Vai al contenuto
Danielabi

CESSIONE CREDITO - ADEMPIMENTI

angela rossi dice:

Si effettivamente questo lo avevo fatto presente ma il condomino pagherebbe la  quota  specificando che il pagamento è riferito alle quote dovute dall'altro condomino.

Così potrebbe andare bene?

Diciamo che sarebbe meglio, in caso di verifica di AdE, che il condòmino virtuoso A versasse le quote al condòmino moroso B, così che fosse B a versare al condomìnio. In questo caso non si sarebbe problema di sorta.

Danielabi dice:

Diciamo che sarebbe meglio, in caso di verifica di AdE, che il condòmino virtuoso A versasse le quote al condòmino moroso B, così che fosse B a versare al condomìnio. In questo caso non si sarebbe problema di sorta.

Fatto questo passaggio, quando nel 2022, dovrò fare la certificazione il condomino B dovrà comunicarmi che intende cedere il suo credito al condomino B, giusto?

La comunicazione quando deve farla?

All'Ade lui deve comunicare qualcosa o devo fare tutto io?

 

angela rossi dice:

Fatto questo passaggio, quando nel 2022, dovrò fare la certificazione il condomino B dovrà comunicarmi che intende cedere il suo credito al condomino B, giusto?

La comunicazione quando deve farla?

All'Ade lui deve comunicare qualcosa o devo fare tutto io?

 

La detrazione riguarda interventi sulle parti comuni, per cui tocca a te fare la comunicazione ad AdE della cessione del credito che B (cedente) farà a favore di A (cessionario)

Inoltre dovrai inviare la solita comunicazione per i costi da ripartire fra tutti i condòmini

Tieni presente che la comunicazione di cessione del credito puoi farla non appena hai pagato la fattura e i due si dicono d'accordo per la cessione, non devi necessariamente aspettare il prossimo anno.

Una volta che tu hai inviato la comunicazione di cessione ad AdE, hai finito.

Il cessionario (A) dovrà verificare nella sua area riservata del sito AdE che il credito gli sia stato attribuito, a quel punto deve accettarlo e poi è libero di disporne come crede, ma farà tutto lui.

Quindi, 

io penso di saldare l'importo dovuto alla ditta entro fine giugno

A luglio potrei fare la comunicazione di cessione del credito, se mi comunicano l'accordo per la cessione

E poi la solita comunicazione va fatta normalmente nel 2022

Daniela dove ho sbagliato!!!??

angela rossi dice:

Daniela dove ho sbagliato!!!??

Non hai sbagliato, è tutto come hai scritto. 😃

Danielabi dice:

Non hai sbagliato, è tutto come hai scritto. 😃

Grazie!!! 

angela rossi dice:

Grazie!!! 

di nulla.

Silvia3 dice:

Altro problema... @Sjlva ti ho pensata moltissimo: il nostro sogno che nessuno muoia/nessuno venda nei prossimi 18 mesi si è infranto.

Infranto alla grande!

Per il momento ho un appartamento venduto con rogito a fine giugno, un altro all'asta con primo tentativo a luglio, un altro sempre all'asta ma con data non ancora fissata.

Lavori previsti per metà settembre/ottobre.... 😅

C'è tempo ancora!

Quesito della buona notte:

 

per un cantiere con bonus facciate, abbiamo concordato la cessione del credito col fornitore. Il fornitore a sua volta cederà alla Banca, che gli riconosce l'80% del 90%, quindi il fornitore ha chiesto al condominio che il condominio gli paghi il 10% + ulteriore 18%, ok.

 

Ora mi è arrivata una fattura con cui il fornitore chiede il versamento della somma totale 10+18%, e indica che il pagamento deve avvenire con bonifico parlante e che all'appalto è stato applicato il bonus facciate.

 

Ammetto che il contratto d'appalto al punto in cui si parla della cessione del credito non è esattamente un'opera d'arte (imparo per il futuro), perchè indica sia che il fornitore ha accettato di fare lo sconto in fattura per il 90%, sia che il condominio deve pagare somme residue per 15000 euro (il famoso 10+18) subito all'apertura del cantiere.

 

Però. Secondo me è assolutamente sbagliatissimo che gli paghi i 15000 indicati in fattura tutti con bonifico parlante perchè equivarrebbe a dire che 15000=10% non scontato e totale appalto 150.000.

 

Quindi pensavo di chiedere di correggere la fattura indicando 10.000 (circa, semplifico) costi finanziari e 5000 quota non scontata. Per pagare subito tutta la quota residua allo sconto, però la fattura deve indicare opere 50.000, sconto 45.000, a pagare 5.000.

