Vai al contenuto
Danielabi

CESSIONE CREDITO - ADEMPIMENTI

Sjlva dice:

L'amministratore, quindi, avrebbe l'obbligo di accertarsi della loro condizione oppure sono loro a dover comunicare di non poter cedere il credito?

Il cartello che ho davanti alla scrivania dice: "E' il commercialista che si occupa della situazione fiscale di ogni singola persona, a lui ci si deve rivolgere!"

Punto.

 

Sjlva dice:

Perché inviare le comunicazioni all'AdE a nome degli eredi, e non a suo nome? 

Perchè lui è morto. Nell'articolo di AdE si fa menzione della detrazione non totalmente fruita dal de cujus, ergo entrano in gioco gli eredi dal momento in cui il condòmino passa a miglior vita, è come se entrassero in "possesso" della detrazione......

Pero', sto ragionando con voi, in realtà un caso simile sarebbe da sottoporre al numero verde di AdE.

Riguardo al fatto che un erede esisterà...d'accordo. Ma solo io ho una successione aperta da 6 anni, e una in cui nessuno vuole accettare l'eredità........ 

Silvia3 dice:

Vero? 

No, infatti un proprietario puo' anche non abitare l'immobile o averlo affittato.

Il "tema" erano gli eredi.

Silvia3 dice:

in cui nessuno vuole accettare l'eredità

Che sia la volta buona che si decidono...??

Chiedere ad AdE.....😊

Danielabi dice:

Il cartello che ho davanti alla scrivania dice: "E' il commercialista che si occupa della situazione fiscale di ogni singola persona, a lui ci si deve rivolgere!"

Punto.

👍 Più che opportuno! Già abbiamo da rompersi la testa lo stesso.

 

Danielabi dice:

Perchè lui è morto. Nell'articolo di AdE si fa menzione della detrazione non totalmente fruita dal de cujus, ergo entrano in gioco gli eredi dal momento in cui il condòmino passa a miglior vita, è come se entrassero in "possesso" della detrazione......

Vero ... però se gli eredi non avessero diritto alla detrazione perché senza il requisito della disponibilità del bene e la cessione del credito fosse già stata fatta, oppure lo sconto in fattura già goduto poiché è stata emessa e pagata dall'amministratore sulla base dell'opzione rilasciata dal de cujus, come potrebbero "restituire" ciò di cui non potrebbero beneficiare?

Secondo me neppure al numero verde AdE riescono a dare una risposta sicura.

Ripeto: egoisticamente altruista, auguro lunga lunga vita ai miei condòmini, così non dovrò incasinarmi oltre (scusatemi il termine).

Sjlva dice:

come potrebbero "restituire" ciò di cui non potrebbero beneficiare?

🙄 se ha goduto della detrazione/sconto il de cujus, gli eredi non devono restituire nulla. Mi sto perdendo?

Silvia3 dice:

Ma solo io ho una successione aperta da 6 anni

Capita più spesso di quello che pensiamo, a volte non per litigi ma per semplice disinteresse delle persone coinvolte.

Io stessa una volta mi sono trovata in mezzo a qualcosa del genere, con uno zio non sposato e senza figli mancato quand'ero poco più che bambina; ho ricevuto una (piccolissima) quota di eredità quando ero già diventata mamma da una decina d'anni. Nel frattempo erano morti anche i suoi fratelli, quindi siamo diventati eredi tutti noi cugini (e in due casi i figli di cugini).

Danielabi dice:

🙄 se ha goduto della detrazione/sconto il de cujus, gli eredi non devono restituire nulla. Mi sto perdendo?

No, è corretto.

Ma allora perché intestare agli eredi, che magari non hanno il requisito per poterne beneficiare?

Sarebbe un cortocircuito fiscale.

C'è stato il beneficio, ma l'intestatario (o gli intestatari) della pratica non ne poteva(no) usufruire.... per l'amministratore sarebbe più coerente e semplice intestare tutte le comunicazioni al defunto.

Modificato da Sjlva
Sjlva dice:

per l'amministratore sarebbe più coerente e semplice intestare tutte le comunicazioni al defunto.

