credito fiscale una volta che questo è disponibile.

condo77 dice:

Direi che abbiamo già chiarito tutti i passaggi: se il committente o l'impresa hanno bisogno di credito, si rivolgono in banca prima dei lavori per un finanziamento. Se non ne hanno bisogno, possono comunque fare la cessione del credito fiscale una volta che questo è disponibile.

E se la banca all'impresa non gli dà nulla (succede spesso) chi anticipa?

giallone dice:

E se la banca all'impresa non gli dà nulla (succede spesso) chi anticipa?

Si cerca un'impresa disposta ad acquistare il credito ed a cominciare i lavori senza dover versare alcun acconto.

Si mette tutto nel contratto d'appalto e credo che le grosse imprese saranno ben felici di di prendere appalti anche se dovessero incassare dopo qualche mese.

Hai mai visto quelle pubblicità in cui acquisti l'auto oggi senza anticipo e con rate che cominciano a partire dall'anno prossimo? Io credo che succederà più o meno la stessa cosa.

giallone dice:

Ma scusate con la votazione di 2/3 si impegnano tutti i condomini? Anche chi i debiti non li vuole fare e non ci va in banca a firmare?

Si

admin.mario dice:

Necessità di finanziamento ???

Scusami io sto parlando di cessione del credito. L'assemblea delibera di cedere il 110% alla ditta che effettua il lavoro. La quale a sua volta lo cede alla Banca. 

La Banca per fare questo fa apertura nuova linea di credito.

Perchè mi si parla di fondi propri???? Io sono stato chiaro..

 

Assemblea delibera cessione del credito

L'impresa cede il credito alla banca per iniziare i lavori

La Banca valuta se accettare o non accettare

Questa è la prassi.

 

Perchè mi parli di asseverazioni??? Questa è la fase conclusiva...prima bisogna capire se la banca accetta o non accetta la cessione del credito con apertura nuovo fido all'impresa.

 

La ditta può essere seria quanto vuoi ma è una nuova linea di credito dedicata al 110% la banca può rifiutare di concederla (vedi foglio informativo UNICREDIT)

Mi sa che non hai letto bene il prospetto informativo Unicredit, oltre a non esserti informato con loro.

Se tu condomino non vuoi spendere niente devi trovare una ditta che starà fuori per almeno il costo del primo 40% di lavori (oltre che le spese tecniche) perché la prima trance del 30% della detrazione arriva con i suoi tempi tecnici dopo che il tecnico (e mi hanno detto anche il commercialista) hanno asseverato lo stato di avanzamento lavori almeno al 30%.

Insomma, o la ditta ha una buona capacità finanziaria oppure difficilmente accetta un accordo del genere, oppure sono alla canna del gas e ci provano a inchiodare i fornitori e banca (e giustamente la banca rifiuta la linea di credito).

Sai, le banche danno credito come attività, non hanno nessun interesse a non aprire una linea di credito ad una ditta seria. E una ditta seria dubito che non vi chiederà un anticipo all'avvio lavori.

davidino1978 dice:

dopo che il tecnico (e mi hanno detto anche il commercialista) hanno asseverato lo stato di avanzamento lavori almeno al 30%

Provvedimento cessione credito:

...2.2. L’asseverazione di cui al punto 2.1, lettere a) e b), è rilasciata al termine dei lavori o per ogni stato di avanzamento dei lavori

Le lettere a e b del punto 2.1 riguardano l'asseverazione del tecnico ecobonus e sismabonus. Non è previsto il visto di conformità del commercialista sugli stati d'avanzamento.

  • Grazie 1
davidino1978 dice:

Si

E come può una delibera a invadere la sfera privata e costringere a fare un debito con gli interessi alli 2,80 quando i propri soldi in banca rendono se va bene lo 0,20%? Oltretutto le banche danno il prestito con la responsabilità in solido. C'e un sistema per tirarsi indietro?

giallone dice:

E come può una delibera a invadere la sfera privata e costringere a fare un debito con gli interessi alli 2,80 quando i propri soldi in banca rendono se va bene lo 0,20%? Oltretutto le banche danno il prestito con la responsabilità in solido. C'e un sistema per tirarsi indietro?

infatti una delibera puo' essere solo sulle parti comuni, che, nei condomìni, sono quelle investite del miglioramento delle classi energetiche.