 

E' corretto il mio ragionamento? non vorrei nè mettermi a rompere le scatole a caso su una fattura che in realtà va benissimo, nè blaterare cavolate senza senso...

 

Ipotizzando che il mio ragionamento fili e che il fornitore mi corregga la fattura come dico io (o come stabiliamo su questo forum più tardi hahahah), pagando il 10% residuo in pratica gli sto pagando tutto l'appalto. Il credito fiscale quando sarà disponibile nel cassetto fiscale del fornitore? solo dopo alla mia comunicazione della cessione all'AdE o già prima?

Io dovrò fare altro per far comparire questo credito nel cassetto fiscale del fornitore?

 

grazie a tutti e scusate l'ora quasi tarda. Ragionare di ste cose dopo cena mi sfinisce.

Gli oneri finanziari (18%) non sono fra le spese detraibili, quindi devono essere fatturate a parte, pagate con normale bonifico.

Il fornitore ti deve fare una fattura di acconto per un tot e applicare lo sconto sul tot. perchè se avete pattuito che cedete la detrazione con sconto, ogni volta che pagate l'intervento deve applicare lo sconto.

Non è indispensabile che tu faccia immediatamente la comunicazione di cessione ad AdE dell'acconto, salvo che il fornitore ti chieda il favore.

Una volta fatta la comunicazione AdE mette a disposizione del fornitore nella sua area riservata il credito, e a quel punto il fornitore lo utilizzerà come crede

A fine lavori, il fornitore dovrà emettere la fattura con l'importo totale dell'intervento, togliere l'acconto e applicare lo sconto sul residuo. A questo punto tu invierai la comunicazione: che comprende l'acconto nel caso tu evitassi la prima comunicazione, oppure al netto dell'acconto nel caso inviassi la prima comunicazione.

Grazie Daniela! 

 

Quindi considerato che il fornitore vuole che gli paghiamo subito tutti gli importi non scontati dovrà emettere la fattura per il totale dell'appalto con relativo sconto + a parte oneri finanziari. 

Io posso cmq considerarmi tranquilla a procedere a pagare tutto subito perché non vedrà il credito fiscale finché io non mando la comunicazione all'ade (quindi in caso di problemi sul cantiere ho cmq in mano, in un modo o nell'altro, il 90% delle quote da trattenere...). 

 

Sto sbagliando qualcosa? 

Silvia3 dice:

Sto sbagliando qualcosa? 

No.

Dubito, pero', che il fornitore emetterà il totale fattura subito, per lui significa dover comunque pagare l'iva e penso che vorrà aspettare quantomeno di aver quasi ultimato l'opera. Pero'...vedi tu se riesci a convincerlo

eh beh...è il fornitore che ha detto che vuole ricevere tutti i soldi (per importo residuo sconto + oneri finanziari) subito...io non ci tengo particolarmente a seguire questa strada.

Ma di certo non posso nemmeno pagargli una fattura compilata nel modo che dicevo ieri sera...

Modificato da Silvia3
Silvia3 dice:

Ma di certo non posso nemmeno pagargli una fattura compilata nel modo che dicevo ieri sera

No, infatti.

Vieni a patti: lui fa la cosa giusta e tu anche...😁

Ottima idea: e quale sarebbe il compromesso?

Silvia3 dice:

Ottima idea: e quale sarebbe il compromesso?

In realtà non è un compromesso: la ditta deve farti le fatture in modo corretto, eventualmente puoi promettere loro di anticipare la comunicazione di "un po'"

Domanda: la ditta dovrebbe avere un commercialista, che dice in relazione all'emissione delle fatture?

La ditta dovrebbe avere un commercialista 😂😂 oddio muoio dal ridere.

 

Comunque non ho ancora chiamato (la ditta) quindi non lo so...ma mi azzardo a prevedere il futuro e sento che presto mi troverò a parlare col commercialista 😉 

Silvia3 dice:

sento che presto mi troverò a parlare col commercialista

Ecco, meglio........almeno arriverete ad una conclusione certa. 😉

Buongiorno. Sto per inviare la mia prima cessione del credito tramite sconto in fattura. Prima di inviarla anche se tutti i quadri vengono verdi ho fatto la stampa per ricontrollare il tutto. Ma mi stanno sorgendo diversi dubbi.