🙄 mah....potrebbe essere, ma.....passo.😁

Danielabi dice:

🙄 mah....potrebbe essere, ma.....passo.😁

 ... speriamo non succeda di affrontare questa situazione 🙏😉

Ragazze, io per il momento chiudo. Lunedì mi rileggo il vostro dibattito. Dopodiché ho deciso sia il caso cominciare ad annotarmi per ogni condominio con lavori tutte le situazioni complicate e potenzialmente a rischio... E a quel punto sicuro tornerò qui a cercare di dirimere il tutto... 

 

Intanto, grazie e buon fine settimana 

Silvia3 dice:

buon fine settimana 

Altrettanto!

Silvia3 dice:

Intanto, grazie e buon fine settimana 

A voi, grazie.

Se mi permettete torno sulla questione degli eredi.

Appartamento con proprietario deceduto ormai da anni.

Mai fatta voltura il Conservatoria e neppure in Catasto. Nessuna denuncia di successione Ancora a nome del de cuius.

Mai accettata eredità.

Credito dell'appartamento 30.000.  Escluso categoricamente che qualcuno di noi se lo accolli.

Come fare?

Grazie.

giallone dice:

Se mi permettete torno sulla questione degli eredi.

Appartamento con proprietario deceduto ormai da anni.

Mai fatta voltura il Conservatoria e neppure in Catasto. Nessuna denuncia di successione Ancora a nome del de cuius.

Mai accettata eredità.

Credito dell'appartamento 30.000.  Escluso categoricamente che qualcuno di noi se lo accolli.

Come fare?

Grazie.

Beh, se il debito è arrivato a 30mila euro vale la pena investire qualche centinaio di euro per farvi aiutare da un avvocato se non siete in grado di procedere da soli.

Dovete rivolgervi al Tribunale e chiedere la nomina di un curatore dell'eredità giacente il quale provvisoriamente potrebbe anche fittare l'appartamento per pagare i debiti e poi farà ricerca fino alla settima generazione e chiedere l'espressa accettazione o rinuncia all'eredità.

Se nessuno accetterà l'eredità l'appartamento passerà allo Stato. Il curatore metterà la casa in vendita e pagherà i creditori.

Possibile che con 30mila euro di debiti non vi è mai venuto in mente nemmeno di chiedere nemmeno una prima consulenza di un centinaio di euro ad un avvocato?

  • Mi piace 1
  • Grazie 1
giallone dice:

Se mi permettete torno sulla questione degli eredi.

Appartamento con proprietario deceduto ormai da anni.

Mai fatta voltura il Conservatoria e neppure in Catasto. Nessuna denuncia di successione Ancora a nome del de cuius.

Mai accettata eredità.

Credito dell'appartamento 30.000.  Escluso categoricamente che qualcuno di noi se lo accolli.

Come fare?

Grazie.

Chiedete la nomina di un curatore dell'eredità giacente.

https://www.altalex.com/guide/eredita-giacente

  • Grazie 1
Leonardo53 dice:

Possibile che con 30mila euro di debiti non vi è mai venuto in mente nemmeno di chiedere nemmeno una prima consulenza di un centinaio di euro ad un avvocato?

Già.....

  • Grazie 1
condo77 dice:

Chiedete la nomina di un curatore dell'eredità giacente.

https://www.altalex.com/guide/eredita-giacente

L'abbiamo chiesta. Il giudice ha risposto che l'eredità non è giacente ma controversa tra 2 persone. Nessuno dei due vuole accettare e fare la voltura in Conservatoria.

Aggiungo che il credito ancora non esiste perché i lavori non sono iniziati. L'amministratore dice che l'impresa o la banca vogliono il certificato in Conservatoria dove ancora c'è il nome del de c u i u s

Modificato da giallone
giallone dice:

L'abbiamo chiesta. Il giudice ha risposto che l'eredità non è giacente ma controversa tra 2 persone. Nessuno dei due vuole accettare e fare la voltura in Conservatoria.