Sulle parti private non puo' l'assemblea obbligare ad intervenire, è sempre stato così e così continuerà ad essere.

  • Grazie 1
Danielabi dice:

infatti una delibera puo' essere solo sulle parti comuni, che, nei condomìni, sono quelle investite del miglioramento delle classi energetiche.

Sulle parti private non puo' l'assemblea obbligare ad intervenire, è sempre stato così e così continuerà ad essere.

Capisco ma il cappotto e parte comune . Puo una delibera a maggioranza costringermi a fare un finanziamento per il cappotto se non sono interessato?

giallone dice:

Capisco ma il cappotto e parte comune . Puo una delibera a maggioranza costringermi a fare un finanziamento per il cappotto se non sono interessato?

Non puo' obbligarti a fare un finanziamento, ma a pagare l'intervento deliberato a maggioranza, si.

  • Grazie 1
Danielabi dice:

Non puo' obbligarti a fare un finanziamento, ma a pagare l'intervento deliberato a maggioranza, si.

Certo che pago  ma in banca a firmare  per il prestito ci vanno i vicini a me la banca non mi può chiedere nulla?

giallone dice:

Certo che pago  ma in banca a firmare  per il prestito ci vanno i vicini a me la banca non mi può chiedere nulla?

Se non vuoi firmare nessuno puo' costringerti.

  • Mi piace 1
Danielabi dice:

Se non vuoi firmare nessuno puo' costringerti.

Speriamo non mi possa costringere una delibera approvata coi 2/3 come detto sopra. Io vorrei pagare coi miei soldi e chi vuole il finanziamento ci va e ne risponde io proprio non voglio essere coinvolto

giallone dice:

Speriamo non mi possa costringere una delibera approvata coi 2/3 come detto sopra. Io vorrei pagare coi miei soldi e chi vuole il finanziamento ci va e ne risponde io proprio non voglio essere coinvolto

Da quando il vicino di casa puo' costringerti ad andare a firmare un mutuo?

Insomma, va bene avere molti dubbi riguardo al superbonus, ma calma, non usciamo dalla strada del normae buonsenso.

Questo provvedimento sembra diventato la nuova ossessione italica: chi ha bisogno di interventi di efficientamento e puo' permetterseli, li faccia; gli altri stiano a guardare. Che dirvi di piu'?

  • Mi piace 1
  • Grazie 1
Danielabi dice:

Provvedimento cessione credito:

...2.2. L’asseverazione di cui al punto 2.1, lettere a) e b), è rilasciata al termine dei lavori o per ogni stato di avanzamento dei lavori

Le lettere a e b del punto 2.1 riguardano l'asseverazione del tecnico ecobonus e sismabonus. Non è previsto il visto di conformità del commercialista sugli stati d'avanzamento.

Ottimo, grazie!

giallone dice:

Speriamo non mi possa costringere una delibera approvata coi 2/3 come detto sopra. Io vorrei pagare coi miei soldi e chi vuole il finanziamento ci va e ne risponde io proprio non voglio essere coinvolto

Il prestito viene fatto al condominio, a suo tempo mi informai e l'avvocato mi disse che è legale e che anche i dissenzienti sono obbligati a seguire la maggioranza e ovviamente garantisce la compagine condominiale al completo.

 

L'assemblea non accetterebbe mai perché ovviamente singolarmente diversi condomini non otterrebbero il finanziamento.

 

Comunque se farete con Unicredit non sarà al 2,80% il finanziamento ma al 6,50% che è la quota proposta a Condominio e Impresa. 2,80% è la quota per la persona fisica nel caso di unifamiliari.

 

A mio parere puoi tirarti fuori dalla cessione del credito pagando cash la tua tua quota prima dell'inizio dei lavori e quindi non facendo parte della procedura non fai parte del ripagare il finanziamento. Però resteresti responsabile come condomino in caso di insolvenza di qualche condomino.

In caso di sconto in fattura non so se si può scorporare la posizione di ogni singolo condomino scontando le altre quote e pagando cash la quota relativa.

Danielabi dice:

Da quando il vicino di casa puo' costringerti ad andare a firmare un mutuo?

