Vai al contenuto
archvit

Certificato di prevenzione incendi - opere di adeguamento

vorrei sottoporre la seguente problematica per quel che riguarda la responsabilità dell'amministratore relativa alla prevenzione incendi;

nel 1999 il costruttore ha richiesto l'abitabilità al Comune dichiarando la conformità al progetto e dal 2002 l'amministratore ha amministrato con continutà il condominio. L'anno scorso ha messo all' odg la questione del CPI e veniamo a conoscenza che non essendo stato mai rilasciato bisogna rifare la richiesta. Nel condominio non sono mai stati eseguiti lavori di modifica dei box ma i vigili del del fuoco approvano il progetto con la condizione di eseguire opere di adeguamento perchè le areazioni non sono sufficienti; la spesa ammonta a circa 55.000,00. Oggi purtroppo essendo trascordi i 10 anni per far rivalsa contro il costruttore per gravi difetti di costruzione, siamo costretti ad accollarci la spesa.

Se l’Amministratore avesse sollevato il problema per tempo (entro 10 anni), le opere di adeguamento per ottenere il CPI, erano da far ricadere sulla responsabilità del costruttore….

 

la domanda è in questo caso vi è responsabilità dell' Amministratore? se si deve contribuire alla spesa?

grazie

vorrei sottoporre la seguente problematica per quel che riguarda la responsabilità dell'amministratore relativa alla prevenzione incendi;

nel 1999 il costruttore ha richiesto l'abitabilità al Comune dichiarando la conformità al progetto e dal 2002 l'amministratore ha amministrato con continutà il condominio. L'anno scorso ha messo all' odg la questione del CPI e veniamo a conoscenza che non essendo stato mai rilasciato bisogna rifare la richiesta. Nel condominio non sono mai stati eseguiti lavori di modifica dei box ma i vigili del del fuoco approvano il progetto con la condizione di eseguire opere di adeguamento perchè le areazioni non sono sufficienti; la spesa ammonta a circa 55.000,00. Oggi purtroppo essendo trascordi i 10 anni per far rivalsa contro il costruttore per gravi difetti di costruzione, siamo costretti ad accollarci la spesa.

Se l’Amministratore avesse sollevato il problema per tempo (entro 10 anni), le opere di adeguamento per ottenere il CPI, erano da far ricadere sulla responsabilità del costruttore….

 

la domanda è in questo caso vi è responsabilità dell' Amministratore? se si deve contribuire alla spesa?

grazie

Se i fatti si son davvero sviluppati nel modo descritto sembrerebbe proprio esservi responsabilità del mandatario sia in merito all'aver fatto decorrere la prescrizione dei termini di cui all'art.1669cc, sia al fatto che per 10 anni non ha mai curato il CPI.

Sei sicuro non vi siano dettagli mancanti all'appello?

si perchè altrimenti oggi avremmo parlato di rinnovo e non di NUOVA richiesta CPI.

si perchè altrimenti oggi avremmo parlato di rinnovo e non di NUOVA richiesta CPI.

Esistono situazioni condominiali in cui da decenni è stato depositato il progetto ma non è stato realizzato per le ragioni più disparate.

Ecco spiegato perchè coi pochi elementi a disposizione ti si può fornire una risposta nei limiti degli stessi.

La materia non è semplice ed i dettagli possono fare la differenza.

Quindi prima di poter accusare si devono vagliare tutti gli elementi e compito del forum è anche quello di indicarvi pro e contro,elementi a favore ed a sfavore sempre nei limiti dello scritto,non è invece possibile darti ragione al 100% per partito preso.

Verifica (Te) le ragioni del ritardo ed i documenti in essere questo è il consiglio che ti si può fornire.

...condivido ma credo che quando l' Amm. ha preso il condominio, per le responsabilità poste a proprio carico avrebbe dovuto far presente che il CPI era mancante; si è preoccupato solo oggi di recuperare il progetto rilevando tra l'altro che il costruttore ha realizzato in parte le opere previste.

×