Aggiungo che il credito ancora non esiste perché i lavori non sono iniziati. L'amministratore dice che l'impresa o la banca vogliono il certificato in Conservatoria dove ancora c'è il nome del de c u i u s

Quindi i 30.000 € di cui sopra sono futuribili e teorici?

Che lavori vorreste fare?

Generalmente in questi casi la soluzione è dividere spese e relativo credito fiscale tra gli altri condomini, però tu scrivi che tale ipotesi sarebbe da escludere...

  • Grazie 1
condo77 dice:

Quindi i 30.000 € di cui sopra sono futuribili e teorici?

Che lavori vorreste fare?

Generalmente in questi casi la soluzione è dividere spese e relativo credito fiscale tra gli altri condomini, però tu scrivi che tale ipotesi sarebbe da escludere...

Bonus facciate 90%.  Preventivo ingegnere, sua quota circa 30.000. Assolutamente escluso che qualcuno si accolli tale somma. Assolutamente escluso che uno dei due possibili eredi iscriva il suo nome in Conservatoria. 

giallone dice:

Bonus facciate 90%.  Preventivo ingegnere, sua quota circa 30.000. Assolutamente escluso che qualcuno si accolli tale somma. Assolutamente escluso che uno dei due possibili eredi iscriva il suo nome in Conservatoria. 

Se escludete qualsiasi possibilità, rimane che la ditta intervenga, il debito sia richiesto tramite decreto ingiuntivo, che se non subito, in seconda istanza verrà fatto al condomìnio e allora dovrete pagare (debito + spese legali) e poi rivalervi sugli eredi.

Oppure non eseguite il lavoro.

In ogni caso, penso che la nomina di un curatore sia possibile, sia perchè il patrimonio non subisca danni, sia a tutela dei terzi.

L'avvocato ha escluso tale possibilità o non ne ha proposte di altre? 🤔

  • Grazie 1
Danielabi dice:

Se escludete qualsiasi possibilità, rimane che la ditta intervenga, il debito sia richiesto tramite decreto ingiuntivo, che se non subito, in seconda istanza verrà fatto al condomìnio e allora dovrete pagare (debito + spese legali) e poi rivalervi sugli eredi.

Oppure non eseguite il lavoro.

In ogni caso, penso che la nomina di un curatore sia possibile, sia perchè il patrimonio non subisca danni, sia a tutela dei terzi.

L'avvocato ha escluso tale possibilità o non ne ha proposte di altre? 🤔

L'avvocato ha fatto istanza per la nomina del curatore ma gli è stata rigettata ( detto per inciso ci ha fatto pagare una fattura da 4.000 euro per questa istanza rigettata).

Adesso pare che per cedere il credito o lo sconto in fattura ci vuole un certificato della Consevatoria.

Non lo abbiamo e non lo avremo, questo è sicuro.

Nessuno vuole sapere nulla di questi 30.000 euro, neanche chi spinge per i lavori, tantomeno chi non li vuole.

giallone dice:

Nessuno vuole sapere nulla di questi 30.000 euro, neanche chi spinge per i lavori, tantomeno chi non li vuole.

Be', che dire? Ovviamente per quell'appartamento non potrete accedere allo sconto in fattura, quindi resterà il debito da pagare e qualcuno alla fine sarà chiamato ad aprire il portafoglio.

Auguri.

  • Grazie 1
giallone dice:

L'avvocato ha fatto istanza per la nomina del curatore ma gli è stata rigettata ( detto per inciso ci ha fatto pagare una fattura da 4.000 euro per questa istanza rigettata).

Adesso pare che per cedere il credito o lo sconto in fattura ci vuole un certificato della Consevatoria.

Non lo abbiamo e non lo avremo, questo è sicuro.

Nessuno vuole sapere nulla di questi 30.000 euro, neanche chi spinge per i lavori, tantomeno chi non li vuole.

Ma quanti siete in tutto?

Se p.e. foste i 10 favorevoli ai lavori, i 30.000 € diventerebbero ca. 3.000 € a testa, con sconto in fattura al 90% si ridurrebbero a 300 € a testa.

condo77 dice:

Ma quanti siete in tutto?