Insomma, va bene avere molti dubbi riguardo al superbonus, ma calma, non usciamo dalla strada del normae buonsenso.

Questo provvedimento sembra diventato la nuova ossessione italica: chi ha bisogno di interventi di efficientamento e puo' permetterseli, li faccia; gli altri stiano a guardare. Che dirvi di piu'?

Non è un mutuo, il singolo condomino non firma nulla. E' un prestito chirografario assunto dal Condominio e del quale risponde la compagine condominiale in caso di insolvenza.

  • Grazie 1
davidino1978 dice:

Il prestito viene fatto al condominio, a suo tempo mi informai e l'avvocato mi disse che è legale e che anche i dissenzienti sono obbligati a seguire la maggioranza e ovviamente garantisce la compagine condominiale al completo.

 

L'assemblea non accetterebbe mai perché ovviamente singolarmente diversi condomini non otterrebbero il finanziamento.

 

Comunque se farete con Unicredit non sarà al 2,80% il finanziamento ma al 6,50% che è la quota proposta a Condominio e Impresa. 2,80% è la quota per la persona fisica nel caso di unifamiliari.

 

A mio parere puoi tirarti fuori dalla cessione del credito pagando cash la tua tua quota prima dell'inizio dei lavori e quindi non facendo parte della procedura non fai parte del ripagare il finanziamento. Però resteresti responsabile come condomino in caso di insolvenza di qualche condomino.

In caso di sconto in fattura non so se si può scorporare la posizione di ogni singolo condomino scontando le altre quote e pagando cash la quota relativa.

Non è un mutuo, il singolo condomino non firma nulla. E' un prestito chirografario assunto dal Condominio e del quale risponde la compagine condominiale in caso di insolvenza.

Certo che pago cash ma non rispondo assolutamente per i debiti dei miei vicini! Gia parecchi di loro sono 10 anni che non pagano il condominio, quasi tutti hanno le banche che hanno chiuso i loro conti correnti per insolvenza, sono nel registro dei cattivi pagatori e non otterrebbero nulla da nessuna banca, hanno gli appartamenti ipotecati e pignorati anche dal nostro Amministratore, La banca potrebbe concedere il finanziamento solo con la firma dei pochissimi solvibili che automaticamente sarebbero condannati a pagare per tutti alla faccia della parzieta del debito condominiale.  A parte che gli interessi passivi non intendo proprio pagarli anche fossero pochi euro

Modificato da giallone
giallone dice:

Certo che pago cash ma non rispondo assolutamente per i debiti dei miei vicini! Gia parecchi di loro sono 10 anni che non pagano il condominio, quasi tutti hanno le banche che hanno chiuso i loro conti correnti per insolvenza, sono nel registro dei cattivi pagatori e non otterrebbero nulla da nessuna banca, hanno gli appartamenti ipotecati e pignorati anche dal nostro Amministratore, La banca potrebbe concedere il finanziamento solo con la firma dei pochissimi solvibili che automaticamente sarebbero condannati a pagare per tutti alla faccia della parzieta del debito condominiale.  A parte che gli interessi passivi non intendo proprio pagarli anche fossero pochi euro

Se i 2/3 votano a favore mi sa che non scappi e seguirà la stessa procedura delle mancate rate pagate. L'unica possibilità è che non passi in assemblea il 110% o il finanziamento. Alla banca basta la delibera con i 2/3 a favore. Ma scusa in 10 anni non siete riusciti a vendere all'asta gli appartamenti?

Modificato da davidino1978
davidino1978 dice:

Se i 2/3 votano a favore mi sa che non scappi e seguirà la stessa procedura delle mancate rate pagate. L'unica possibilità è che non passi in assemblea il 110% o il finanziamento. Alla banca basta la delibera con i 2/3 a favore. Ma scusa in 10 anni non siete riusciti a vendere all'asta gli appartamenti?

Quasi tutti gli appartamenti hanno ipoteca di primo grado di una banca, di secondo grado di un'altra banca, pignoramenti vari e poi il pignoramento nostro.

giallone dice:

Quasi tutti gli appartamenti hanno ipoteca di primo grado di una banca, di secondo grado di un'altra banca, pignoramenti vari e poi il pignoramento nostro.