1) Va bene che nel frontespizio mi venga fuori solo il cf del condominio il cf dell amministratore ed il cf dell'intermediario-? Direi di si ma chieod conferma

2) Ogni pagina successiva in alto a destra è nominata con il numero del modulo che a logica è uno per ogni sub. Ma come mai nella sezione II non mi riporta solo il proprietario cessionario ma mi riempie tutti i righi con anche proprietari di altri sub e mi trovo infondo moduli senza proprietari? 

Non so se mi sono spiegata bene.

Non vorrei aver abagliato qualche numerazione...

Grazie mille

ps aggiungo che io sto utilizzando il software non l accesso diretto all agenzia delle entrate.

Modificato da AmmPT

Credito fiscale su opere su parti comuni al 50% (e relativa cessione):

sono escluse sia le società, sia le unità non abitative, anche se il proprietario è persona fisica.

 

Giusto tutto? ho trovato il riferimento che esclude le società, ma non riesco a trovare quello che esclude le unità non abitative (e non pertinenziali)

Modificato da Silvia3
AmmPT dice:

1) Va bene che nel frontespizio mi venga fuori solo il cf del condominio il cf dell amministratore ed il cf dell'intermediario-?

Si; l'intermediario compare solo se fai inviare il file al commercialista o al caf.

 

AmmPT dice:

2) Ogni pagina successiva in alto a destra è nominata con il numero del modulo che a logica è uno per ogni sub. Ma come mai nella sezione II non mi riporta solo il proprietario cessionario ma mi riempie tutti i righi con anche proprietari di altri sub e mi trovo infondo moduli senza proprietari? 

E' il problema che hanno riscontrato tutti, non puoi farci nulla; si spera solo che Sogei prima o poi sistemi.

 

Silvia3 dice:

sono escluse sia le società, sia le unità non abitative, anche se il proprietario è persona fisica.

Giusto. La detrazione per ristrutturazione è fruibile solo su unità abitative, quindi accatastate come A/.... (escuso A/10, uffici)

  • Grazie 1
Danielabi dice:

La detrazione per ristrutturazione è fruibile solo su unità abitative, quindi accatastate come A/.... (escuso A/10, uffici)

Io credevo anche per le unità pertinenziali, es. box.

Silvia3 dice:

Io credevo anche per le unità pertinenziali, es. box.

Si, ovviamente, proprio perchè pertinenziali. Ma, se un condòmino avesse solo il box di proprietà, quindi senza la pertinenza con un appartamento, niente detrazione.

Buonasera a tutti e un grazie doveroso a Danielabi che è sempre disponibile... Vi racconto il mio incubo... ho inoltrato una comunicazione relativa a una ditta per interventi edilizi superbonus il 30.12.2020 e la comunicazione è stata accettata da ADE e la ditta ha avuto il suo... ieri ho compilato la seconda tranches relativa ad un'altra ditta che ha effettuato i lavori nello stesso condomino, ho inoltrato il file a ADE e la comunicazione è stata scartata. Il motivo dello scarto è questo:

"RICEVUTA DI SCARTO DELLA COMUNICAZIONE DELL'OPZIONE ARTT. 119 E 121 DL. 34/2020

 

In data 21/05/2021 il sistema informativo dell'Agenzia delle Entrate ha acquisito con protocollo 21052143504724158 - 000000 la comunicazione per l'opzione relativa agli interventi sul patrimonio edilizio di cui agli artt. 119 e 121, D.L. n. 34 del 19 maggio 2020 presentata da CF CONDOMINIO
La comunicazione e' relativa ad un condominio La comunicazione e' stata scartata in quanto
il SAL n.1 a cui si riferisce, protocollato con 20123036315424756 - 000001, non esiste o non e' valido.

Codice di riscontro del documento:
5388466AAA0F907D02E085EDEE3BD9EA9870FB07
Codice di riscontro della presente ricevuta:
4EE92D76D44CAAD276AAAA6E604A312DC71286E5
Li, 21/05/2021

 

 

 

nel quadro A intervento ho inserito:

TIPO INTERVENTO 18

UNITA PRESENTI 5

IMPORTO COMPLESSIVO: € relativi alla spesa pagata alla ditta

ANNO SOSTENIMENTO SPESA 2021

STATO AVENZAMENTO LAVORI 2

PROT. TELEMAT. 1^ TRASMISSIONE 20123036315424756-000001

1^ ANNO SOSTENIMENTO SPESA 2020

 

Ho forse commesso qualche errore?

Vi è mai capitato?
GRAZIE

Modificato da milu31
×