Se p.e. foste i 10 favorevoli ai lavori, i 30.000 € diventerebbero ca. 3.000 € a testa, con sconto in fattura al 90% si ridurrebbero a 300 € a testa.

I favorevoli ai lavori sono 3. Io ho già proposto che questi tre paghino i 30.000 euro e ci facciano quello che credono, ma da quell'orecchio non ci sentono. Una cosa è certa ne io neanche gli altri non ne vogliamo saper nulla dei 30.000 e non ci interessano neanche tanto questi lavori.

Buongiorno a tutti, come promesso, rieccomi.

 

Intanto una domanda generale: il numero verde di AdE...è efficace? è risolutivo? da qualche parte Daniela mi ha scritto di sentire loro...ma mi posso fidare di quello che mi viene detto a voce? o devo prenderlo tipo meglio di niente...?

 

Intanto non vi dico quanti condomini di quelli che hanno ricevuto la richiesta di mandarmi la dichiarazione per la cessione del credito mi hanno chiamato per chiedere chi la dovesse firmare (non vi dico quanti ma...TUTTI quelli con unità cointestata marito moglie..... Per fortuna che in realtà nel caso specifico la faccenda non è problematica perchè è pacifico che la spesa viene pagata da uno dei coniugi e il credito ceduto e nessuno avrà da ridire quindi...che firmi l'uno, l'altro o entrambi in concreto non mi cambia nulla).

 

Intanto bis stavo controllando tutte le situazioni "particolari" che mi ritrovo nei condomini, giusto per non arrivare con l'ansia all'ultimo secondo.

Quoto quello che dice @Sjlva: auguro lunga vita a tutti i miei condomini per il prossimo anno e mezzo in particolare...e mi auguro anche che nessuno decida di vendere proprio adesso, giusto per non complicarmi la vita tra successioni e subentri!!

 

Ciò detto, allo stato attuale tutte le successioni che devo smazzarmi sono riferite a gente deceduta ben prima della delibera di lavori per superbonus (o bonus facciate...), quindi gli eredi sono proprietari alla data della delibera e bon.

 

Vediamo sulla casistica concreta se ho capito bene come fare:

1) unità di proprietà di 4 soggetti per varie quote, + 1 quota in successione... Gli eredi stanno litigando, quindi non si sa con certezza chi erediterà, PERO' è moltomoltomolto plausibile che chi erediterà sarà 1 (o più di 1) dei 4 che sono già proprietari di qualche quota. Se riesco a farmi firmare da tutti e quattro la dichiarazione di cessione credito credo di poter dormire tranquilla....no? idee migliori?

se invece volessi scrivere nel verbale dell'assemblea che tutti cedono il credito (art 9bis) salvo espressa comunicazione diversa...può andare o è troppo a rischio data la situazione? (fermo quanto ci siamo dette sul diritto personale alla cessione)

 

2) stessa situazione, oltre ai lavori da superbonus con sconto 100%, avremo opere detraibili al 50%. Non so chi pagherà il 50% residuo, e non so se verrà pagato per intero. Data la presenza già di quattro proprietari + successione aperta...e dato che i proprietari non si parlano...come accidenti mi posso regolare?

 

3) stesso condominio, altra unità. Proprietario morto tipo da 6 anni. Eredità che io sappia contesa tra moglie e figlio, attualmente le spese condominiali le paga la moglie, ma l'ultima volta che ho verificato non aveva la più pallida idea di come sarebbe andata a finire. Verosimilmente il proprietario sarà uno di loro due, ma non c'è la minima sicurezza su chi dei due... Fare una visura in catasto immagino sia abbastanza inutile, pagare un avvocato per verificare l'asse ereditario mi sembra non ottimale e comunque non risolutivo. Idee? Se riesco a farmi firmare da qualcuno la richiesta di cessione posso prenderla per buona? visto che è improbabile che otterrò questa firma perchè la moglie abita in romania e il figlio non so chi sia....la famosa indicazione a verbale "chi non vuole cedere batta un colpo"...può essere meglio di niente? (cioè, posso dormire la notte?)

Modificato da Silvia3
×