Capisco che non prenderete niente, ma se decidete sempre di pagare voi non risolverete mai il problema. Fra l'altro per non far partire l'esecuzione magari il debitore vi salda visto che solitamente i debiti condominiali sono più piccoli e piuttosto che perdere la casa si ferma saldando i piccoli e lasciando in fila le banche.

davidino1978 dice:

Capisco che non prenderete niente, ma se decidete sempre di pagare voi non risolverete mai il problema. Fra l'altro per non far partire l'esecuzione magari il debitore vi salda visto che solitamente i debiti condominiali sono più piccoli e piuttosto che perdere la casa si ferma saldando i piccoli e lasciando in fila le banche.

Guarda questi non hanno proprio un euro, finora non abbiamo pagato molto per loro perche avevamo un credito vecchio e perche qui il condominio costa poco, ma adesso i morosi vogliono 200 000 di lavori a spese di pochissimi altri (uno o due) Naturalmente l'amministratore, che è per il risparmio energetico, è d'accordissimo!!

Modificato da giallone

mi inserisco per una domanda: cedendo tutto il credito ad un general contractor che si occuperebbe di tutto l'iter e di eseguire i lavori, si risolverebbero molti problemi di accesso al credito ?

ricnic dice:

mi inserisco per una domanda: cedendo tutto il credito ad un general contractor che si occuperebbe di tutto l'iter e di eseguire i lavori, si risolverebbero molti problemi di accesso al credito ?

Il punto è che solitamente l'ESCO general contractors non lavora al 110%, per ora siamo fra il 119% e il 125%.

giallone dice:

Guarda questi non hanno proprio un euro, finora non abbiamo pagato molto per loro perche avevamo un credito vecchio e perche qui il condominio costa poco, ma adesso i morosi vogliono 200 000 di lavori a spese di pochissimi altri (uno o due) Naturalmente l'amministratore, che è per il risparmio energetico, è d'accordissimo!!

L'errore che stato commettendo è di non far partire la procedura, vi tocca anticipare un po' di soldini (le spese di procedura poi rientrano) ma poi vi liberate per sempre dei morosi dopo la vendita all'asta. Altrimenti continuerete a pagare anche per loro e in fondo lo votate voi di andare avanti così.

davidino1978 dice:

Mi sa che non hai letto bene il prospetto informativo Unicredit, oltre a non esserti informato con loro.

Se tu condomino non vuoi spendere niente devi trovare una ditta che starà fuori per almeno il costo del primo 40% di lavori (oltre che le spese tecniche) perché la prima trance del 30% della detrazione arriva con i suoi tempi tecnici dopo che il tecnico (e mi hanno detto anche il commercialista) hanno asseverato lo stato di avanzamento lavori almeno al 30%.

Insomma, o la ditta ha una buona capacità finanziaria oppure difficilmente accetta un accordo del genere, oppure sono alla canna del gas e ci provano a inchiodare i fornitori e banca (e giustamente la banca rifiuta la linea di credito).

Sai, le banche danno credito come attività, non hanno nessun interesse a non aprire una linea di credito ad una ditta seria. E una ditta seria dubito che non vi chiederà un anticipo all'avvio lavori.

Egr. Sig. Davidino1978 Unicredit concede il 60% del contratto da appalto (ci sono stato questa mattina in banca) ma deve aprire una nuova linea di fido all'impresa in base al merito creditizio. Il quale comporta una perdita di tempo. Ma la domanda che sto riproponendo all'infinito ma che nessuno sa rispondere è quante assemblee bisognerà fare affinché si trovi la ditta giusta???? Perchè bisogna prima approvare il preventivo dell'azienda e poi l'azienda potrà rivolgersi alla banca.

Modificato da admin.mario
Leonardo53 dice:

Si cerca un'impresa disposta ad acquistare il credito ed a cominciare i lavori senza dover versare alcun acconto.

Si mette tutto nel contratto d'appalto e credo che le grosse imprese saranno ben felici di di prendere appalti anche se dovessero incassare dopo qualche mese.

Hai mai visto quelle pubblicità in cui acquisti l'auto oggi senza anticipo e con rate che cominciano a partire dall'anno prossimo? Io credo che succederà più o meno la stessa cosa.

Dopo qualche anno......no qualche mese

×